Così parlò Bellavista (film)

film del 1984 diretto da Luciano De Crescenzo

«Professo', permettete? Un pensiero poetico»

Così parlò Bellavista è un film commedia italiano del 1984, tratto dal romanzo omonimo, sceneggiato e diretto da Luciano De Crescenzo.

Così parlò Bellavista
Il professor Bellavista (Luciano De Crescenzo) e Cazzaniga (Renato Scarpa) in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1984
Durata105 min
Generecommedia
RegiaLuciano De Crescenzo
SoggettoLuciano De Crescenzo (omonimo romanzo)
SceneggiaturaRiccardo Pazzaglia e Luciano De Crescenzo
ProduttoreMario Orfini ed Emilio Bolles
Produttore esecutivoGiuseppe Mangogna
Casa di produzioneEidoscope Productions, Retequattro
FotografiaDante Spinotti
MontaggioAnna Napoli
MusicheClaudio Mattone
ScenografiaFranco Vanorio
CostumiMarcella De Marchis
TruccoCristina Rocca
Interpreti e personaggi
Logo ufficiale del film

Nel 1985 fu realizzato un seguito diretto sempre da De Crescenzo, Il mistero di Bellavista.

Gennaro Bellavista è un professore di filosofia in pensione, che si diletta a esporre le sue teorie al proprio cenacolo di discepoli, composto dagli amici Salvatore, Saverio e Luigino. In particolare, riallacciandosi scherzosamente alle categorie sociologiche esposte nel trattato tedesco Gemeinschaft e Gesellschaft, egli distingue l'umanità in «uomini d'amore», come i napoletani, e «uomini di libertà», come i milanesi. La sua vita tranquilla viene disturbata dall'arrivo del dottor Cazzaniga, il nuovo direttore del personale dell'Alfasud: costui, proveniente da Milano, va ad occupare un appartamento all'interno dello stesso stabile di Bellavista. Immediatamente si nota il contrasto tra le abitudini di Cazzaniga, che è ligio al dovere, puntuale, preciso e quelle più confusionarie degli amici del professore che, ad esempio, non si spiegano come mai Cazzaniga, nonostante sia il direttore del personale, voglia andare al lavoro in perfetto orario.

Ma Bellavista si trova ad affrontare problemi molto più seri: sua figlia Patrizia è rimasta incinta del suo fidanzato Giorgio e i due hanno intenzione di sposarsi. Ma Giorgio, nonostante sia laureato in architettura, è disoccupato e la coppia deve così trasferirsi suo malgrado nella casa del professore. L'occasione di cambiare le cose si presenta quando lo zio di Giorgio, avendo deciso di ritirarsi, cede la sua attività di rivendita di articoli religiosi al nipote. La coppia, tuttavia, scopre presto il vero motivo del ritiro: il negozio è terra di confine tra due clan di camorristi che chiedono entrambi il pizzo, costringendo così la coppia alla chiusura forzata. La soluzione arriverà a sorpresa grazie al Cazzaniga: rimasti entrambi bloccati in ascensore, Bellavista scoprirà nel nuovo inquilino un «uomo d'amore» e si pente di averlo giudicato male. Cazzaniga, grazie a un suo cognato, procurerà un posto di lavoro al Nord per Giorgio, e la coppia si trasferirà a Milano.

Bellavista e Cazzaniga discutono quindi su dove sia meglio far nascere il bambino, se a Napoli o Milano. Il bambino, però, nascerà "a metà strada" a Roma.

Curiosità

modifica

Nella canzone "supereroi" del cantante italiano Mr. Rain l'autore cita una frase iconica del film pronunciata da Luigino il poeta interpretato da Gerardo Scala: "Siamo angeli con un'ala soltanto e possiamo volare solo restando abbracciati", parafrasando "Siamo angeli con una ala soltanto, riusciremo a volare solo restando uno accanto all'altro",

Colonna sonora

modifica

Accoglienza

modifica

Il film si è classificato al 13º posto tra i primi 100 film di maggior incasso della stagione cinematografica italiana 1984-1985.[1]

Riconoscimenti

modifica
  1. ^ Stagione 1984-85: i 100 film di maggior incasso, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 23 luglio 2023.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema