Apri il menu principale

Il Copyright Act del 1976 è uno statuto limitato alla legislazione sul copyright degli Stati Uniti d'America e rimane la base primaria per la legge sul copyright al loro interno.

Approvato per via degli interessi delle Compagnie Cinematografiche di Hollywood (come per esempio la Walt Disney), prima dell'emanazione di questo Copyright Act si prevedeva che la durata del copyright fosse di 14 anni, quindi significava che dopo 14 anni chiunque poteva pubblicare un libro, una canzone affrontando solo i costi tecnologici dell'operazione.[senza fonte]

Cenni storiciModifica

Con il Computer Software Copyright Act del 12 dicembre 1980 si ebbe una revisione legislativa del Copyright Act del 1976, e questo nuovo testo per primo definì il software come opera soggetta al diritto d'autore, in quanto assimilabile ad una serie di istruzioni utilizzabili tramite un computer per ottenere un risultato, escludendo la brevettabilità del software per la mancanza di novità e originalità.

La durata del copyright fu ulteriormente estesa, in seguito, con l'approvazione della legge nota come Sonny Bono Copyright Term Extension Act nel 1998.

Atti federali precedentiModifica

Secondo il Copyright Act del 4 marzo 1909 (in inglese: An Act to amend and consolidate the Act respecting copyright)[1][2], quando il diritto d'autore era garantito dalla pubblicazione dell'opera con il contestuale marchio di copyright (e relativa registrazione presso il Copyright Office), il soggetto titolato era tenuto a depositare "prontamente" almeno due copie complete della migliore edizione pubblicata fino a quel momento, presso il Copyright Office od inviate all'indirizzo stabilito dal Copyright Office del Distretto della Columbia a Washington.

Su domanda dell'autore, del proprietario del copyright, o di un detentore legale di diritti, dovevano essere restituite al richiedente le richieste di deposito (con relativa copia del documento) rimaste presso il Copyright Office dal 1929 al 1935, e non inoltrate alla Biblioteca del Congresso per tale tipo di valutazione. Ciò valeva per le richieste di qualsiasi natura purché presentate a mezzo stampa e pubblicate (articoli, libri, composizioni musicali, fotografie, ritagli di fotografie, incisioni, litografie), potendosi escludere fotografie identificative di opere d'arte, manoscritti e opere teatrali dattiloscritte. L'atto dispone che, scaduti i termini per i detentori dei diritti, se ritenute opportune o utilio dalla Library of Congress, le opere non sarebbero andate distrutte, ma rimaste in deposito presso il Copyright Office, pubblicandone periodicamente un Catalog of Copyright Entries[3].

Leggi UE e statunitensi successiveModifica

Sulla base del WIPO Copyright Treaty del 1996, furono implementate il Digital Millennium Copyright Act negli Stati Uniti, e la Copyright Directive n. 29/2001 dall'Unione Europa, che riformarono il Sistema di Gestione del diritto d'autore. Il Digital Millennium Copyright Act (DMCA) rende illegali la produzione e la divulgazione di tecnologie, strumenti o servizi che possano essere usati per aggirare le misure di accesso ai lavori protetti dal copyright (anche conosciuti come DRM) ed inoltre criminalizza l'elusione di un dispositivo di controllo d'accesso, anche quando non vi sia un'effettiva violazione del diritto d'autore.
È mitigato dall'Online Copyright Infringement Liability Limitation Act, che limita la responsabilità degli Online Service Provider (compresi dunque gli Internet Service Provider) e degli altri intermediari -non qualificati giuridicamente con precisione- che operano su Internet, ma non degli utenti, a patto che vengano osservate determinate procedure.

Proposte di legge
  • IPRED2 (proposta di Direttiva, ritirata nel 2010): prevedeva norme penali.
  • Proposta di Direttiva sul diritto d'autore nel mercato unico digitale 14.09.2016 COM(2016) n. 593[6]
  • Stop Online Piracy Act (1996, non approvato): nella stesura proposta avrebbe permesso ai titolari di copyright statunitensi di agire direttamente per impedire la diffusione di contenuti protetti, e al Dipartimento di Giustizia e ai titolari di copyright di procedere legalmente contro i siti web accusati di diffondere o facilitare le infrazioni del diritto d'autore.
  • Public Domain Enhancement Act (2006, proposta di legge): minitassa sul copyright elevato a 95 anni, pubblico dominio delle opere orfane.

ContenutoModifica

Il Copyright Act spiega i diritti basilari del copyright legati ad un supporto, codifica la dottrina del "fair use" (uso consentito), e converte il termine del copyright su un'opera, da un periodo fisso, rinnovabile a richiesta, ad un periodo esteso basato sulla data della morte del creatore.

Con l'emanazione di questa legge, la durata del copyright venne prolungata:

  • 50 anni dalla morte del creatore;
  • 75 anni se appartenente ad una impresa.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Copyright Act del 1909 (PDF), su copyright.gov. URL consultato il 2 Novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2005).
  2. ^ (EN) Legge sul diritto d'autore dal 1909 al 1947. Sezione 9 e 12, su law.copyrightdata.com (archiviato il 22 Giugno 2008).
  3. ^ (EN) Catalog of Copyright Entries. New Series: 1940-1943, Library of Congress, 1940, p. 3. URL consultato il 13 marzo 2018.
    «Includes Part 1, Books, Group 1, Nos. 1-12 (1940-1943)».
  4. ^ Corte di giustizia dell'Unione europea, Sentenza CGEU, caso Scarlet Extended e SABAM, su curia.europa.eu, 24 novembre 2011. URL consultato il 13 marzo 2018.
  5. ^ Bruxelles: comunicazioni e linee guida sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale, su dmit.it, 29 dicembre 2017. URL consultato il 12 marzo 2018.
  6. ^ Statement AIB sulle riforme in materia di Copyright proposte nel 2016 dalla Commissione Europea, su aib-web.it, Roma, 27 gennaio 2017. URL consultato il 12 marzo 2018.

BibliografiaModifica

  • Giorgio Jarach - Alberto Pojaghi Manuale del diritto d'autore Mursia editore ISBN 9788842538172 pag.364-377

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN181846434 · LCCN (ENn80066755 · WorldCat Identities (ENn80-066755