Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per contagiosità si intende la capacità (facilità o meno) di una noxa patogena di trasmettersi da un ospite eliminatore (sia esso portatore sano o malato) a un ospite recettivo attraverso le vie di trasmissione tipiche per quell'agente patogeno. Il termine noxa deriva dal latino e significa danno; in medicina sta a indicare qualsiasi elemento che agisca sull'organismo provocando una patologia.

La contagiosità dipende da molti fattori. Alcuni esempi possono essere:

  • la resistenza nell'ambiente dell'agente infettivo
  • la quantità di noxa che viene escreta dall'ospite eliminatore
  • la necessità da parte della noxa a dover compiere cicli biologici in più specie differenti (vedi ad esempio il Plasmodium Falciparum)
  • la necessità di ritrovarsi in uno stato particolare del suo ciclo vitale (vedi il Clostridium Tetani, che per dare la patologia deve ritrovarsi in stato di spora)
  • la necessità di penetrare attraverso lesioni di continuo (vedi sempre il tetano): di conseguenza perché avvenga il contagio il soggetto recettivo deve ferirsi.

Classificazione degli agenti eziologiciModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina