Apri il menu principale

Cristoforo di Oldenburg

Cristoforo
Conte di Oldenburg
Nascita c.1504
Morte Rastede, Oldenburg, 4 agosto 1566
Padre Giovanni V, conte di Oldenburg
Madre Anna di Anhalt-Zerbst
Religione luteranesimo
in precedenza cattolicesimo

Cristoforo di Oldenburg (1504 circa – 4 agosto 1566) è stato Conte di Oldenburg e reggente della Danimarca dell'Est durante la Guerra dei Conti (1534-1536) che da lui prese il nome.

BiografiaModifica

 
Stemma del conte Cristoforo di Oldenburg.

Egli era il nipote del Conte Gerardo VI di Oldenburg, fratello del Re Cristiano I di Danimarca. Da giovane venne educato alla carriera militare, soprattutto a giudicare dalle condizioni economiche dello stato che avrebbero spinto presto alla guerra. Egli venne descritto come ”condottiero intellettuale” in possesso di un'approfondita cultura riguardante la Grecia antica e di spiccate doti militari.

Come cugino di Cristiano II e Cristiano III egli ebbe interessi nella politica dei paesi scandinavi. Quando in Danimarca scoppiò la guerra civile nel 1534, alla morte di Federico I, Cristoforo che si era convertito al protestantesimo, venne inviato a Lubecca come comandante militare delle truppe danesi, Lubecca e protestanti contro Cristiano III e la nobiltà danese. La proposta formale di questa alleanza era la restaurazione di Cristiano II. Cristoforo stesso era stato proposto come successore della corona danese.

Dopo un inizio promettente nel quale divenne reggente di Zelanda e Scania e dopo aver conquistato Fionia, si guadagnò numerosi alleati. Successivamente Lubecca venne coinvolta dal Duca Alberto VII di Meclemburgo-Güstrow nell'alleanza offertagli dal Re danese che creò gelosia tra i due signori. Cristiano III conquistò lo Jutland e Fionia e la defezione della Scania portò alla capitolazione di Cristiano a Copenhaghen.

Alla sua sconfitta egli ritornò a Oldenburg ma intervenne diverse volte nelle guerre della Germania del Nord. Tra le altre cose progettò un'invasione della Svezia e supportò la Lega di Smalcalda. Trascorse gli ultimi anni della sua vita in un monastero.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN40173604 · GND (DE118736191 · CERL cnp00586903 · WorldCat Identities (EN40173604