Apri il menu principale

Contea di Carpegna

Contea di Carpegna
Contea di Carpegna - Stemma
08 - Ducato di Urbino, 1635 - Henricus Hondius, Jan Jansson.jpg
Dati amministrativi
Lingue ufficialiItaliano, latino
Lingue parlateDialetto carpegnolo e scavolinese
CapitaleCarpegna
Dipendente daSacro Romano Impero
Politica
Forma di governoMonarchia assoluta
(contea)
Capo di StatoConte
NascitaFine del XII secolo con Ugo di Carpegna
CausaDivisione interna nella famiglia comitale
Fine1819 con Gaspare di Carpegna-Gabrielli
CausaAnnessione allo Stato Pontificio
Territorio e popolazione
Bacino geograficoMontefeltro
Massima estensione60 km² (con Scavolino) nel XVII secolo
Popolazione1500 abitanti nel XVII secolo
Economia
ValutaPontificia e del ducato di Urbino
RisorseAgricoltura, allevamento
Commerci conDucato di Urbino, Stato Pontificio, Granducato di Toscana
Religione e società
Religione di StatoCattolicesimo
Classi socialiNobili, clero, mezzadri, contadini
Evoluzione storica
Preceduto daCoat of arms of Federico and Guidobaldo da Montefeltro.svg Contea di Montefeltro
Succeduto dabandiera Stato Pontificio
Ora parte diItalia Italia

La contea di Carpegna, feudo imperiale, era un territorio di confine situato nella regione storica del Montefeltro, tra lo Stato Pontificio e il Granducato di Toscana, e fu governata fino al 1819 dall'omonima nobile famiglia. Nel 1460 si rese autonoma la contea di Scavolino, elevata poi a principato.

Storia della conteaModifica

Originatasi alla fine del XII secolo dalla divisione del gruppo consortile che avrebbe dato origine ai conti da Montefeltro e ai conti di Carpegna propriamente detti, nel XIII e XIV secolo la contea - che ritroviamo attestata per la prima volta come comitatus comitum de Carpengna in un atto del 1238[1] - si sviluppava intorno a due nuclei territoriali distinti. Il primo era situato nell'area del monte Carpegna, l'altro nell'area di San Marino. Essa giunse a comprendere in tempi diversi almeno trenta castelli, oggi compresi nelle province di Pesaro (Carpegna, Castellaccia, Castrum Arimannorum, Landeto, Monte Acuto (oggi Monte San Marco, presso Villagrande di Montecopiolo), Palazzo Corignano, Pieve di Carpegna, Sassofeltrio, Torre dei Fossati, Villa Sorbi), Rimini (Bascio, Billi, Castrum Pertice, Gattara, Maciano, Meleto, Miratoio, Pietracuta, San Lorenzo, Scavolino, Soanne, Tramarecchia, Turris dompni Nicole), Arezzo (Arsicci, Asaio, Belvedere, Monterotondo, Roti), Forlì (Montegelli) e nella repubblica di San Marino (Castrum Rome, Casole, Fiorentino, Montegiardino, Pennarossa, Torricella). Inoltre i conti, che avevano giurato il cittadinatico di Città di Castello, Rimini e Ravenna, detenevano uomini e diritti di varia natura nei contadi di quelle città.

 
Il borgo di Carpegna

L'aggregato politico era di una certa consistenza, tanto che i suoi signori nel 1256 dichiaravano di poter garantire a Città di Castello un contingente di mille fanti e venti cavalieri in caso di leva generale dell'esercito.[2] I domini situati nel Montefeltro si ridussero di numero e di estensione dalla fine del XIII secolo. Nella seconda metà del XV secolo, la perdita di gran parte dei castelli dell'area sammarinese e la scomparsa dei Malatesta dalla scena politica portarono i conti di Carpegna a dividersi definitivamente in due rami (1463). Un ramo ebbe Carpegna con altri tre castelli (Castellaccia, Palazzo Corignano e Torre dei Fossati), mentre l'altro ebbe Gattara, Bascio, Miratoio e Scavolino, costituendo un feudo che nel 1685 acquisì il rango di principato imperiale.[3] L'ingresso di Firenze nella politica di quella zona sul finire del Quattrocento, portò i Carpegna di entrambe le linee a cercare la protezione toscana tramite dei trattati di accomandigia, che li posero definitivamente al riparo dai tentativi di incameramento urbinate. Il 4 marzo 1490 fu infatti stipulato un atto di accomandigia con la repubblica fiorentina per assicurarsi tutela e difesa: il conte, nel giorno di San Giovanni Battista, partecipava in Firenze alla processione dei vassalli per consegnare un palio di seta del valore di sei fiorini d'oro.[4]

Da allora e fino al 1819, i due territori feudali di Carpegna e di Gattara-Scavolino rimasero autonomi, come feudi imperiali. Tuttavia la contea di Carpegna, per la sua posizione strategica di confine, fu spesso occupata o minacciata, come accadde con Cesare Borgia e Giovanni dalle Bande Nere.[5]

Si verificarono, inoltre, seri problemi connessi con la successione e la possibile estinzione della famiglia comitale: in un'evenienza del genere ci sarebbe stata la devoluzione a Firenze o a Roma. Nel 1560, morì il conte Orazio I lasciando un solo figlio, Giovanni III, che scomparirà precocemente. La vedova di questi, Beatrice, era in stato di gravidanza e, sotto la sorveglianza di emissari del duca di Urbino Guidobaldo II della Rovere (timoroso di un'annessione toscana), diede alla luce Orazio II, che salvò la dinastia e la contea.[6]

Tra i più significativi esponenti della famiglia si ricorda il cardinale Gaspare, famoso collezionista d'arte che, nel 1674, affidò all'architetto Giovanni Antonio De Rossi il progetto, in Carpegna, dell'imponente palazzo detto dei principi, costruito dal capomastro muratore Carlo Perugini da Gubbio tra il 1679 e il 1687. Nel 1749 la contea visse una nuova e complessa fase successoria. Il conte Francesco Maria, infatti, privo di eredi maschi, nominò a succedergli il nipote marchese Antonio Gabrielli (figlio di Mario Gabrielli e della sua figlia primogenita Laura) con l'obbligo di assumere il nome e titolo della casa di Carpegna. Tale decisione, però, provocò l'indignazione del granduca di Toscana, che era l'imperatore Francesco I (consorte di Maria Teresa d'Austria): il 10 giugno 1749, egli fece dunque occupare la contea che, in base agli accordi, in mancanza di prole maschile sarebbe dovuta passare al suo Stato. Il Papa, i sovrani di Francia, di Sardegna e di Spagna appoggiarono l'erede di Francesco Maria che, dopo il ritiro dell'esercito toscano, poté rientrare[7] nell'avito palazzo a Carpegna.

Nel 1797 si verificò un'altra situazione inconsueta: Napoleone I si impadronì dello Stato della Chiesa ma non occupò Carpegna, ritenendola un possedimento asburgico, cosicché nel 1803 il conte dominante poté persino emanare gli statuti della contea. Questa mantenne la sua autonomia fino al 1807, quando fu assorbita nel regno napoleonico d'Italia. Caduto Napoleone, l'ultimo conte sovrano, Gaspare, fu reintegrato nei suoi domini e nel 1817 riunì la contea di Carpegna e il principato di Scavolino sotto la propria giurisdizione. Papa Pio VII, però, aveva abolito il feudalesimo e, ritenendo assai pericolosa l'esistenza di un libero staterello al confine dello Stato pontificio, lo costrinse, nel 1819, a cedere i diritti e il patrimonio.[8] Si accese allora una lunga contesa giurisdizionale con il granducato di Toscana che si protrasse fino a che, nel 1861, l'istituzione del Regno d’Italia rese superate le liti sui confini fra gli Stati preunitari. Il patrimonio fu invece riacquistato nel 1851 dal figlio del figlio di Gaspare, Luigi, che nel 1865 assunse anche il cognome Falconieri.

Da quest'ultimo discendono gli attuali conti e principi di Carpegna Falconieri: Antonio (Elena e Filippo), Giovanni (Augusto Nicola), Tommaso (Livia, Sofia e Vittoria), Caterina.[9]

Le residenze dei conti di Carpegna erano le seguenti: il palazzo dei principi in Carpegna, il palazzo Carpegna a via degli Staderari, il palazzo Carpegna a Fontana di Trevi e la villa Carpegna in Roma.

I luoghi di sepoltura: pieve di San Giovanni a Carpegna, pieve di Santa Mustiola a Scavolino, chiesa di Santa Maria della Neve a Gattara, chiesa di San Francesco a San Marino, cappella dell'Incoronata nella chiesa di Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) a Roma, chiesa di Sant'Andrea della Valle a Roma.
Lo stemma dei conti di Carpegna è così illustrato:

«tre bande trasversali d'argento su campo azzurro»

Conti di Carpegna (1213-1819)Modifica

Titolo Nome Dal Al Consorte
1 Conte Ugo di Carpegna[10] 1213 1268 Guidolina di Guido di Bonconte
2 Conte Ramberto 1268 1307
3 Conte Rainaldo 1307 1359 Altachiara degli Onesti
4 Conte Nerio 1339 1362
5 Conte Bandino 1362 1406
6 Conte Giovanni I 1406 1431 Violante Malatesta di Rimini
7 Conte Lamberto o Ramberto 1431 1460 Caterina Saladini;
ramo Carpegna-Castellaccia
8 Conte Giovanni II 1460 1528 Berarda del Monte Santa Maria
9 Conte Orazio I 1528 1560 Livia Bartolini
10 Conte Giovanni III 1560 1570 Beatrice Landriani
11 Conte Orazio II 1570 1632 Camilla Passionei
12 Conte Francesco Maria I 1632 1665 Marzia Spada
13 Conte Muzio 1665 1688 Laura dal Pozzo
14 Conte Francesco Maria II 1688 1749 Giustina Ginevra Baldinotti
15 Conte Antonio 1749 1800 Anna Lombardi;
ramo Carpegna-Gabrielli
16 Conte Gaspare 1800
1814
1807
1819
Vittoria Brugiotti;
ultimo conte sovrano

Il principato di ScavolinoModifica

 
Veduta di Scavolino
 
L'arme dei principi di Scavolino

Nel 1460 la contea di Scavolino si staccò da Carpegna con Ugo, cugino di Lamberto che divise i territori: sottoscrisse l'atto di scissione tre anni dopo con il conte Giovanni II; nel 1490, poi, per maggiore sicurezza e tutela, concluse un accordo di accomandigia con la repubblica di Firenze.[11]
Il conte Tommaso (1560-1610) trasferì la residenza da Gattara a Scavolino, dove abbellì il borgo e fece erigere il possente palazzo-fortezza (di cui, sopravvissuto fino ai primi del Novecento, rimangono solo i ruderi): emanò un nuovo statuto, riunendo le norme volute dai predecessori.[12]

Nel 1685 la contea fu elevata a principato con diploma dell'imperatore Leopoldo I d'Asburgo: Ulderico sarà il primo a fregiarsi del titolo di principe del S. R. I. e di Bascio. Privo di figli, nel 1731 Ulderico trasmise il principato al nipote Emilio Orsini, figlio della sorella Vittoria.[13]

Ulderico II sarà l'ultimo reggente fino al 1797 a causa dell'occupazione napoleonica: ritornerà nel 1814 per morire poco dopo. Il 7 maggio 1817 scomparve la vedova Anna Girolama e, nel 1819, i due feudi dei Carpegna furono annessi allo Stato Pontificio. Il luogo di sepoltura dei principi di Scavolino era nella chiesa di Santa Mustiola.[14]

Da ricordare la madre del primo principe Ulderico, Teresa Dudley (1623-1698), figlia di Robert, conte di Warwick e duca di Northumberland (1574-1649) a sua volta figlio di Robert, conte di Leicester (1532-1588), favorito della regina Elisabetta I d'Inghilterra. Vedova del duca di Castiglione del Lago Fulvio Alessandro della Corgna, si risposò con il conte Mario, da cui ebbe tre figli: l'erede Ulderico, Vittoria (coniugata Orsini de' Cavalieri Sannesi e madre del principe Emilio) e Anna Maria Naro.[15][16]

Conti (1460-1685) e principi di Scavolino (1685-1797/1819)Modifica

Titolo Nome Dal Al Consorte e note
1 Conte [17] Ugo I
di Gattara-Scavolino
1460 1497 Camilla di Carpegna, Piera degli Arcani; discendente da Francesco
2 Conte Francesco I 1497 1553 Francesca Ottoni
3 Conte Pietro I 1553 1586 Laura Monaldeschi della Cervara, Francesca Bentivoglio
4 Conte Ettore 1586 1613 insieme al fratello Tommaso
5 Conte Tommaso I 1586 1610 Vittoria Landriani
6 Conte Pietro II 1610 1630 figlio di Tommaso e fratello di Francesco Maria e di Mario
7 Conte Francesco Maria 1630 1648 Isabella Orsini
8 Conte Mario I 1648 1669 Teresa Dudley di Northumberland,
già ultima duchessa consorte di Castiglione del Lago (1645-1647)
9 Conte
Principe
Ulderico I 1669
1685
1685
1731
Maria Francesca Colbert du Terron
10 Principe Emilio I Orsini di Carpegna 1731 1754 Marianna Vecchiarelli;
nipote ex sorore di Ulderico I
11 Principe Gaspare I 1754 1788 Giacinta Capizzucchi
12 Principe Ulderico II 1788 1797/1814 Anna Girolama di Carpegna
(+7 maggio 1817)
13 Principe Gaspare di Carpegna 1817 1819 Vittoria Brugiotti;

fratello di Anna Girolama di Carpegna;

ultimo principe sovrano

NoteModifica

  1. ^ 1238, luglio 10; edizione in Codice diplomatico dei conti di Carpegna, doc. 34, pp. 45-48; riproduzione fotografica e regesto online in Le pergamene della famiglia Carpegna Falconieri Gabrielli, nel SAN (Sistema archivistico nazionale), doc. 1.
  2. ^ 1256, aprile 25; edizione in Codice diplomatico, cit., doc. 44, pp. 62-66.
  3. ^ Potito, p.57
  4. ^ Caciagli, p. 62
  5. ^ Lombardi, p.67
  6. ^ Potito, p. 70
  7. ^ Lombardi, p. 112
  8. ^ Lombardi, p.134
  9. ^ Lombardi, Albero genealogico
  10. ^ Salvadori, p.15
  11. ^ Arlotti, p. 27
  12. ^ Arlotti, p. 30
  13. ^ Arlotti, p. 51
  14. ^ Arlotti, p. 62
  15. ^ Donati-Guerrieri, p. 278
  16. ^ Carpegna Falconieri, pp. XLIX-L, 107-109.
  17. ^ Potito, Albero genealogico

BibliografiaModifica

  • AA. VV., La contea di Gattara, Editrice Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 2006.
  • Tiziano Arlotti, Il principato di Scavolino, Bruno Ghigi Editore, Rimini 1985.
  • Giuseppe Caciagli, I feudi medicei, Pacini, Pisa 1980.
  • Sara Cambrini-Tommaso di Carpegna Falconieri (a cura di), Codice diplomatico dei conti di Carpegna (secoli XII-XIV, Editrice Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 2007.
  • Tommaso di Carpegna Falconieri (a cura di), Terra e memoria. I libri di famiglia dei conti di Carpegna-Scavolino (secoli XVI-XVII), Editrice Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 2000.
  • Tommaso di Carpegna Falconieri, I feudi imperiali dei conti e principi di Carpegna (secoli XIII-XIX), «Annali di storia moderna e contemporanea», 15 (2009), pp. 183-194.
  • Maria Gabriella Donati-Guerrieri, Lo Stato di Castiglione del Lago e i della Corgna, ed. Grafica, Perugia 1972.
  • Francesco Vittorio Lombardi, La contea di Carpegna, Bramante, Urbania 1977.
  • Amedeo Potito (a cura di), Carpegna feudo imperiale, Editrice Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 1973.
  • G. Renzi, Antiche vicende di confini tra Marche e Toscana , Editrice Società di Studi Storici per il Montefeltro, San Leo 1974.
  • M. Salvadori, Compendio genealogico della famiglia dei conti di Carpegna, Urbino 1880.
  • M. Tafuri, Il palazzo Carpegna a Carpegna, <Palatinum>, XI, 1967.
  • Leonardo Clementi, Carlo Perugini Capomastro Eugubino, tesi di laurea in Architettura, Università degli Studi di Firenze, a.a. 1999/2000, relatore G. Orefice.

Voci correlateModifica