Apri il menu principale

Così fan tutte (serie televisiva)

serie televisiva italiana
Così fan tutte
Logo Cosi fan tutte.jpg
Immagine tratta dalla sigla
PaeseItalia
Anno2009-2012
Formatoserie TV
Generecommedia
Stagioni2
Episodi30
Durata45 min (episodio)
Lingua originaleitaliano
Rapporto16:9
Crediti
RegiaGianluca Fumagalli
SceneggiaturaLucio Wilson Carmelo La Rocca Maurizio Sangalli Ugo Ripamonti Paola Fossataro
Interpreti e personaggi
MusicheDanilo Mariani
Prima visione
Dal7 settembre 2009
Al18 gennaio 2012
Rete televisivaItalia 1

Così fan tutte è una sketch comedy italiana andata in onda su Italia 1 dal 7 settembre 2009. Il programma è improntato sul format della sitcom francese Vous les femmes (realizzata nel 2007 per quattro stagioni e diffusa e/o riadattata in diversi paesi europei) e l'obiettivo doveva essere prendere in giro i vizi e i difetti delle donne della società contemporanea.

È composta da piccoli sketch di circa uno o due minuti l'uno, in cui le protagoniste interpretano ogni volta un personaggio diverso, dalla dottoressa alla single disperata. Protagoniste della serie sono le attrici Alessia Marcuzzi e Debora Villa per la regia di Gianluca Fumagalli. In alcuni sketch della serie fra i protagonisti ci sono donne note della tv italiana: Claudia Gerini, Irene Pivetti, Elisabetta Canalis, Natasha Stefanenko, Katia Ricciarelli, Rossella Brescia, Lucilla Agosti, Cristina Parodi, Maria Grazia Cucinotta, Jessica Polsky, Alena Šeredová, Martina Colombari, Eleonora Pedron, Roberta Capua, Morena Salvino, Giorgia Palmas, Valeria Marini, Paola Barale, Fiona May, Raffaella Fico, Emanuela Folliero e Belén Rodríguez. Ma anche uomini noti della tv italiana: Luca e Paolo (Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu), Ricky Memphis ed Emanuele Filiberto.

Messa in ondaModifica

Inizialmente la serie era stata programmata per andare in onda alle 20:00 su Italia 1, tuttavia le frequenti allusioni sessuali (comunque meno esplicite rispetto a quelle presenti nella versione originale francese, da cui molti sketch erano ripresi) della serie hanno spinto il Moige, ed alcuni parlamentari, fra cui Alessandra Mussolini, a chiedere uno slittamento in seconda serata di Così fan tutte. A seguito delle proteste dal 12 settembre 2009 è stato spostato alla mezzanotte del venerdì.[1][2]

In particolare la scena che ha ricevuto maggiori critiche è stata quella in cui la Marcuzzi, al ristorante con la Villa, non riesce a mangiare un würstel bollente e, nel tentativo di addentarlo senza scottarsi, mima involontariamente una fellatio (questa scena è presente quasi identica in un episodio dalla prima stagione dell'edizione francese[3]). La conduttrice si è difesa più volte, spiegando che secondo lei i bambini non potevano capire l'allusione sessuale, evidente agli occhi degli adulti.

I buoni ascolti della prima stagione hanno consentito la realizzazione di una seconda stagione, la quale è andata in onda dal 30 ottobre 2011 al 18 gennaio 2012 in seconda serata su Italia 1, ottenendo, per la fascia oraria di riferimento, ottimi risultati d'ascolto.[4]

EpisodiModifica

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 18 2009
Seconda stagione 12 2011-2012

Edizioni internazionali (parziale)Modifica

Nome Nazione Interprete/i principali stagioni anni di trasmissione
Vous les femmes[5] Francia Olivia Cote, Judith Siboni 4 2007-2010
Knallerfrauen[6] Germania Martina Hill 1 2011-2012

NoteModifica

  1. ^ Così fan tutte: e Moana? "La stampa", 17 settembre 2009 [collegamento interrotto], su lastampa.it. URL consultato il 01-10-2009.
  2. ^ Marcuzzi, Così fan tutte dopo le 22 Italia 1 cede alle proteste del pubblico, "Il Giornale", 11 settembre 2009, su ilgiornale.it. URL consultato il 01-10-2009.
  3. ^ Il video Archiviato il 14 agosto 2011 in Internet Archive. dell'episodio francese (stagione 1, episodio 52), interpretato dall'attrice comica Olivia Cote, dal sito dell'emittente televisiva M6
  4. ^ Così fan tutte: la seconda stagione dal 30 ottobre in tarda serata su Italia 1, su blogapuntate.it, 10 settembre 2011. URL consultato il 21 ottobre 2011.
  5. ^ (EN) Vous les femmes, su Internet Movie Database, IMDb.com.
  6. ^ (EN) Knallerfrauen, su Internet Movie Database, IMDb.com.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione