Apri il menu principale

La Costituzione siciliana del 1848 fu la costituzione, ispirata al costituzionalismo inglese, adottata quell'anno nel neonato Regno di Sicilia, la parte siciliana del Regno delle Due Sicilie nel corso della rivoluzione siciliana del 1848, moti popolari esplosi per il "vessatorio dispotismo" dei Borbone [1]. Emanata dal parlamento siciliano, quindi non ottriata, restò in vigore come statuto costituzionale nel nuovo Regno di Sicilia (che era stato proclamato nel febbraio 1848), fino al maggio 1849 quando l'isola fu riconquistata dall'esercito di Ferdinando II delle Due Sicilie.

Indice

StoriaModifica

La costituzione del 1812Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Costituzione siciliana del 1812.

La prima costituzione siciliana fu promulgata il 12 luglio 1812 sul modello inglese[2], adattato alle esigenze locali. Le dodici basi o principi generali, dopo la loro approvazione da parte del parlamento, furono sottoposte al re Ferdinando, che, pur molto lontano dall'entusiasmarsene, fu costretto ad accettarle. La costituzione venne approvata dal parlamento siciliano e promulgata dal reggente, Francesco I. Appena poté, tuttavia, il re evitò di applicarla. Tornato a Napoli dopo la caduta di Gioacchino Murat, non convocò più il Parlamento siciliano e così, anche senza formale abrogazione, la costituzione siciliana cadde disapplicata, avendo soppresso nel dicembre 1816 il Regno con la contemporanea nascita del Regno delle Due Sicilie.

Venne reintrodotta dal parlamento siciliano nel corso dei moti del 1820-21 per poi essere definitivamente soppressa con la repressione dei moti.

La promulgazioneModifica

Il re Ferdinando, nel tentativo di frenare la rivoluzione siciliana, il 10 febbraio 1848 fece promulgare la costituzione del 1812. Ma una nuova costituzione, che riprendeva in parte quella del 1812, fu emanata il 10 luglio 1848 dal parlamento generale di Sicilia, presieduto da Vincenzo Fardella di Torrearsa con il nome di Statuto fondamentale del Regno di Sicilia[3], fu perciò votata e non ottriata[4]. In essa si "ponevano le fondamenta per fare della Sicilia uno Stato sovrano, libero ed indipendente, e prepararla a diventare membro dell'auspicata federazione italiana"[5].

PrincipiModifica

Per la prima volta entrambe le camere divengono elettive (dei deputati e dei senatori). Il re dei Siciliani non potrà regnare o governare su nessun altro paese. Sono elettori tutti i cittadini che abbiano compiuti 21 anni, e che sappiano leggere e scrivere. Per ogni comune di 6.000 abitanti sarà scelto un deputato mentre i senatori saranno 120. La legge fatta dal parlamento sarà nello spazio di trenta giorni promulgata dal re, o con apposite osservazioni rimandata al parlamento. Il potere esecutivo sarà esercitato dal re per mezzo dei ministri responsabili, ed eletti da lui. Nessun ordine del re sarà eseguito se non sottoscritto da un ministro. La parola e la stampa sono libere. L'insegnamento è libero. Il pubblico insegnamento sarà gratuito e regolato da apposita legge. Nessuna norma dello statuto può essere modificata senza il concorso di due terzi dei votanti presenti di ciascuna camera.[6]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica