Apri il menu principale

Costantino Rozzi

dirigente sportivo e imprenditore italiano
Costantino Rozzi

Costantino Rozzi (/ˈrɔʦʦi/,[1] con riguardo alla dizione locale,[2] e non /ˈroʣʣi/; Ascoli Piceno, 11 gennaio 1929Ascoli Piceno, 18 dicembre 1994) è stato un dirigente sportivo e imprenditore italiano.

Indice

BiografiaModifica

 
Rozzi con i suoi celebri calzini rossi.

Detto anche il Presidentissimo, è noto al pubblico sportivo di tutta Italia soprattutto come l'indimenticato presidente dell'Ascoli (grazie anche alla partecipazione a Il Processo del Lunedì). Costruttore edile, realizzò gli stadi Cino e Lillo Del Duca di Ascoli Piceno, Via del Mare di Lecce, Partenio - Adriano Lombardi di Avellino, Ciro Vigorito di Benevento e Nuovo Romagnoli di Campobasso.

Diplomatosi geometra con il massimo dei voti nel 1948, (con il rimpianto di non aver mai intrapreso gli studi di ingegneria) proseguì la tradizione paterna diventando imprenditore edile. Sposatosi con Franca Rosa, ebbe quattro figli: Annamaria, Fabrizio, Antonella e Alessandra.

Innamoratosi del calcio, rilevò quasi in modo casuale la Del Duca Ascoli, il 6 giugno 1968, su proposta dello stesso consiglio direttivo, dichiarando che ne avrebbe assunto la carica per un solo anno.

Ingaggiato l'allenatore Carlo Mazzone, Rozzi, dall'inizio di questa "avventura", riuscì nel giro di soli quattro anni a traghettare la squadra nel campionato cadetto, fino a giungere, nella stagione '74-75, alla massima divisione. Fino alla morte di Rozzi essa vi avrebbe poi disputato ben quattordici campionati, conquistandosi così una tradizione di tutto rispetto fra i club minori. Grazie al fondamentale contributo di Costantino Rozzi l'Ascoli[3] è diventata di gran lunga la società calcistica più blasonata delle Marche e una delle più importanti del centro Italia. Lungimiranti in tal senso le intuizioni di mercato del Presidentissimo, che ha saputo portare nel corso degli anni nel Piceno campioni del calibro di Adelio Moro, Pietro Anastasi, Liam Brady, Bruno Giordano, Dirceu, Walter Junior Casagrande, Pedro Antonio Troglio e Oliver Bierhoff.

 
Rozzi con la Coppa Mitropa 1987

La tenace difesa di questo calcio provinciale, unita alle sue doti di schiettezza, simpatia e verve popolare, fecero del Presidentissimo[4] una vera icona del calcio dell'epoca, insieme ad altri storici presidenti come Romeo Anconetani, Angelo Massimino e Antonio Sibilia.

La scomparsa di Costantino Rozzi avvenne il 18 dicembre 1994; il giorno 17 era stato operato d'urgenza per una grave emorragia digestiva, probabilmente su base neoplastica[5], che purtroppo non gli lasciò scampo; si stima che oltre 20.000 persone[6] resero omaggio alla salma. Il funerale fu celebrato nella cattedrale di Ascoli Piceno.

Dopo la sua morte per l'Ascoli si susseguirono diversi presidenti (tra cui il fratello di Costantino, Elio), in un periodo di permanenza in Serie C1 e Serie B, riuscendo solo dopo 13 anni, per ripescaggio nella stagione 2005-2006, ad avere un posto in Serie A.

Costantino Rozzi ricevette nel 1989 la laurea honoris causa in sociologia dal rettore Carlo Bo presso l'Università degli Studi di Urbino. A Rozzi sono intitolati: la curva sud dello stadio Del Duca, che tradizionalmente ospita la tifoseria bianconera, un viale, una piazza nei pressi dello stadio stesso e un palazzetto per lo sport a Villa Pigna, frazione di Folignano (AP).

Se oggi la città di Ascoli Piceno può vantare una sede universitaria rispettabile e punto di riferimento per i giovani di tutto il sud delle Marche[senza fonte] lo deve, in gran parte, all'impegno e alla dedizione di Costantino Rozzi, che nelle vesti di presidente del circolo culturale 'Lions Club' si impegnò in prima persona, a partire dagli anni settanta, per portare una Facoltà di Architettura nel capoluogo piceno.[7]

NoteModifica

  1. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Rozzi", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  2. ^ La pronuncia del cognome Rozzi dalla voce dello stesso dirigente
  3. ^ Info sull'Ascoli Calcio su http://www.picenotime.it/
  4. ^ Pagina dedicata all'anniversario della morte di Rozzi, dal sito ufficiale dell'Ascoli
  5. ^ Costantino Rozzi - Passione e coraggio nel calcio, su leparolerosse.blogspot.it. URL consultato il 7 agosto 2013.
  6. ^ I Funerali di Rozzi, dal sito mondopicchio.com Archiviato il 23 giugno 2011 in Internet Archive.
  7. ^ "Costantino Rozzi e il Piceno. Analisi di un fenomeno" di Marco Amabili, 2005

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica