Corte (Francia)

comune francese

Corte (in còrso Corti) è un comune francese situato nel dipartimento dell'Alta Corsica nella regione della Corsica, sede di sottoprefettura dipartimentale (arrondissement di Corte).

Corte
comune
Corte
Corti
Corte – Stemma
Corte – Veduta
Corte – Veduta
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneArms of Corsica.svg Corsica
DipartimentoAlta Corsica
ArrondissementCorte
CantoneCorte
Territorio
Coordinate42°18′23″N 9°09′05″E / 42.306389°N 9.151389°E42.306389; 9.151389 (Corte)
Altitudine486 m s.l.m.
Superficie149,27 km²
Abitanti7 446 (2017)
Densità49,88 ab./km²
Altre informazioni
Linguefrancese, corso
Cod. postale20250
Prefisso495
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE2B096
Nome abitanti(IT) cortenesi
(FR) Cortenais
(CO) curtinesi
PatronoTeofilo da Corte
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Corte
Corte
Corte – Mappa
Corte – Mappa
Sito istituzionale

Principale centro abitato dell'entroterra dell'isola, Corte è la capitale storica e culturale della Corsica. Fu infatti scelta come capitale della Repubblica Corsa da Pasquale Paoli ereditando così il titolo di "città paolina". Dal 1981 è attiva in città l'università della Corsica mentre nella cittadella di Corte, dal 1997, è ospitato il museo della Corsica.

Geografia fisicaModifica

Corte è situata nel centro della Corsica, presso la confluenza della Restonica nel Tavignano. La cittadina è situata a 68 km a sud-ovest di Bastia e a 80 km a nord-est di Aiaccio.

StoriaModifica

Corte acquistò importanza quando il conte Vincentello d'Istria nel 1419 dopo aver sconfitto i genovesi presso Morosaglia, fece ricostruire rafforzandola la fortezza preesistente dell'XI secolo. Per tre secoli fu di volta in volta governata dai corsi nel 1419-1441, 1464-1484, 1553-1556 e nel 1755-1769 o dai genovesi. Dal 1755 al 1769 divenne capitale della Repubblica Corsa di Pasquale Paoli, che vi insediò il governo, il tribunale, la zecca e l'Università, poi chiusa dai francesi nel 1769 e riaperta solo nel 1983. Nel 1769 venne occupata definitivamente dai francesi.

SimboliModifica

 
Stemma di Corte

Lo stemma attualmente in uso si blasona:

«inquartato: il primo e il quarto d'azzurro, al giglio d'oro; il secondo e il terzo di rosso, alla stella d'argento; alla croce d'argento attraversante sull'inquartato.[1]»

 

Il simbolo tradizionale di Corte si può ancora osservare sulla facciata di vecchi edifici e sulle fontane della città[1]:

«di rosso, alla torre d'argento, murata di nero e terrazzata di verde; al capo cucito d'azzurro, caricato di una testa di moro di nero, attortigliata d'argento e accostata da due chiavi adossate dello stesso.»

Monumenti e luoghi di interesseModifica

 
Interno della Chiesa dell'Annunciazione
  • Cittadella, costruita nella prima metà del XV secolo da Vincentello d'Istria, è stata in seguito rimaneggiata ed adibita a differenti scopi.
  • Chiesa dell'Annunciazione
  • Chiesa di San Giovanni Battista
  • Cappella di San Teofilo
  • Cappella della Santa Croce, barocca.
  • Palazzo Nazionale (Palazzu Naziunale in còrso), sede del governo della Repubblica corsa dal 1755 al 1769 e residenza di Pasquale Paoli. Dal 1765 al 1769 i suoi locali ospitarono anche l'università.
  • Municipio
  • Statua di Pasquale Paoli, del 1864 realizzata dallo scultore Victor Huguenin.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

CulturaModifica

IstruzioneModifica

MuseiModifica

  • Museo della Corsica

UniversitàModifica

Corte è sede dell'Università della Corsica, fondata nel 1981.

CucinaModifica

Una tipica specialità cortenese è la falculella, un dolce preparato con brocciu, farina, tuorlo d'uovo, zucchero, scorza d'arancia e cotto su foglie di castagno.

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

Corte è attraversata dalla RT 20, la principale strada della Corsica che unisce Bastia ad Aiaccio. Dalla cittadina parte anche la RT 50 che termina presso la località costiera di Aleria.

FerroviaModifica

Corte è servita da una propria stazione ferroviaria posta lungo la ferrovia Bastia-Ajaccio.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) Blason de la ville de Corte, su corsicatheque.com. URL consultato il 2 settembre 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN152461940 · SBN BVEL000821 · LCCN (ENn82023896 · GND (DE4301051-9 · BNF (FRcb152501088 (data) · J9U (ENHE987007557574205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n82023896