Coppa Italia 1970 (calcio femminile)

Coppa Italia 1970
Competizione Coppa Italia
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Federazione Italiana Calcio Femminile (F.I.C.F.)
Date dal novembre 1970
al 19 marzo 1971
Luogo Italia Italia
Formula due raggruppamenti regionali, finali nazionali
Risultati
Vincitore Real Torino
(1º titolo)
Cronologia della competizione
ed. successiva Right arrow.svg

La Coppa Italia 1970 è stata la prima edizione del trofeo nazionale organizzato dalla Federazione Italiana Calcio Femminile (F.I.C.F.). Non è inserita nell'albo d'oro ufficiale della competizione[1] perché la F.I.G.C. non ha mai riconosciuto i titoli e le competizioni organizzate dagli enti di promozione sportiva (FICF, AICS, ASI, UISP e CSI).

Il torneo è iniziato nel novembre 1970 subito dopo la fine del campionato di Serie A FICF ed è terminato nell'anno solare successivo solo per motivi organizzativi, malgrado fosse stato definito di competenza della stagione sportiva 1970[2].

Il torneo è stato fatto disputare su due raggruppamenti dopo aver raccolto le iscrizioni giunte alla FICF a settembre 1970:

  • Nord Italia, 7 squadre, squadre di Piemonte, Lombardia, Liguria e Toscana[3] inserite nel girone nord[4];
  • Centro Italia, la romana A.C.F. Roma 70, inserita nel girone nord[5]
  • Sicilia, 10 squadre, inserite nel girone sud[6].

È stato vinto dal Real Torino in finale, battendo per 5-0 l'Amaro Trinacria Carini[6][7]..

FinaleModifica

In gara unica, disputata venerdì 19 marzo a Torino allo Stadio Comunale[7].

Squadra 1 Risultato Squadra 2
Real Torino 5-0 Amaro Trinacria Carini
Torino
19 marzo 1971, ore 15:30 CEST
Gara unica
Real Torino5 – 0
referto
referto 2
  Amaro TrinacriaStadio Comunale (3 000 spett.)
Arbitro:  Cosentina (Siracusa)

NoteModifica

  1. ^ Albo d'oro - Coppa Italia, su FIGC. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  2. ^ I comunicati ufficiali ciclostilati della F.I.C.F. avevano infatti stampato sull'intestazione in maiuscolo "stagione sportiva 1970" (archivio Real Torino, conservati dall'avvocato Cosentina essendo stato lui il segretario del Real Torino).
  3. ^ La sola iscritta toscana, l'A.C.F. Astro Corsetterie, era la ex A.C.F. Viareggio che di fatto, senza disponibilità di un campo sportivo, aveva disputato tutto il campionato di Serie A FICF 1970 sui campi torinesi con calciatrici locali prestate o cedute dalle squadre piemontesi.
  4. ^ Cronache pubblicate da "La Stampa", "Gazzetta del Popolo" e "Tuttosport" (tutti di Torino).
  5. ^ Cronache pubblicate dal Corriere dello sport di Roma e La Stampa di Torino.
  6. ^ a b Giovanni Di Salvo, Calcio Femminile – 19 marzo 1971, il Real Torino vince la Coppa Italia, in Gli Eroi del Calcio, 19 marzo 2020. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  7. ^ a b Di Salvo, p. 74.

BibliografiaModifica

  • Giovanni Di Salvo, Quando le ballerine danzavano col pallone - La storia del calcio femminile con particolare riferimento a quello siciliano, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., 2017, p. 74.
  • Sergio Nunzio Capizzi e Roberto Quartarone, Il cielo è rosa sopra il Cibali, Catania, Quelli del '46, 2020, p. 39, ISBN 9798638618735.
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio