Apri il menu principale

Cristian Brocchi

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Cristian Brocchi
Christian Brocchi.jpg
Brocchi nel 2006
Nazionalità Italia Italia
Altezza 171 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Monza
Ritirato 10 maggio 2013 - giocatore
Carriera
Giovanili
1994-1995Milan
Squadre di club1
1995-1997 Pro Sesto 57 (3)
1997-1998 Lumezzane 30 (4)
1998-2000 Verona 59 (8)
2000-2001 Inter 15 (1)
2001-2005 Milan 46 (3)
2005-2006 Fiorentina 35 (3)
2006-2008 Milan 53 (1)
2008-2013 Lazio 111 (2)
Nazionale
2006 Italia Italia 1 (0)
Carriera da allenatore
2013-2014MilanAllievi
2014-2016MilanPrimavera
2016Milan
2016-2017Brescia
2017-2018Jiangsu SuningVice
2018-Monza
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 ottobre 2018

Cristian Brocchi (Milano, 30 gennaio 1976) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico del Monza.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Inizi e VeronaModifica

Cresciuto nelle giovanili del Milan, fa il suo esordio tra i professionisti nella stagione 1995-1996 con la maglia della Pro Sesto, in Serie C1. Il ventenne centrocampista gioca l'intera stagione da titolare, con la squadra milanese che non riesce a evitare la retrocessione. Dopo una stagione in C2 sempre con la Pro Sesto, Brocchi torna in C1 con la maglia di un'altra società lombarda, la Lumezzane. Qui disputa un'ottima stagione,[1] bagnata anche da 4 gol.

Nell'estate del 1998 arriva il passaggio nella Serie B, tesserato dal Verona. Sotto la guida del tecnico Cesare Prandelli, Brocchi contribuisce con 32 presenze e 6 gol a riportare gli scaligeri in Serie A. All'esordio nella massima categoria, Brocchi disputa un campionato molto positivo[2] e la squadra, terminando la stagione 1999-2000 al nono posto, ottiene uno dei migliori risultati del club dopo la conquista dello scudetto del 1985.

L'approdo all'Inter, gli anni e le vittorie al MilanModifica
 
Brocchi in azione con la maglia del Milan nel 2007

Nell'estate del 2000 passa all'Inter.[3] La stagione in nerazzurro la passa tra molta panchina e poche partite: 15 presenze in tutto con un gol, condizionata anche da un'operazione alla schiena per rimuovere due cisti che lo ha tenuto fermo per tre mesi.[4] Al termine della stagione l'Inter, insoddisfatta del suo rendimento, lo scambia con Andrés Guglielminpietro del Milan,[5] scontentando il giocatore.[6] Brocchi si trasferisce così sull'altra sponda del Naviglio.

Con il Milan, è relegato dal tecnico Carlo Ancelotti al ruolo di riserva di Andrea Pirlo, Gennaro Gattuso e Clarence Seedorf. In tre stagioni vince Scudetto, Champions League, Coppa Italia, Supercoppa italiana e Supercoppa UEFA. In Europa fu impiegato nelle partite contro l'Ajax di Amsterdam nei quarti di finale e l'Inter in semifinale. Nell'estate del 2005, visto il poco spazio a disposizione, chiede di andare a giocare altrove per trovare nuovi stimoli:[7] approda così alla Fiorentina con la formula del prestito.[8]

L'annata a Firenze e il ritorno al MilanModifica

In Toscana, di nuovo sotto la guida di Cesare Prandelli, vive una stagione positiva[9][10] coronata anche da un gol alla sua ex-squadra, l'Inter.[11] I viola chiudono il torneo al quarto posto, ma le sentenze di Calciopoli impediscono alla squadra di disputare i preliminari della Champions League.[12] A fine stagione Brocchi sceglie di tornare al Milan che formula un'offerta più vantaggiosa di quella della Fiorentina.[13]

 
Brocchi esulta dopo il gol dell' 1-0 segnato all'Inter l'8 febbraio 2006

Torna al Milan con un nuovo entusiasmo, motivato anche dalle parole di apprezzamento nei suoi confronti del presidente rossonero Silvio Berlusconi.[14] Chiuso da Gattuso e Ambrosini, nella stagione 2007-2008 la concorrenza a centrocampo aumenta ancora con l'acquisto da parte dei rossoneri di Emerson, ma si ritaglia comunque uno spazio importante conquistando la nazionale. In totale disputa 74 partite in due anni, tra cui le vittoriose finali di Supercoppa UEFA[15] e Coppa del mondo per club,[16] entrambe partendo dalla panchina.

Gli anni alla Lazio e il ritiroModifica

Dopo aver cominciato la preparazione nel ritiro di Milanello, il 28 agosto 2008, tre giorni prima dell'inizio del campionato 2008-2009, viene ceduto a titolo definitivo alla Lazio,[17] scegliendo la maglia numero 5. Esordisce nella vittoria per 4-1 in casa del Cagliari, venendo ammonito.[18] Gioca la prima partita all'Olimpico il 14 settembre 2008 contro la Sampdoria, regalando l'assist per la rete del 2-0 finale.[19] Il 13 maggio 2009 vince la Coppa Italia contro la Sampdoria. Chiude con 34 presenze la prima stagione capitolina.

La nuova stagione lo vede giocare con la maglia numero 32 e l'annata si apre con la vittoria della Supercoppa italiana a Pechino contro l'Inter (2-1), disputata da titolare l'8 agosto 2009. Il 9 maggio 2010 torna al gol dopo tre anni e cinque mesi, con un destro dal limite dell'area che permette ai biancocelesti di battere il Livorno al Picchi (1-2),[20] ripetendosi nel turno successivo segnando il definitivo 3-1 all'Udinese. Subito dopo la fine della stagione 2009-2010 si aggrega al Milan per partecipare ad una tournée di amichevoli negli Stati Uniti[21]. Nella stagione 2010-2011 gioca 32 partite tra campionato e Coppa Italia.

La stagione 2011-2012 inizia con un assist a Miro Klose per il gol contro il Catania (1-1) e, una settimana dopo, il 3 novembre 2011, segna il suo primo gol in campo internazionale, in Europa League, contro gli svizzeri dello Zurigo, consentendo alla Lazio di vincere la gara per 1-0.[22] Il 23 marzo 2012 rinnova il contratto con la società romana fino al 30 giugno 2013.

Il 3 febbraio 2013, in Genoa-Lazio, subisce un intervento scomposto da parte di Matuzalém che gli procura un'infrazione al livello della base del primo e del secondo metatarso ed una lussazione metatarso-falangea del terzo dito.[23] Operatosi tre giorni dopo, pur avendo recuperato una buona mobilità dell'arto, il 10 maggio 2013 si ritira dal calcio giocato poiché lo staff medico della Lazio ha definitivamente appurato, dopo le terapie, l'inabilità a riprendere la consueta attività agonistica.[24] Il 26 maggio la Lazio conquista la Coppa Italia superando la Roma per 1-0.

Brocchi lascia il calcio giocato dopo 496 presenze fra Pro Sesto, Lumezzane, Verona, Inter, Milan, Fiorentina e Lazio, e dopo aver vinto undici trofei (uno Scudetto, tre Coppe Italia, due Supercoppe italiane, due Champions League, una Coppa del mondo per club e due Supercoppe UEFA).

NazionaleModifica

Dopo un positivo avvio di stagione 2006-2007 con la maglia del Milan,[25] Brocchi viene convocato in Nazionale dal CT Roberto Donadoni. Esordisce il 15 novembre 2006, a 30 anni, nella partita amichevole Italia-Turchia (1-1) disputata a Bergamo.[26]

AllenatoreModifica

Giovanili del MilanModifica

Una volta annunciato il suo ritiro, Brocchi intraprende la carriera di allenatore dove ha iniziato quella di calciatore, nelle giovanili del Milan, assumendo la guida della squadra degli Allievi professionisti di Prima e Seconda Divisione vincendo il campionato per quindi subentrare a Filippo Inzaghi, nel giugno 2014, alla guida della Primavera.[27] In campionato viene eliminato ai quarti di finale dopo i calci di rigore dal Torino che diventa poi campione, dopo un'annata all'insegna del bel gioco. Dalla Coppa Italia esce agli ottavi per mano dell'Atalanta e al Torneo di Viareggio non riesce a superare il girone, piazzandosi 3º dietro Palermo e PSV, vince l'internazionale cup Dubai battendo valencia e Real Madrid in finale. L'anno seguente esce dalla Coppa Italia agli ottavi per mano della Fiorentina mentre al Viareggio viene eliminato dalla Juventus poi campione, in campionato porta la squadra, apprezzata dagli addetti ai lavori per la qualità del gioco espresso, ad un passo dalle finali, prima di passare alla guida della prima squadra.

MilanModifica

A seguito dell'esonero di Siniša Mihajlović, il 12 aprile 2016, assume la conduzione tecnica della prima squadra fino al termine della stagione.[28] Nelle partite di campionato sotto la sua guida, la squadra ottiene due vittorie (contro Sampdoria e Bologna, entrambe in trasferta), due pareggi (contro Carpi e Frosinone, entrambi in casa) e due sconfitte (contro Hellas Verona e Roma), totalizzando 8 punti in 6 partite (uno in meno di quanti ne aveva ottenuti Mihajlović nel girone d'andata contro le stesse squadre, di cui appena due contro le retrocesse del campionato, Carpi, Frosinone e Verona), con la squadra che scende dalla sesta posizione (che aveva al momento dell'esonero del tecnico serbo), alla settima, staccata a fine campionato di quattro punti dal Sassuolo, autore di quattro vittorie consecutive nelle ultime quattro partite di campionato. La finale di Coppa Italia del 21 maggio a Roma contro la Juventus si conclude anch'essa negativamente per il Milan, con la sconfitta per 1-0 ai supplementari. Il 26 giugno comunica alla società la decisione di voler lasciare la panchina[29] e due giorni dopo viene quindi sostituito da Vincenzo Montella.[30]

BresciaModifica

Il 10 luglio seguente viene presentato come nuovo allenatore del Brescia, club militante in Serie B con il quale ha firmato un contratto annuale.[31] Fa il suo debutto sulla panchina della Leonessa il 7 agosto 2016 in Coppa Italia perdendo 2-0 contro il Pisa. Dopo un ottimo girone d'andata, in seguito a 7 sconfitte in 9 gare del girone di ritorno, il 12 marzo 2017 viene esonerato e sostituito da Gigi Cagni.[32]

Assistente al Jiangsu SuningModifica

Il 14 giugno seguente insieme a Gianluca Zambrotta viene presentato come assistente di Fabio Capello in Cina allo Jiangsu Suning, in veste di allenatore in seconda. L’esperienza termina il 28 marzo 2018 con la rescissione di Capello.

MonzaModifica

Il 22 ottobre dello stesso anno viene chiamato da Silvio Berlusconi e Adriano Galliani al Monza, in Serie C.[33] Sei giorni dopo al debutto vince in trasferta per 0-2 contro l’Alma Juventus Fano. In campionato arriva quinto qualificandosi ai play-off mentre l’8 maggio 2019 perde la finale di Coppa Italia Serie C all’ultimo minuto contro la Viterbese Castrense per 1-0 dopo che aveva vinto la gara di andata per 2-1.[34] Dopo aver eliminato Fermana e Südtirol nei primi due turni dei play-off, il cammino del Monza si ferma ai quarti contro l’Imolese che passa il turno grazie al miglior piazzamento in classifica. Brocchi viene comunque confermato per la stagione seguente.[35]

Note biograficheModifica

Insieme a Christian Vieri è fondatore della marca d'abbigliamento Baci & Abbracci e l'azienda di arredi di lusso Bfc&co, finita in bancarotta nel gennaio del 2013.[36]

L'11 gennaio 2013 viene indagato dalla Procura di Milano per concorso in bancarotta insieme all'ex compagno di squadra e amico Christian Vieri. I due calciatori sono stati messi sotto inchiesta per il fallimento da 14 milioni di euro della loro società di arredi di lusso, la "Bfc&co". Le loro abitazioni sono state perquisite dai militari della Guardia di Finanza su mandato del pm Ascione e risultano coinvolte anche le loro madri, Christiane Rivaux e Rossella Cerruti, entrambe con una carica sociale, oltre all'amministratore della società Fabio Arcuri.[37] Il 12 febbraio 2014 il pm Ascione ha chiesto l'archiviazione.[38]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppa Italia Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1995-1996   Pro Sesto C1 32 1 - - - - - - - - - 32 1
1996-1997 C2 25 2 - - - - - - - - - 25 2
Totale Pro Sesto 57 3 57 3
1997-1998   Lumezzane C1 30 4 - - - - - - - - - 30 4
1998-1999   Verona B 32 6 CI 3 0 - - - - - - 35 6
1999-2000 A 27 2 CI 1 0 - - - - - - 28 2
Totale Verona 59 8 4 0 63 8
2000-2001   Inter A 15 1 - - - UCL+CU 1+2 0 - - - 18 1
2001-2002   Milan A 12 1 CI 5 0 CU 7 0 - - - 24 1
2002-2003 A 12 2 CI 7 0 UCL 7 0 - - - 26 2
2003-2004 A 11 0 CI 6 0 UCL 3 0 SI 1 0 21 0
2004-2005 A 11 0 CI 3 1 UCL 2 0 - - - 16 1
2005-2006   Fiorentina A 35 3 CI 4 0 - - - - - - 39 3
2006-2007   Milan A 29 1 CI 5 1 UCL 8 0 - - - 42 2
2007-2008 A 24 0 CI 2 0 UCL 3 0 SU+Cmc 1+2 0 32 0
Totale Milan 99 4 28 2 30 0 4 0 161 6
2008-2009   Lazio A 31 0 CI 3 0 - - - - - - 34 0
2009-2010 A 27 2 CI 2 0 UEL 3 0 SI 1 0 33 2
2010-2011 A 30 0 CI 2 0 - - - - - - 32 0
2011-2012 A 15 0 CI 0 0 UEL 3 1 - - - 18 1
2012-2013 A 8 0 CI 3 0 UEL 0 0 - - - 11 0
Totale Lazio 111 2 10 0 6 1 1 0 128 3
Totale carriera 406 25 46 2 39 1 5 0 496 28

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15-11-2006 Bergamo Italia   1 – 1   Turchia Amichevole -   59’
Totale Presenze 1 Reti 0

Statistiche da allenatoreModifica

Statistiche aggiornate al 22 maggio 2019

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2015-2016   Milan A 6 2 2 2 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - 7 2 2 3 28,57 Subentrato, 7°
2016-2017   Brescia B 30 7 10 13 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - 31 7 10 14 22,58 Esonerato
ott. 2018-2019   Monza C 30+4 13+2 10+1 7+1 CI+CI-C 0+7 0+5 0+1 0+1 - - - - - - - - 41 20 12 9 48,78 Subentrato, 5°
2019-2020 C 0 0 0 0 CI+CI-C 0+0 0+0 0+0 0+0 - - - - - - - - 0 0 0 0 ! in corso
Totale Monza 34 15 11 8 7 5 1 1 - - - - - - - - 41 20 12 9 48,78
Totale carriera 70 24 23 23 9 5 1 3 - - - - 0 0 0 0 79 29 24 26 36,71

