Apri il menu principale
Copa América 2001
Competizione Coppa America
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 40ª
Date 11 luglio - 29 luglio 2001
Luogo Colombia Colombia
(7 città)
Partecipanti 12
Impianto/i 7 stadi
Risultati
Vincitore Colombia Colombia
(1º titolo)
Secondo Messico Messico
Terzo Honduras Honduras
Quarto Uruguay Uruguay
Statistiche
Miglior giocatore Honduras Amado Guevara[1]
Miglior marcatore Colombia Aristizábal (6)
Incontri disputati 26
Gol segnati 60 (2,31 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1999 2004 Right arrow.svg

La Copa América 2001 fu la quarantesima edizione del massimo torneo sudamericano per nazionali di calcio.

Nel 1999 la CONMEBOL, pur conscia dei rischi legati alla guerriglia che da decenni dilania la Colombia, decise di affidare, per la prima volta nella sua storia, l'organizzazione dell'edizione 2001 al Paese andino. Il mondo sportivo e le autorità colombiane si impegnarono ad organizzare un evento sicuro, predisponendo ingenti dispiegamenti di polizia e dell'esercito per proteggere calciatori e tifosi.

FormulaModifica

Per l'evento venne confermata la formula ormai adottata da quattro edizioni, con 12 nazionali partecipanti divise in 3 gironi all'italiana da 4 ciascuno. Le prime due classificate più le 2 migliori terze si sarebbero qualificate ai quarti. Da questo momento il torneo avrebbe preso la forma dell'eliminazione diretta.

Città e stadiModifica

Per ospitare le 26 gare della manifestazione, in programma dall'11 al 29 luglio 2001, furono scelte le seguenti città con i relativi stadi:

Città Stadio Capacità
Armenia Estadio Centenario 29.000
Barranquilla Estadio Metropolitano Roberto Meléndez 60.000
Bogotà Estadio Nemesio Camacho El Campín 48.300
Cali Estadio Pascual Guerrero 45.625
Manizales Estadio Palogrande 36.553
Medellín Estadio Atanasio Girardot 52.000
Pereira Estadio Hernán Ramírez Villegas 30.313

Sorteggio inizialeModifica

Quali squadre partecipanti, oltre alle 10 nazionali della CONMEBOL, furono invitate in un primo momento Messico e Canada. I messicani erano ormai ospiti fissi del torneo da 5 edizioni, mentre i canadesi sarebbero stati così omaggiati della propria vittoria della CONCACAF Gold Cup, ottenuta l'anno prima battendo in finale proprio la Colombia.

Nazione Iscrizione
CONMEBOL
Iscrizione
CONCACAF
Note
1   Argentina 1916 -
2   Brasile 1916 - Detentore Coppa America 1999
3   Cile 1916 -
4   Uruguay 1916 -
5   Paraguay 1921 -
6   Perù 1925 -
7   Bolivia 1926 -
8   Ecuador 1927 -
9   Colombia 1936 - Nazione ospitante
10   Venezuela 1952 -
11   Messico - 1961 Detentore Coppa CONCACAF 1998
12   Canada - 1963 Detentore Coppa CONCACAF 2000

Il 10 gennaio 2001 si svolsero a Bogotá i sorteggi dei gironi iniziali. Tale sarebbe stata la suddivisione delle 12 squadre al primo turno:

Gruppo A

Gruppo B

Gruppo C

Problemi di ordine internoModifica

Pochi giorni prima della data prevista per l'inizio del torneo, però, gli scontri fra le forze governative colombiane e i guerriglieri delle FARC si riacutizzarono sensibilmente. Di fronte alla drammatica situazione la CONMEBOL convocò d'urgenza una riunione per il 28 giugno, al fine di discutere sul da farsi. Al termine, il massimo organo calcistico sudamericano dispose la revoca dell'organizzazione alla Colombia per l'estrema gravità delle contingenze interne, mentre il Venezuela si offrì di ospitare l'evento in sua sostituzione. L'offerta dei venezuelani fu però rifiutata e il 30 giugno, in una nuova riunione, la CONMEBOL riassegnò la manifestazione alla Colombia, posticipandola però di un anno. Le autorità colombiane si opposero tuttavia alla decisione, promettendo massime garanzie di sicurezza e facendo notare la difficoltà di conciliare nel 2002 il calendario della Copa América con quello dei mondiali di Giappone e Corea del Sud, che si sarebbero disputati nello stesso anno. Di fronte a tali motivazioni, il 5 luglio la CONMEBOL fece marcia indietro e confermò l'edizione 2001 in Colombia, nelle stesse date previste, ma notevoli furono a questo punto le proteste di molte altre federazioni calcistiche sudamericane, che non si sentivano sicure in un clima come quello che si respirava al momento in Colombia.

Fu così che, dopo l'annuncio di Brasile e Uruguay di partecipare con nazionali di secondo piano, il 6 luglio il Canada diede il proprio forfait. In sostituzione dei nordamericani fu così chiamata in extremis la Costa Rica, che partecipava in tal modo al torneo per la seconda volta dopo l'edizione 1997. Rimase in forse anche la partecipazione dell'Argentina, che il 10 luglio, alla vigilia della prima partita, si ritirò anch'essa dalla Copa América, lamentando minacce di morte ricevute dai propri calciatori. Nonostante il disappunto dei tifosi biancocelesti, la Federazione argentina non ritornò sulla propria decisione, costringendo così gli organizzatori a trovare in poche ore un sostituto. La scelta cadde sull'Honduras, che accettò, nonostante l'allenatore Ramón Maradiaga fosse stato costretto a convocare in pochissime ore i propri calciatori, già partiti per le vacanze. La nazionale honduregna fu quindi trasportata in Colombia da un aereo dell'aviazione militare colombiana, giungendo la mattina dell'11 luglio a Medellín, dove avrebbe esordito 2 giorni dopo contro la Costa Rica.

La nuova composizione dei gironiModifica

Il salvataggio all'ultimo momento della manifestazione fece confermare tutto il calendario: le uniche modifiche furono le sostituzioni di Canada e Argentina rispettivamente con Costa Rica e Honduras.

Nazione Iscrizione
CONMEBOL
Iscrizione
CONCACAF
Note
1   Brasile 1916 - Detentore Coppa America 1999
2   Cile 1916 -
3   Uruguay 1916 -
4   Paraguay 1921 -
5   Perù 1925 -
6   Bolivia 1926 -
7   Ecuador 1927 -
8   Colombia 1936 - Nazione ospitante
9   Venezuela 1952 -
10   Messico - 1961 Detentore Coppa CONCACAF 1998
11   Honduras - 1961   Argentina (rinuncia)
Detentore Coppa UNCAF 1995
12   Costa Rica - 1962   Canada Detentore Coppa CONCACAF 2000 (rinuncia)
  Guatemala Detentore Coppa UNCAF 2001 (rinuncia)
Detentore Coppa UNCAF 1997 e Coppa UNCAF 1999

La composizione dei gironi iniziali fu pertanto la seguente:

Gruppo A

Gruppo B

Gruppo C

Primo turnoModifica

Gruppo AModifica

RisultatiModifica

Barranquilla
11 luglio 2001, ore 18:00
Ecuador  1 – 4  CileEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (33.511 spett.)
Arbitro:   Hidalgo

Barranquilla
11 luglio 2001, ore 20:45
Colombia  2 – 0  VenezuelaEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (33.511 spett.)
Arbitro:   Ortubé

Barranquilla
14 luglio 2001, ore 16:15
Cile  1 – 0  VenezuelaEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (26.150 spett.)
Arbitro:   Alcalá

Barranquilla
14 luglio 2001, ore 18:30
Colombia  1 – 0  EcuadorEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (26.150 spett.)
Arbitro:   Aquino

Barranquilla
17 luglio 2001, ore 18:30
Ecuador  4 – 0  VenezuelaEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (21.818 spett.)
Arbitro:   Hidalgo

Barranquilla
17 luglio 2001, ore 20:45
Colombia  2 – 0  CileEstadio Metropolitano Roberto Meléndez (21.818 spett.)
Arbitro:   Larrionda

ClassificaModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Colombia 9 3 3 0 0 5 0 +5
2.   Cile 6 3 2 0 1 5 3 +2
3.   Ecuador 3 3 1 0 2 5 5 0
4.   Venezuela 0 3 0 0 3 0 7 -7

Gruppo BModifica

RisultatiModifica

Cali
12 luglio 2001, ore 17:30
Perù  3 – 3  ParaguayEstadio Pascual Guerrero (27.878 spett.)
Arbitro:   A. Sánchez

Cali
12 luglio 2001, ore 19:45
Messico  1 – 0  BrasileEstadio Pascual Guerrero (27.878 spett.)
Arbitro:   Ruiz

Cali
15 luglio 2001, ore 16:00
Brasile  2 – 0  PerùEstadio Pascual Guerrero (25.711 spett.)
Arbitro:   Larrionda

Cali
15 luglio 2001, ore 18:15
Paraguay  0 – 0  MessicoEstadio Pascual Guerrero (25.711 spett.)
Arbitro:   Zambrano

Cali
18 luglio 2001, ore 17:30
Perù  1 – 0  MessicoEstadio Pascual Guerrero (24.105 spett.)
Arbitro:   Ortubé

Cali
18 luglio 2001, ore 19:45
Brasile  3 – 1  ParaguayEstadio Pascual Guerrero (24.105 spett.)
Arbitro:   A. Sánchez

ClassificaModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Brasile 6 3 2 0 1 5 2 +3
2.   Messico 4 3 1 1 1 1 1 0
3.   Perù 4 3 1 1 1 4 5 -1
4.   Paraguay 2 3 0 2 1 4 6 -2

Gruppo CModifica

RisultatiModifica

Medellín
13 luglio 2001, ore 18:00
Uruguay  1 – 0  BoliviaEstadio Atanasio Girardot (20.027 spett.)
Arbitro:   Navarro

Medellín
13 luglio 2001, ore 20:15
Honduras  0 – 1  Costa RicaEstadio Atanasio Girardot (20.027 spett.)
Arbitro:   Sánchez

Medellín
16 luglio 2001, ore 18:00
Uruguay  1 – 1  Costa RicaEstadio Atanasio Girardot (17.273 spett.)
Arbitro:   Simon

Medellín
16 luglio 2001, ore 20:15
Honduras  2 – 0  BoliviaEstadio Atanasio Girardot (17.273 spett.)
Arbitro:   Toro

Medellín
19 luglio 2001, ore 18:00
Costa Rica  4 – 0  BoliviaEstadio Atanasio Girardot (20.233 spett.)
Arbitro:   Solórzano

Medellín
19 luglio 2001, ore 20:15
Honduras  1 – 0  UruguayEstadio Atanasio Girardot (20.233 spett.)
Arbitro:   Zambrano

ClassificaModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Costa Rica 7 3 2 1 0 6 1 +5
2.   Honduras 6 3 2 0 1 3 1 +2
3.   Uruguay 4 3 1 1 1 2 2 0
4.   Bolivia 0 3 0 0 3 0 7 -7

Raffronto delle terze classificateModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Uruguay 4 3 1 1 1 2 2 0
2.   Perù 4 3 1 1 1 4 5 -1
3.   Ecuador 3 3 1 0 2 5 5 0

Fase ad eliminazione direttaModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
 
 1A.   Colombia  3
 
 3B.   Perù  0  
   Colombia  2
 
     Honduras  0  
 2C.   Honduras  2
 
 1B.   Brasile  0  
   Colombia  1
 
     Messico  0
 2B.   Messico  2
 
 2A.   Cile  0  
   Messico  2 Finale 3º posto
 
     Uruguay  1  
 3C.   Uruguay  2    Honduras  2 (5)
 1C.   Costa Rica  1      Uruguay  2 (4)
 

Quarti di finaleModifica

Pereira
22 luglio 2001, ore 15:00
Messico  2 – 0  CileEstadio Hernán Ramírez Villegas (11.239 spett.)
Arbitro:   Simon

Armenia
22 luglio 2001, ore 17:30
Uruguay  2 – 1  Costa RicaEstadio Centenario (8.876 spett.)
Arbitro:   Ruiz

Manizales
23 luglio 2001, ore 17:30
Honduras  2 – 0  BrasileEstadio Palogrande (20.286 spett.)
Arbitro:   Aquino

Armenia
23 luglio 2001, ore 19:45
Colombia  3 – 0  PerùEstadio Centenario (22.458 spett.)
Arbitro:   Alcalá

SemifinaliModifica

Pereira
25 luglio 2001, ore 19:45
Messico  2 – 1  UruguayEstadio Hernán Ramírez Villegas (11.797 spett.)
Arbitro:   A. Sánchez

Manizales
26 luglio 2001, ore 19:45
Colombia  2 – 0  HondurasEstadio Palogrande (34.653 spett.)
Arbitro:   Sánchez

Finale per il 3º postoModifica

Bogotá
28 luglio 2001, ore 14:00
Honduras  2 – 2  UruguayEstadio El Campín (43.196 spett.)
Arbitro:   Hidalgo

FinaleModifica

Bogotá
29 luglio 2001, ore 16:30
Colombia  1 – 0  MessicoEstadio El Campín (43.196 spett.)
Arbitro:   Aquino

Classifica marcatoriModifica

ArbitriModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Martín Tabeira, The Copa América Archive - Trivia, RSSSF. URL consultato il 21 aprile 2011.

BibliografiaModifica

  • (ENES) AA.VV., Historia de la Copa América 1916-2007, CONMEBOL, 2007, pp. 372-378.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio