Apri il menu principale
Cornizzolo
Cornizzolo Vista.jpg
Panorama dalla cima del monte Cornizzolo in direzione est
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaComo Como
Lecco Lecco
Altezza1 241 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°50′13.53″N 9°18′07.16″E / 45.837092°N 9.30199°E45.837092; 9.30199Coordinate: 45°50′13.53″N 9°18′07.16″E / 45.837092°N 9.30199°E45.837092; 9.30199
Altri nomi e significatiCurnisciöö (dialetto locale)
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cornizzolo
Cornizzolo
Mappa di localizzazione: Alpi
Cornizzolo
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezionePrealpi Luganesi
SottosezionePrealpi comasche
SupergruppoCatena Palanzone-San Primo-Corni di Canzo
GruppoGruppo dei Corni di Canzo
SottogruppoSottogruppo dei Corni di Canzo
in senso stretto
CodiceI/B-11.I-C.9.a

Il monte Cornizzolo, (Curnisciöö nel dialetto locale) è una montagna delle Prealpi Lombarde alta 1.241 m s.l.m. Si trova in Lombardia, tra la provincia di Como e quella di Lecco. Nell'Ottocento era anche registrato come monte Pesura, ma in realtà questo era il nome di una parte del pendio canzese (quello che genera il torrente Valèt). Nel gergo venatorio, la zona prossima alla sommità del monte è conosciuta come Curunghèll/Curunghelìn. Antonio Stoppani lo chiama "Cornicciolo".

Indice

DescrizioneModifica

La cima è sormontata da una croce, mentre poco più in basso, a circa 1100 m s.l.m., vi è il rifugio Marisa Consigliere, aperto ogni domenica durante tutto l'anno e tutti i giorni nel mese di agosto. È in fase sperimentale l'installazione di una serie di webcam ad alta risoluzione[1] e di una centralina meteo[2]. Il monte Cornizzolo è famoso tra gli appassionati di deltaplano e parapendio, visto che presenta un campo di decollo accessibile quasi tutto l'anno, dove da diversi anni vengono organizzate competizioni sportive di livello internazionale.

Il luogo è frequentato anche dai ciclisti poiché la strada che porta al rifugio Consigliere, completamente asfaltata, è una delle salite più impegnative della zona[3]: da Eupilio sale per poco meno di 8 km per un dislivello di circa 740 metri. La pendenza media è superiore al 9%; tra l'"Alpe Carella" e l'"Alpe Fusi" vi è un tratto di circa 3 km costantemente sopra il 10% con punte fino al 18-19%. La seconda metà della salita è chiusa al traffico; occorre scendere di bicicletta per superare la sbarra.

EscursioniModifica

Il monte Cornizzolo è raggiungibile attraverso innumerevoli percorsi di varia difficoltà. Il più utilizzato è quello che parte da Eupilio e, attraverso una comoda strada asfaltata di pendenza modesta, permette di arrivare fino al rifugio Marisa Consigliere. Da li un breve ma ripido sentiero porta alla vetta in poco più di 300 metri. La via più veloce è quella che parte da Suello, la direttissima, un itinerario di 2,5 km che richiede però di superare un dislivello di 900 metri. Un percorso simile alla direttissima ma più lungo e con una pendenza più moderata è quello che parte da Civate. Un'ulteriore alternativa è partire dalle fonti di Fonti di Gajum di Canzo, un percorso di media lunghezza e difficoltà.[4]

ArcheologiaModifica

Sul suo pendio, a quota 1100 m s.l.m., in una sella col monte rai, sul del crinale, orientato a sud, verso i laghi di Pusiano e Annone è stato scoperto un sito mesolitico, con tracce di focolare di industria litica, utilizzante pietra locale ritenuto una possibile stazione di caccia stagionale ad opera di cacciatori raccoglitori.

ArchitettureModifica

Di notevole interesse storico-architettonico è invece l'abbazia di San Pietro al Monte e il sottostante oratorio di San Benedetto al Monte, costruzione risalente all'XI secolo in stile romanico, la quale sorge alle pendici del suddetto monte nel territorio del comune di Civate (LC)[5].

Attorno al monte sono inoltre presenti: il santuario di San Miro, la cappella di San Michele al Lazzaretto, la Madonna dei Sette Dolori, La Santa, la chiesa di San Francesco, la chiesa dei Santi Vito e Modesto, il monastero di San Calocero, la chiesa di San Nazaro, la chiesa di Sant'Andrea di Isella, la casa del Pellegrino, la chiesa di Santo Stefano, la cappella della Madonna di Caravaggio, il monastero dei Padri Barnabiti, la chiesa di San Lorenzo, il santuario della Madonna della Neve, la chiesa dello Spirito Santo, la chiesa di Sant'Antonio, la chiesa di San Martino, la chiesa di San Tommaso, e molti altri edifici religiosi. Questi luoghi sono toccati dall'evento Gir di Sant.

Il monte è sede di antichi culti preceltici, celtici e romani[6]. Il Cornizzolo è sormontato da un'imponente croce in ferro battuto, opera dei mastri fabbri di Canzo; anticamente vi era una croce in pietra, tuttora conservata accanto alla cappella degli Alpini, posta sul piano del Cornizzolo. È perciò una montagna sacra a tutti gli effetti.

La società multinazionale cementiera Holcim, dopo aver rilevato gli impianti industriali produttivi e le tre cave di marna per cemento precedentemente operate dalla Cementeria Merone (posti sul versante su del Cornizzolo), ha posto in essere un progetto d'ampliamento dei siti estrattivi, con l'apertura di una quarta cava a cavallo dell'Abbazia di San Pietro al Monte. Successivamente, nel 2013, complici la crisi del settore edilizio e lo sviluppo di un nuovo stabilimento a Ternate, la Holcim ha chiuso i propri siti in zona, provvedendo anche allo smantellamento della storica teleferica (lunga 6 km) che dal Cornizzolo portava la marna a Merone[7].

2012 Anno del CornizzoloModifica

Il 2012 è stato l'anno del Cornizzolo: per valorizzare le ricchezze del territorio, le amministrazioni comunali del circondario hanno indetto ufficialmente un calendario annuale di eventi[8]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ webcam
  2. ^ meteo
  3. ^ Il profilo della salita su salite.ch
  4. ^ Escursione al monte Cornizzolo, su lemontagne.net.
  5. ^ Carlo Castagna, Un monastero sulla montagna: visita a San Pietro al monte
  6. ^ Per il lato canzese si veda la voce Canzo
  7. ^ ROBERTO CANALI, Eupilio, giù la storica teleferica, su Il Giorno, 1558850556696. URL consultato il 2 luglio 2019.
  8. ^ sito ufficiale delle manifestazioni, su comune.civate.lc.it. URL consultato il 9 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica