Correggio Micheli

frazione del comune italiano di Bagnolo San Vito
Correggio Micheli
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Mantova-Stemma.png Mantova
ComuneBagnolo San Vito-Stemma.png Bagnolo San Vito
Territorio
Coordinate45°04′30″N 10°56′46″E / 45.075°N 10.946111°E45.075; 10.946111 (Correggio Micheli)Coordinate: 45°04′30″N 10°56′46″E / 45.075°N 10.946111°E45.075; 10.946111 (Correggio Micheli)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale46031
Prefisso0376
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Correggio Micheli
Correggio Micheli

Correggio Micheli è una frazione del comune di Bagnolo San Vito, della provincia di Mantova, in Lombardia che conta poco più di 200 abitanti.

Geografia fisicaModifica

È un borgo situato tra le rive del Po e del Mincio ed in parte è compreso nella riserva naturale del Parco del Mincio. Il territorio totalmente pianeggiante è racchiuso a sud e a nord-est dagli argini del Po (via argine Po e via Po Barna) e del Mincio (via Bevilacqua), i due argini si congiungono formando un cuneo (via Po Barna) in cui è racchiuso quasi totalmente il territorio della frazione.

StoriaModifica

Il territorio di Correggio Micheli faceva parte del sistema difensivo della Mantova medioevale, esso copriva l'angolo sud-est del cosiddetto "Serraglio". A quel tempo la frazione era conosciuta col nome di Corregiolo.[1]

Durante la seconda guerra mondiale subì ripetuti bombardamenti volti alla distruzione dell'allora strategico ponte sul fiume Po su cui passa l'ex strada statale Romana che collegava le due rive da San Benedetto Po a Bagnolo San Vito. Nel sottosuolo vi sono ancora parecchi ordigni inesplosi.

Il 21 novembre 1958[2] a Correggio Micheli un incidente aereo coinvolgeva due F-86E della 51ª aerobrigata di Treviso Istrana[3]. I due piloti, il Tenente Mimmo Malavenda e il Sergente Patrizio Basso riuscirono a deviare l'impatto in aperta campagna evitando i centri abitati ma perdendo la vita.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

CuriositàModifica

Il 23 aprile 1945 le truppe alleate incominciarono a cannoneggiare l'abitato ed il circondario in vista dell'attraversamento del Po. Il temerario intervento di due abitanti della frazione, Cavicchini Giuseppe (detto Magio) e Buzzi Marco (detto Ciupìn) evitò ulteriori danni al paese. Essi a bordo di una barca, attraversato il fiume, portarono la notizia della ritirata dei tedeschi fermando l'offensiva dell'artiglieria alleata[5]. A ricordo dell'evento esiste in paese una via '23 aprile'.

Da quell'anno la festa della liberazione (25 aprile) è divenuta anche la festa tradizionale del borgo in cui si festeggia lo scampato pericolo nel 1945.

NoteModifica

  1. ^ Henri Liébaux. 1734. Carte des environs de Mantoue ou l'on voit tout le serraglio et une partie du veronois, Biblioteca Nacional de Portugal. URL consultato il 27 dicembre 2010.
  2. ^ Vedi i remarks su questa pagina tratta da jetphotos Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  3. ^ Vedi sito comune di Bagnolo[collegamento interrotto]
  4. ^ Torre matildica.
  5. ^ Vedi sezione storia su governolo.it
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia