Corrado II di Lusazia

Corrado II di Lusazia
Margravio di Lusazia
In carica 1190 –
6 maggio 1210
Predecessore Dedi III di Lusazia
Successore Teodorico III
Nascita prima del 1159
Morte 6 maggio 1210
Luogo di sepoltura Priorato di Wechselburg
Dinastia Wettin
Padre Dedi III
Madre Matilde di Heinsberg
Coniuge Elisabetta di Polonia
Figli Corrado
Matilde
Agnese

Corrado II di Lusazia, noto anche come Corrado II di Landsberg, (prima del 11596 maggio 1210) fu conte di Eilenburg e margravio di Lusazia dal 1190 alla morte. Dal 1207 fu anche conte di Groitz e conte di Sommerschenburg.

BiografiaModifica

Era un figlio del margravio di Lusazia Dedi III e della moglie Matilde di Heinsberg, l'erede di Sommerschenburg, e apparteneva alla dinastia Wettin.

Corrado ereditò la marca di Lusazia e la contea di Eilenburg quando suo padre morì nel 1190. Nel 1207 ereditò le contee di Groitz e Sommerschenburg da suo fratello Teodorico II.

Nel 1195 l'imperatore Enrico VI sciolse la marca di Meißen dopo la morte del margravio Alberto I di Meißen. Ciò rese Corrado il nobile più importante della zona e il membro più anziano della dinastia Wettin[1].

Nel 1196 Corrado andò, passando per il Regnum Italicum, in Terra Santa per partecipare alla Crociata dell'Imperatore Enrico VI. Nel 1198 tornò in Germania sempre attraversando l'Italia. Nel 1207 organizzò un Landtag nel castello di Delitzsch.

Corrado morì il 6 maggio 1210 e fu sepolto nel Priorato di Wechselburg. Sua moglie Elisabetta di Polonia fu sepolta nell'abbazia di Dobrilugk. Poiché non aveva eredi maschi, i suoi possedimenti passarono al cugino Teodorico I, che nel 1198 era stato nominato margravio di Meißen quando la marca fu ripristinata dall'imperatore Ottone IV. Dal 1210 il titolo di margravio di Lusazia fu detenuta dai margravi di Meißen, poi dai margravi di Landsberg, poi divisi tra Boemia e Brandeburgo.

Matrimonio e figliModifica

Sposò Elisabetta (Elżbieta) di Polonia (1152 circa–2 aprile 1209), figlia di Mieszko III il Vecchio, Granduca di Polonia e della vedova del duca di Boemia Sobeslao II († 1180). Ebbero tre figli[2]:

  • Corrado (documentato come vivo nel 1207; † prima del 6 maggio 1210);
  • Matilde († 1225 a Salzwedel, sepolta nell'abbazia di Lehnin), sposò nell'agosto 1205 il margravio Alberto II di Brandeburgo († 25 febbraio 1220);
  • Agnese († 1266), fondatrice dell'abbazia di Wienhausen e lì sepolta; sposò nel 1211 Enrico V, conte Palatino del Reno († 28 aprile 1227).

BibliografiaModifica

  • (DE) Heinrich Theodor Flathe, Konrad von Landsberg, in Allgemeine Deutsche Biographie, vol. 16, Lipsia, Duncker & Humblot, 1882, p. 587 s.
  • Holger Kunde: Das Zisterzienserkloster Pforte — Die Urkundenfälschungen und die frühe Geschichte bis 1236, in the series Quellen und Forschungen zur Geschichte Sachsen-Anhalts, vol. 4, Böhlau, Cologne, 2003, ISBN 3-412-14601-3, p. 99
  • Ferdinand Wachter: Geschichte Sachsens bis auf die neuesten Zeiten, part 2, August Lehnhold, Leipzig, 1830, p. 225

NoteModifica

  1. ^ Timeline on page 32 of Jürgen M. Pietsch and Uwe Grüning: Doppelkapelle St. Crucis Landsberg, Edition Schwarz-Weiß, Leipzig, 2002, p. 32. ISBN 3-00-009297-8
  2. ^ The yearbook of Lower Saxon History, vol. 43-44, Hildesheim, 1971, p. 167, disagrees. It mentions only Matilda and Agnes.
Controllo di autoritàVIAF (EN95403228 · ISNI (EN0000 0000 6872 4938 · CERL cnp01179852 · GND (DE138775516 · WorldCat Identities (ENviaf-95403228
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie