Apri il menu principale

Cooperazione politica europea

La cooperazione politica europea (CPE) fu introdotta informalmente nel 1970 e formalizzata nell'Atto unico europeo che entrò in vigore nel 1987.

Il suo obiettivo era una consultazione tra gli stati membri nella politica estera. Gli stati membri erano obbligati a prendere in considerazione le posizioni del Parlamento europeo e quando possibile potevano prendere posizioni comuni nelle organizzazioni internazionali.

La CPE fu sostituita dalla Politica estera e di sicurezza comune (PESC) con il Trattato di Maastricht del 1992.

Evoluzione dell'Unione europeaModifica

Firma
In vigore
Trattati
1948
1948
Trattato di Bruxelles
1951
1952
Trattato di Parigi
1954
1955
Trattato di Bruxelles modificato
1957
1958
Trattati di Roma
1965
1967
Trattato di fusione
1975
N/A
Conclusione Consiglio europeo
1985
1985
Accordo di Schengen
1986
1987
Atto unico europeo
1992
1993
Trattato di Maastricht
1997
1999
Trattato di Amsterdam
2001
2003
Trattato di Nizza
2007
2009
Trattato di Lisbona
               
                         
Tre pilastri dell'Unione europea:  
Comunità europee:  
Comunità europea dell'energia atomica (EURATOM)
Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA) Trattato scaduto il 23 luglio 2002 Unione europea (UE)
    Comunità economica europea (CEE)
        Spazio Schengen   Comunità europea (CE)
    TREVI Giustizia e affari interni (GAI)  
  Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale (CGPP)
          Cooperazione politica europea (CPE) Politica estera e di sicurezza comune (PESC)
Istituzioni non consolidate Unione europea occidentale (UEO)    
Sciolta il 1º luglio 2011  
                       

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN144384495 · GND (DE4068298-5 · WorldCat Identities (EN144384495