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Nicola Binda, Il girone A senza gol. La salvezza è Brocchi, La Gazzetta dello Sport, 17 febbraio 1998. URL consultato il 14 maggio 2009.
  2. ^ Vincenzo Di Schiavi, Brocchi si nasce, campioni si diventa, Corriere della Sera, 3 aprile 2000. URL consultato il 14 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).
  3. ^ Carlo Laudisa e Antonello Capone, Brocchi all'Inter, soluzione Serena, La Gazzetta dello Sport, 6 luglio 2000. URL consultato il 14 maggio 2009.
  4. ^ Luca Curino e Andrea Elefante, Vieri tende la mano a Sacchi, La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2001. URL consultato il 14 maggio 2009.
  5. ^ quotidiano.net Scambio Brocchi-Guglielminpietro[collegamento interrotto], Quotidiano.net, 18 novembre 2001. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  6. ^ Brocchi, una furia contro l'Inter, TGcom, 21 novembre 2006. URL consultato il 3 giugno 2008.
  7. ^ Carlo Laudisa, Brocchi: «Il Milan? Dovevo andarmene prima...», La Gazzetta dello Sport, 15 dicembre 2005. URL consultato il 14 maggio 2009.
  8. ^ Franco Calamai e Michele Haimovici, Donadel trascina Brocchi a Firenze, La Gazzetta dello Sport, 16 giugno 2005. URL consultato il 14 maggio 2009.
  9. ^ Torna Brocchi...l'indispensabile[collegamento interrotto], fiorentina.it, 15 febbraio 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  10. ^ Giampiero Timossi, Brocchi spera di restare viola. «È una stagione straordinaria», La Gazzetta dello Sport, 22 marzo 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  11. ^ La Fiorentina spegne l'Inter. È quasi addio allo scudetto, la Repubblica, 8 febbraio 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  12. ^ Calciopoli: Fiorentina e Lazio in A, TGcom, 25 luglio 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  13. ^ Filippo Di Chiara, Brocchi, riecco il Milan, La Gazzetta dello Sport, 18 giugno 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  14. ^ Orgoglioso e raggiante[collegamento interrotto], acmilan.com, 1º novembre 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  15. ^ Milan 3 - 1 Sevilla, uefa.com, 31 agosto 2007. URL consultato il 14 maggio 2009.
  16. ^ Boca Juniors 2:4 Milan, fifa.com, 16 dicembre 2007. URL consultato il 14 maggio 2009.
  17. ^ Comunicato ufficiale A.C. Milan[collegamento interrotto], acmilan.com, 28 agosto 2008. URL consultato il 14 maggio 2009.
  18. ^ Lazio, prima soffre poi domina. Un doppio rigore stende il Cagliari, la Repubblica, 31 agosto 2008. URL consultato il 14 maggio 2009.
  19. ^ SuperZarate, Samp troppo morbida. La Lazio vince e vola al comando, la Repubblica, 14 settembre 2008. URL consultato il 14 maggio 2009.
  20. ^ Livorno-Lazio 1-2: biancocelesti restano in Serie A Blitzquotidiano.it
  21. ^ Calcio, Milan:aggregati 7 giocatori per tournée USA, in La Repubblica, 20 maggio 2010. URL consultato il 23 maggio 2010.
  22. ^ Brocchi e Cisse danno la sveglia La Lazio supera il fortino Zurigo, su gazzetta.it, 3 novembre 2011. URL consultato il 3 novembre 2011.
  23. ^ Lazio, crac Brocchi: accuse a Matuzalem - L'agente: "Nessun regolamento di conti" Gazzetta.it
  24. ^ Comunicato su Cristian Brocchi, su sslazio.it, 10 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013).
  25. ^ Giovanni Battista Olivero, Brocchi promozione importante, La Gazzetta dello Sport, 23 novembre 2006. URL consultato il 14 maggio 2009.
  26. ^ International football MATCH report: 15.11.2006 Italy vs Turkey, eu-football.info. URL consultato il 14 luglio 2012.
  27. ^ Milan, Brocchi, la Primavera che non pareggia e l'intuizione Donnarumma, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 12 aprile 2016.
  28. ^ BUON LAVORO MISTER BROCCHI, acmilan.com, 12 aprile 2016. URL consultato il 12 aprile 2016.
  29. ^ Brocchi lascia la panchina, sportmediaset.mediaset.it, 26 giugno 2016.
  30. ^ BENVENUTO MISTER MONTELLA!, acmilan.com, 28 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2016).
  31. ^ Brocchi: "Via dal Milan perché mancava fiducia in me", sportmediaset.mediaset.it, 10 luglio 2016.
  32. ^ Comunicato ufficiale: esonero di Cristian Brocchi, su bresciacalcio.it.
  33. ^ Comunicato Stampa del 22/10/2018 monza1912.it
  34. ^ Coppa Italia Serie C, Viterbese-Monza 1-0: sfuma il primo trofeo per Berlusconi
  35. ^ Galliani: 'Monza? Non è una stagione fallimentare: avanti con Brocchi' | Altri campionati Italia | Calciomercato.com, su m.calciomercato.com. URL consultato il 5 giugno 2019.
  36. ^ Vieri e Brocchi, i gemelli del crac. "Bancarotta da 14 milioni di euro" milano.repubblica.it
  37. ^ Vieri e Brocchi, i gemelli del crac - "Bancarotta da 14 milioni di euro" repubblica.it, 11 gennaio 2013
  38. ^ Buco di 14 milioni, Vieri e mamma “assolti”, su ilsecoloxix.it, 12 febbraio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica