Apri il menu principale
Costante Degan
Costante Degan.jpg

Ministro della salute della Repubblica Italiana
Durata mandato 4 agosto 1983 –
1º agosto 1986
Capo di Stato Sandro Pertini, Francesco Cossiga
Capo del governo Bettino Craxi
Vice capo del governo Arnaldo Forlani
Predecessore Renato Altissimo
Successore Carlo Donat-Cattin
Legislature IX
Coalizione Pentapartito

Ministro della marina mercantile della Repubblica Italiana
Durata mandato 1º agosto 1986 –
28 luglio 1987
Capo del governo Bettino Craxi, Amintore Fanfani
Vice capo del governo Arnaldo Forlani
Predecessore Gianuario Carta
Successore Giovanni Prandini
Legislature IX

Sindaco di Venezia
Durata mandato 25 gennaio 1988 –
1º luglio 1988
Predecessore Antonio Casellati
Successore Antonio Casellati

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature IX, X
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Coalizione Pentapartito
Circoscrizione Veneto
Collegio Mirano
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IV, V, VI, VII, VIII
Gruppo
parlamentare
DC
Collegio Venezia-Mestre
Incarichi parlamentari
  • Presidente della Commissione Speciale per l'esame delle Proposte di Legge Concernenti la Disciplina degli Immobili Urbani dal 13 novembre 1968 al 24 maggio 1972
  • Presidente della IX Commissione (Lavori Pubblici) dall'11 luglio 1972 al 28 novembre 1974
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in ingegneria
Professione ingegnere

Costante Degan (Venezia, 12 marzo 1930Venezia, 1º luglio 1988) è stato un politico e ingegnere italiano, Ministro della sanità nel governo Craxi I.

Indice

BiografiaModifica

Laureato in ingegneria, approdò alla Democrazia Cristiana dopo una lunga militanza giovanile nell'Azione Cattolica. Prima consigliere comunale a Venezia, poi a Dolo, è stato eletto deputato e poi nominato ministro della Repubblica, nonché sindaco di Venezia per pochi giorni nel 1988[1] . È stato più volte sottosegretario di Stato e Ministro della sanità; in tale veste si occupò di fecondazione assistita e di radioattività. Avendo ricoperto tale incarico durante il disastro di Černobyl', fu autore dei divieti di vendita del latte e delle verdure a foglia larga durante i giorni dell'emergenza radioattiva. Fu anche autore della prima legge antifumo.

È scomparso nel 1988 all'età di 58 anni a causa di un tumore polmonare[1].

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica