Apri il menu principale

Coppa del Mondo di rugby femminile 1991

1ª Coppa del Mondo di rugby a 15 femminile
Coppa del Mondo di rugby femminile 1991
1991 Women’s Rugby World Cup
Competizione Coppa del Mondo femminile
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione
Organizzatore Women’s Rugby Football Union
Date dal 6 aprile 1991
al 14 aprile 1991
Luogo Galles
Partecipanti 12
Formula A gironi + play-off
Sede finale Arms Park (Cardiff)
Risultati
Vincitore Stati Uniti Stati Uniti
(1º titolo)
Finalista Inghilterra Inghilterra
Terzo Francia Francia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Statistiche
Incontri disputati 22
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Coppa del Mondo 1994 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby femminile 1991 (in inglese 1991 Women’s Rugby World Cup) fu la 1ª edizione della Coppa del mondo di rugby a 15 femminile per squadre nazionali.

All’epoca senza l’ufficialità dell’International Rugby Board, fu organizzata dalla Women’s Rugby Football Union[1], organismo di governo di tutto il rugby femminile in Gran Bretagna, con la collaborazione di alcuni club affiliati alla Welsh Rugby Union, che fornirono campi di gioco e sostegno logistico. Fu solo quasi un decennio più tardi, tra fine anni novanta e inizio duemila[2], che l’IRB decise di legittimare a posteriori le due edizioni (compresa quella del 1994) non organizzate sotto la sua giurisdizione[2][3].

Il torneo, a inviti, si svolse in Galles tra 12 squadre tra cui quella dell’Unione Sovietica, che in tale occasione al contempo esordì in una grande manifestazione e disputò i suoi ultimi incontri perché a fine anno il suo Paese si sciolse, e vide la vittoria degli Stati Uniti in finale all’Arms Park di Cardiff contro l’Inghilterra per 19-6.

Benché dal punto di vista economico in passivo[4], poi ripianato in maniera non ufficiale dalla Rugby Football Union[2], la manifestazione è vista in retrospettiva come apripista dell’attività internazionale femminile d’alto livello[1].

StoriaModifica

La preparazioneModifica

Quando nacque l’idea di organizzare una competizione mondiale il rugby internazionale femminile era ancora giovane: il primo incontro tra due rappresentative nazionali (Paesi Bassi e Francia) risale al 1982; nel 1984 aveva esordito la Svezia, nel 1985 l’Italia, nel 1986 Belgio e Gran Bretagna, nel 1987 Canada, Galles e Inghilterra[5], ma a tutto il 1990 erano stati disputati meno di 50 test match. Furono proprio le dirigenti che avevano dato vita alla nazionale della Gran Bretagna dapprima, e poi di quelle di Galles e Inghilterra poi[6][7], ad avere l’idea di allestire un torneo avente valore mondiale, sulla scorta di una competizione organizzata ad agosto 1990 a Christchurch dalla federazione femminile neozelandese e chiamata RugbyFest che vedeva la partecipazione, oltre che della squadra di casa, anche di Paesi Bassi, Stati Uniti e Unione Sovietica[8].

Deborah Griffin, fondatrice e presidente della Women’s Rugby Football Union, e tre sue collaboratrici e compagne di squadra inglesi, Sue Dorrington (statunitense di nascita ma britannica per matrimonio), Alice Cooper e Mary Forsyth, che si occuparono dei vari aspetti organizzativi e finanziari, contattarono le federazioni europee che già all’epoca schieravano squadre nazionali femminili; pur senza mezzi economici, o promesse mai mantenute di rimborsi e sponsorizzazioni, e il netto rifiuto sia della federazione inglese che dell’International Rugby Board di collaborare, riuscirono ad avere le necessarie adesioni per organizzare il torneo, che fu messo in calendario ad aprile 1991 e trovò l’ospitalità di alcuni club gallesi[1].

Nonostante la natura semiclandestina del torneo, le organizzatrici riuscirono a guadagnarsi uno spazio sulla stampa: il Times di Londra diede risalto alla competizione[9], menzionando anche la circostanza che, nonostante il disimpegno della federazione maschile, le ragazze inglesi potevano contare sulla collaborazione tecnica di Brian Moore[9], all’epoca tallonatore titolare degli Harlequins e della nazionale, e prestatosi per la circostanza a curare le rifiniture nelle sessioni d'allenamento[9].

Benché praticamente sconosciuto in Italia[10], il rugby femminile trovò un sostenitore d’eccezione in Paolo Rosi, ex giocatore internazionale e in seguito rinomato giornalista sportivo alla Rai, che sulla Stampa di Torino, alla vigilia del torneo, esortò a coltivare il giovane movimento e garantirgli «pieno diritto di cittadinanza»[10]. La stessa Italia, peraltro, era tra le poche squadre che si presentavano alla competizione sotto la giurisdizione della federazione nazionale, essendo il rugby femminile azzurro passato dall’UISP alla diretta gestione della F.I.R. il 19 gennaio 1991[10]; nazionali di peso come Inghilterra o la stessa Nuova Zelanda facevano capo a federazioni femminili autonome da quelle nazionali preesistenti e riconosciute dall’IRB.

Il torneoModifica

La partita d’apertura del torneo fu InghilterraSpagna a Swansea e vide una netta vittoria delle britanniche per 12-0; le squadre supposte favorite (la stessa Inghilterra, gli Stati Uniti, la Francia e la Nuova Zelanda) rispettarono i pronostici e vinsero tutti i loro incontri nella fase a gironi; in tale frangente spiccò la vicenda della nazionale sovietica (l’unica formazione rugbistica di tale Paese ad avere preso parte a una rassegna mondiale, dopo il declino dell’offerta di quella maschile nel 1987 per ragioni politiche[11]) che, arrivata in Gran Bretagna a soli due giorni dall’inizio del torneo, vi era stata inviata dalla propria federazione con fondi scarsissimi per vitto e alloggio (era stato garantito alle giocatrici solo il pagamento del viaggio[12]), e le cui giocatrici, dopo la prima partita, tentarono di sostenersi vendendo a Cardiff diversi souvenir russi nonché i quantitativi di vodka e caviale che erano riuscite a contrabbandare all’aeroporto di Heathrow[12][13]. Una volta saputo delle loro difficoltà, le altre atlete supplirono in parte alla sussistenza delle colleghe sovietiche[13]; un articolo dell’epoca del Guardian riferisce che un’industria dolciaria e un ristoratore gallese offrirono vitto, un anonimo donò 1 200 sterline e anche la madre di una delle giocatrici gallesi al torneo contribuì con ulteriori 100 sterline[14].

Nelle semifinali gli Stati Uniti batterono, relativamente a sorpresa, le neozelandesi per 7-0, mentre l’Inghilterra non ebbe problemi contro la Francia; la finale disputata all’Arms Park di Cardiff vide le inglesi andare in vantaggio nel primo tempo per 6-0, chiudere la prima frazione sul 6-3 per poi subire 16 punti (tre mete, due delle quali trasformate) dalle nordamericane che si imposero 19-6 e vinsero la competizione, all’epoca ancora non ufficiale[1][4].

Per le atlete statunitensi si trattò del ritorno alla vittoria del loro Paese in una manifestazione rugbistica dopo il titolo olimpico del 1924 a Parigi della rappresentativa maschile, e al 2018 il più recente.

Il post-torneoModifica

Nonostante il buon successo di pubblico (circa 3 000 spettatori assistettero alla finale[4]) lo sbilancio tra entrate e uscite fu stimato a caldo tra le dieci e le quindicimila sterline[4], comprensivo delle spese straordinarie sostenute per sostenere la squadra sovietica[4] e solo parzialmente coperte dalla solidarietà di privati e commercianti della zona. Una più dettagliata revisione quantificò il passivo a circa 30 000 sterline[1] e Deborah Griffin si rivolse all’allora segretario della Rugby Football Union Dudley Wood facendogli presente l’obbligo morale della federazione di sostenere lo sforzo organizzativo fatto dalla sua controparte femminile, soprattutto per quanto concerneva il contenimento dei costi del torneo[1]; al riguardo erano circolate voci sulla stampa circa il fatto che le quattro dirigenti inglesi avessero ipotecato le loro abitazioni per reperire fondi, ma Sue Dorrington in seguitò smentì in toto la circostanza[1]. Wood intercedette presso un fornitore di conoscenza della RFU e lo convinse a non fatturare il credito vantato, che costituiva la voce di passivo maggiore per le organizzatrici[1], e ripagò a nome della federazione gli altri debiti[1].

La notorietà guadagnata a seguito del torneo aiutò la promozione del rugby femminile in tutto il Regno Unito[1]; tre anni più tardi l’Inghilterra prese la rivincita sugli Stati Uniti battendoli in finale della Coppa del Mondo successiva, e nel 1996 nacque l’Home Nations’ Championship, destinato a diventare il Sei Nazioni. Nel 1998 l’International Rugby Board assunse la gestione diretta della manifestazione e ne ufficializzò a posteriori le edizioni 1991 e 1994[3].

FormulaModifica

Le 12 squadre furono ripartite in 4 gironi da 3 squadre ciascuna. Ogni squadra incontrò le altre due del girone (2 punti vittoria, 1 a pareggio e 0 a sconfitta). La prima classificata di ogni girone accedette alle semifinali per il titolo; le altre otto squadre disputarono invece i play-off per il quinto posto. Tutta la fase a eliminazione fu in gara unica.

Non furono previste né la gara di assegnazione per il terzo posto né quelle di assegnazione dei posti sotto al sesto.

GironiModifica

Fase a gironiModifica

Girone 1Modifica

Data Incontro Risultato Sede
6 aprile 1991 Nuova ZelandaCanada 24-8 Cardiff
8 aprile 1991 GallesCanada 9-9 Dublino
10 aprile 1991 GallesNuova Zelanda 6-24 Rhondda
Classifica G V N P PF PS PT
1   Nuova Zelanda 2 2 0 0 48 14 +34 4
2   Canada 2 0 1 1 17 33 -16 1
3   Galles 2 0 1 1 15 33 -18 1

Girone 2Modifica

Data Incontro Risultato Sede
6 aprile 1991 FranciaGiappone 62-0 Port Talbot
8 aprile 1991 FranciaSvezia 37-0 Cardiff
10 aprile 1991 GiapponeSvezia 0-20 Rhondda
Classifica G V N P PF PS PT
1   Francia 2 2 0 0 99 0 +99 4
2   Svezia 2 1 0 1 20 37 -17 2
3   Giappone 2 0 0 2 0 82 -82 0

Girone 3Modifica

Data Incontro Risultato Sede
6 aprile 1991 Paesi BassiStati Uniti 0-7 Pontypool
8 aprile 1991 Paesi BassiUnione Sovietica 28-0 Rhondda
10 aprile 1991 Stati UnitiUnione Sovietica 46-0 Cardiff
Classifica G V N P PF PS PT
1   Stati Uniti 2 2 0 0 53 0 +53 4
2   Paesi Bassi 2 1 0 1 28 7 +21 2
3   Unione Sovietica 2 0 0 2 0 74 -74 0

Girone 4Modifica

Data Incontro Risultato Sede
6 aprile 1991 InghilterraSpagna 12-0 Swansea
8 aprile 1991 InghilterraItalia 25-9 Rhondda
10 aprile 1991 ItaliaSpagna 7-13 Cardiff
Classifica G V N P PF PS PT
1   Inghilterra 2 2 0 0 37 9 +28 4
2   Spagna 2 1 0 1 13 19 -6 2
3   Italia 2 0 0 2 16 38 -22 0

Fase a play-offModifica

Play-off per il 5º postoModifica

Quarti di finale Semifinale Finale 5º posto
                   
       
    Canada   38
    Unione Sovietica   0  
    Canada   6
      Italia   0  
    Italia   18
    Svezia   0  
    Canada   19
      Spagna   4
    Galles   3
    Paesi Bassi   6  
    Paesi Bassi   0
      Spagna   8  
    Giappone   0
    Spagna   30  

Quarti di finaleModifica

Cardiff
11 aprile 1991
Canada  38 – 0
referto
  Unione Sovietica

Cardiff
11 aprile 1991
Italia  18 – 0
referto
  Svezia

Cardiff
11 aprile 1991
Galles  3 – 6  Paesi Bassi

Cardiff
11 aprile 1991
Giappone  0 – 32
referto
  Spagna

SemifinaliModifica

Cardiff
12 aprile 1991
Canada  6 – 0
referto
  ItaliaEly Memorial Ground

Cardiff
12 aprile 1991
Paesi Bassi  0 – 8
referto
  SpagnaEly Memorial Ground

Finale per il 5º postoModifica

Cardiff
13 aprile 1991
Canada  19 – 4
referto
  SpagnaEly Memorial Ground

Play-off per il titoloModifica

  Semifinali Finale
                 
   Nuova Zelanda 0  
   Stati Uniti 7  
       Stati Uniti 19
     Inghilterra 6
   Francia 0
   Inghilterra 13  

SemifinaliModifica

Cardiff
12 aprile 1991, ore 18 UTC+1
Nuova Zelanda  0 – 7
referto
  Stati UnitiArms Park
Arbitro:   Gareth Symmons

Cardiff
12 aprile 1991, ore 20 UTC+1
Inghilterra  13 – 0
referto
  FranciaArms Park

FinaleModifica

Cardiff
14 aprile 1991, ore 15 UTC+1
Stati Uniti  19 – 6
referto
  InghilterraArms Park (3 000 spett.)

Classifica finaleModifica

Non esiste una graduatoria ufficiale. Se i primi sei posti furono determinati tramite gara (il terzo posto fu condiviso), quelli dal settimo al dodicesimo non furono assegnati; prendendo come riferimento i play-off per il quinto posto e per ogni turno i punti di scarto in ordine crescente, alle spalle della sesta classificata figurano le due semifinaliste e — a seguire — le quattro quartifinaliste perdenti.

Squadra
    Stati Uniti
    Inghilterra
    Francia
  Nuova Zelanda
5   Canada
6   Spagna
7   Italia
  Paesi Bassi
9   Galles
  Svezia
  Giappone
  Unione Sovietica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) The 1991 Women’s Rugby World Cup Trailblazers, su englandrugby.com, Rugby Football Union, 1º agosto 2017. URL consultato il 14 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017).
  2. ^ a b c (EN) The History of the Women’s Rugby World Cup, su englandrugby.com, Rugby Football Union, 21 luglio 2017. URL consultato il 14 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2018).
  3. ^ a b (EN) James Mortimer, From troubled beginnings to 1000 Tests - Women's Rugby continues to grow, su allblacks.com, New Zealand Rugby, 9 luglio 2013. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
    «Notably the IRB included 1991 and 1994 “unofficial” World Cups on their list of previous tournaments in the official bid documents, the first time the governing body had done this.».
  4. ^ a b c d e (EN) David Hands, World Cup: review, in The Times, 16 aprile 1991. URL consultato il 22 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2018).
  5. ^ (EN) Wales Women v England: 30-year anniversary, su englandrugby.com, Rugby Football Union, 10 febbraio 2017. URL consultato il 14 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2018).
  6. ^ (EN) Mark Taylor, How a game for a laugh led to Deborah Griffin blazing a trail to develop women’s rugby, in The Cambridge Independent, 11 marzo 2018. URL consultato il 13 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2018).
  7. ^ (EN) Women’s rugby pioneer excited by future of the sport, su englandrugby.com, Rugby Football Union, 19 giugno 2017. URL consultato il 13 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2017).
  8. ^ (EN) Jennifer Curtin, Before the Black Ferns: Tracing the Beginnings of Women’s Rugby in New Zealand, in The International Journal of the History of Sport, vol. 33, nº 17, Abingdon-on-Thames, Taylor & Francis, 2016, pp. 2071-85, DOI:10.1080/09523367.2017.1329201, ISSN 0952-3367 (WC · ACNP). URL consultato il 15 agosto 2018.
  9. ^ a b c Alix Ramsay, World Cup: The tournament begins, in The Times, 6 aprile 1991. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2018).
  10. ^ a b c Paolo Rosi, Cade il mito del rugby, sport per soli uomini, in La Stampa, 5 aprile 1991, p. 35. URL consultato il 21 agosto 2018.
  11. ^ (EN) Brendan Gallagher, Russia hope superpower struggle with US will act as a springboard for union back home, in The Daily Telegraph, 13 settembre 2011. URL consultato il 29 maggio 2014.
  12. ^ a b (EN) Peter Jackson, How the Russians endeared themselves to their Welsh hosts at inaugural Women’s World Cup, in Irish Examiner, 9 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2017).
  13. ^ a b Liliana Fornasier, Due atlete sarde in maglia azzurra ai mondiali di rugby (PDF), in il Messaggero Sardo, 30 aprile 1991, p. 30. URL consultato il 21 agosto 2018.
  14. ^ (EN) Martyn Williams, Women’s World Cup: Vodka salesgirls have shorts, will travel, in The Guardian, 9 aprile 1991. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2018).

Collegamenti esterniModifica


  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby