Apri il menu principale

Contea di San Pietro

Contea di San Pietro
Informazioni generali
Capoluogo San Pietro di Monforte
Dipendente da Regno di Sicilia
Evoluzione storica
Inizio 1618 con Giuseppe Moncada
Causa Investitura a Conte di San Pietro di Giuseppe Moncada Saccano da parte di re Filippo IV di Spagna
Fine 1812 con Carmelo Moncada Oneto
Causa Abolizione del feudalesimo con la promulgazione della Costituzione siciliana
Preceduto da Succeduto da
Val Demone Distretto di Messina

La Contea di San Pietro fu uno stato feudale esistito tra gli inizi del XVII secolo e gli inizi del XIX secolo, che corrispondeva al territorio dell'odierna San Pier Niceto, comune della città metropolitana di Messina.

StoriaModifica

La terra baronale di Samperi, detta San Pietro di Monforte per distinguerla da San Piero Patti[1] nella Val Demone, è storicamente legata alla vicina Monforte, che fu possesso degli Alagona, dei Cruyllas, dei Castagna, dei Ventimiglia, dei La Grua, dei Pollicino e dei Moncada.[1]

Con i Moncada, San Piero Monforte divenne contea, a seguito dell'investitura a I conte di San Pietro di Giuseppe Moncada Saccano († 1631) con privilegio dato il 9 marzo 1618 dal re Filippo IV di Spagna, ed esecutoriato il 20 maggio dell'anno medesimo.[2]

Ultimo feudatario, prima dell'abolizione del feudalesimo avvenuta nel 1812, fu Carmelo Moncada Oneto (1740-1815), VIII principe di Monforte e VIII conte di San Pietro.

Cronotassi dei Conti di San Pietro (1628-1812)Modifica

  • Giuseppe Moncada Saccano (1628-1631)
  • Pietro Moncada Monforte (1632-1641)
  • Domenico Moncada di Giovanni (1641-1680)
  • Pietro Moncada Olivieri (1680-1724)
  • Giovanni Antonio Moncada (1725-1759)
  • Girolamo Moncada Oneto (1759-1765)
  • Emanuele Moncada Oneto (1765-1792)
  • Carmelo Moncada Oneto (1792-1812)

NoteModifica

  1. ^ a b F. M. Emanuele e Gaetani, marchese di Villabianca, Della Sicilia nobile, vol. 2, Stamperia de' Santi Apostoli, 1757, p. 227.
  2. ^ V. Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, vol. 5, Forni, 1981, p. 644.

BibliografiaModifica

  • D. Orlando, Il feudalismo in Sicilia, storia e dritto pubblico, Palermo, Lao, 1847.

Voci correlateModifica