Coppa Intercontinentale 1972 (calcio)

edizione del torneo calcistico
Coppa Intercontinentale 1972
Competizione Coppa Intercontinentale
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 13ª
Organizzatore UEFA e CONMEBOL
Date 6 settembre
e 28 settembre 1972
Partecipanti 2
Risultati
Vincitore Ajax
(1º titolo)
Secondo Independiente
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1971 1973 Right arrow.svg

La Coppa Intercontinentale 1972 è stata la tredicesima edizione del trofeo riservato alle squadre vincitrici della Coppa dei Campioni e della Coppa Libertadores.

AvvenimentiModifica

Le squadre giocarono il primo incontro con il lutto al braccio, in segno di ricordo e di rispetto per le vittime del massacro di Monaco, avvenuto il giorno precedente alla gara d'andata.[1] La partita di Avellaneda fu caratterizzata da un gioco ruvido, specialmente da parte degli argentini, i cui interventi scorretti causarono le proteste dello staff dell'Ajax: dopo il duro intervento di Mircoli su Cruijff, costretto ad uscire anzitempo a causa del fallo subito[2], i giocatori olandesi si adirarono, e il tecnico Kovács dovette convincerli, nell'intervallo tra il primo e il secondo tempo, a rientrare in campo per continuare la partita.[1] La gara terminò 1-1, reti di Cruijff e Sá. Il ritorno si tenne ad Amsterdam, e l'Ajax, agevolato dal giocare in casa, vinse per 3-0, superando anche dal punto di vista del gioco gli avversari sudamericani.[1]

Nel 2017, la FIFA ha equiparato i titoli della Coppa del mondo per club e della Coppa Intercontinentale, riconoscendo a posteriori anche i vincitori dell'Intercontinentale come detentori del titolo ufficiale di "campione del mondo FIFA", inizialmente attribuito soltanto ai vincitori della Coppa del mondo per club.[3][4][5]

TabellinoModifica

AndataModifica

Avellaneda
6 settembre 1972
Independiente  1 – 1
referto
  AjaxLa Doble Visera (60.000 spett.)
Arbitro:   Bakhramov

RitornoModifica

Amsterdam
28 settembre 1972
Ajax  3 – 0
referto
  IndependienteOlimpico (46.511 spett.)
Arbitro:   Romei

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Intercontinental Cups 1972 Archiviato il 22 giugno 2010 in Internet Archive. su fifa.com
  2. ^ Carlo F. Chiesa, Regine del mondo - La storia della Coppa Intercontinentale, in Calcio 2000, n. 27, febbraio 1999, p. 66.
  3. ^ Cfr. (EN) FIFA Council approves key organisational elements of the FIFA World Cup, su fifa.com, Fédération Internationale de Football Association, 27 ottobre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.; (EN) FIFA Club World Cup 2017: Statistical Kit (PDF), su resources.fifa.com, Fédération Internationale de Football Association, pp. 15, 40-42. URL consultato il 16 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2017).; Mondiale per club: il Real cerca l'allungo, su it.uefa.com, 13 dicembre 2017.
  4. ^ Sebbene non promuova l'unificazione statistica dei tornei, la FIFA è l'unica organizzazione con giurisdizione mondiale al di sopra delle confederazioni continentali e quindi, l'unica che può conferire un titolo di tale livello, ergo, il titolo assegnato dalla stessa federazione mondiale ai vincitori della Coppa Intercontinentale è formalmente un titolo mondiale FIFA, cfr. (EN) Approval for Refereeing Assistance Programme and upper altitude limit for FIFA competitions, su fifa.com, 15 dicembre 2007.; (EN) FIFA, FIFA Statutes, April 2016 edition (PDF), su resources.fifa.com, aprile 2016, p. 19.
  5. ^ Cfr. (ES) FIFA acepta propuesta de CONMEBOL de reconocer títulos de copa intercontinental como mundiales de clubes, su conmebol.com, 29 ottobre 2017.; (ES) La FIFA reconoció de manera oficial a la Copa Intercontinental, su diariovivo.com, 27 ottobre 2017.; (ES) FIFA reconoce Intercontinentales como Mundiales, su espndeportes.espn.com, 27 ottobre 2017.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio