Cruz Azul Fútbol Club

società calcistica messicana con sede nella città di Città del Messico

Il Cruz Azul Fútbol Club, detto anche Cruz Azul, è una società calcistica messicana di Città del Messico. Milita nella Primera División de México. Gioca le proprie gare casalinghe allo Stadio Azteca.

Cruz Azul
Calcio
La Máquina Celeste, La Máquina Cementera
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Rosso, bianco, blu
SimboliConiglio
Dati societari
CittàCittà del Messico
NazioneBandiera del Messico Messico
ConfederazioneCONCACAF
Federazione FMF
CampionatoLiga MX
Fondazione1927
PresidenteBandiera del Messico Ricardo Pelaez
AllenatoreBandiera del Brasile Ricardo Ferretti
StadioStadio Azteca
(87 523[1] posti)
Sito webcfcruzazul.com/
Palmarès
Titoli nazionali9 Campionati messicani
Trofei nazionali4 Coppe del Messico
4 Supercoppe del Messico
1 Supercopa MX
Trofei internazionali6 CONCACAF Champions' Cup/Champions League
1 Leagues Cup
Si invita a seguire il modello di voce

È uno dei club messicani più titolati, avendo vinto 9 titoli di prima divisione, risultato condiviso con il Toluca e superato da América e Guadalajara. È stato il primo club messicano a raggiungere la finale di Coppa Libertadores, persa nel 2001 contro il Boca Juniors.

Origini

modifica

Il Cruz Azul venne fondato il 22 marzo 1927 dai lavoratori della società Cemento Cruz Azul, che sponsorizza ancora il club.

Guillermo Álvarez Macías e Carlos Garcés furono i due principali fautori dei primi successi del club.

Dal 1927 al 1960, giocò spesso con le squadre riserve di América, Necaxa, Atlante, Asturias e Marte. Considerata la crescente importanza del club, nel 1960 venne costruito uno stadio a Jasso, l'Estadio 10 de Diciembre, e la squadra fu ufficialmente registrata nella Segunda División messicana per la stagione 1960-61.

Dagli anni '60 agli anni '90

modifica

Nel 1964, sotto la guida dell'allenatore ungherese György Marik, la squadra vinse la Segunda División, guadagnando quindi il diritto di entrare nell'élite del calcio messicano. La formazione schierata nel primo incontro dei capitolini nella massima serie messicana dal tecnico magiaro il 6 giugno 1964 fu: Jesús García, Roberto Reynoso, Francisco Ulibarri, Rafael Padilla, Héctor Pulido, Porfirio Gutiérrez, Fernando Bustos, Raúl Arellano (che segnò anche la prima rete del club), Hilario Díaz, Raúl Herrera e Jesús Pérez.[2]

L'ottavo posto conquistato in prima divisione alimentò le speranze. Solo quattro anni dopo la squadra di aggiudicò il titolo con Raúl Cárdenas come allenatore.

Il Cruz Azul è il club messicano più vincente degli anni settanta, con 6 titoli conquistati tra il 1970 e il 1980, quattro dei quali sotto la guida di Raúl Cárdenas e gli ultimi due con Ignacio Trelles. Questa serie positiva valse al club il soprannome de La Máquina (La Macchina), che ancora viene usato come soprannome del team.

L'anno 1997 portò il club all'ottavo e più recente successo, durante il torneo Invierno 1997, con allenatore Luis Fernando Tena. Questo successo rese il Cruz Azul la prima squadra capace di vincere 8 titoli in meno di 40 anni. Il club vinse anche la prima edizione della Coppa Panamericana.

Coppa Libertadores 2001

modifica

Nel 2001, il Cruz Azul venne invitato ad un torneo che includeva club messicani e venezuelani. I due club finalisti avrebbero guadagnato l'accesso alla Coppa Libertadores. Il Cruz Azul raggiunse la finale della Libertadores quell'anno.

Incluso nel Gruppo 7 con São Caetano, Defensor Sporting e Olmedo, il Cruz Azul dominò, chiudendo con 13 punti. Negli ottavi affrontò il Cerro Porteño. L'andata vide il club messicano perdere ad Asunción per 2-1. Nella gara di ritorno, giocato in Messico, il Cruz Azul si aggiudicò il match con il risultato di 3-1. Il totale era perciò di 4-3 per i messicani, che quindi si aggiudicarono l'accesso ai quarti di finale

Ad attenderli trovarono gli argentini del River Plate. Il primo round al Monumental di Buenos Aires si concluse in pareggio (0-0). Il ritorno fu però dominato dai messicani con un secco 3-0.

Il Cruz Azul affrontò quindi le canallas argentine del Rosario Central nelle semifinali. Il Cruz Azul si aggiudicò l'andata per 2-0. Il ritorno al Gigante de Arroyito di Rosario si chiuse con un emozionante 3-3, risultato che permise al Cruz Azul di andare in finale.

La finale vide opposti i messicani ad un'altra squadra argentina, il Boca Juniors. All'andata Cruz Azul perse in casa per 1-0, rimontando però alla Bombonera. Si giunse dunque ai supplementari e, terminati i 30', ai rigori, che decretarono la vittoria del Boca Juniors. Il Cruz Azul fu comunque la vera sorpresa del torneo, avendo sconfitto club molto accreditati come São Caetano, Rosario Central e River Plate.

Il 19 luglio 2005 l'allenatore della squadra, Ruben Omar Romano, fu rapito dopo una seduta di allenamento fuori dalla sede del club. Fu in seguito liberato il 21 settembre dello stesso anno, riprendendo dopo poco tempo la guida del club.

Calciatori

modifica
  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del C.D.S.C. Cruz Azul.

Palmarès

modifica

Competizioni nazionali

modifica
1968-1969, México '70, 1971-1972, 1972-1973, 1973-1974, 1978-1979, 1979-1980, Invierno 1997, 2020-2021
1969, 1997, Clausura 2013, Apertura 2018
1969, 1974, 2021, 2022
2019

Competizioni internazionali

modifica
1969, 1970, 1971, 1996, 1997, 2013-2014
2019

Altri piazzamenti

modifica
Secondo posto: 1969-1970, 1980-1981, 1986-1987, 1988-1989, 1994-1995, Invierno 1999, Clausura 2008, Apertura 2008, Apertura 2009, Clausura 2013, Clausura 2018
Finalista: 1973-1974, 1987-1988
Semifinalista: 1964-1965
Finalista: 1972
Finalista: 2001
Finalista: 2008-2009, 2009-2010
Semifinalista: 2010-2011, 2021, 2022
Semifinalista: 1997
Finalista: 1971
Finalista: 2021
Quarto posto: 2014

Squadre affiliate

modifica
  • Primera División A: Cruz Azul Oaxaca
  • Segunda Division: Cruz Azul Hidalgo
  • Tercera Division: Cruz Azul México

Organico

modifica

Rosa 2021-2022

modifica
N. Ruolo Calciatore
1   P Jesús Corona (capitano)
2   D Alejandro Mayorga
3   D Jaiber Jiménez
4   D Julio Domínguez
6   C Erik Lira
7   C Uriel Antuna
8   C Luis Mendoza
10   C Rómulo Otero
11   C Christian Tabó
12   D Joaquín Martínez
15   D Ignacio Rivero
16   D Adrián Aldrete
N. Ruolo Calciatore
17   A Bryan Angulo
18   A Lucas Passerini
19   C Carlos Rodríguez
20   C Alexis Gutiérrez
22   C Rafael Baca
23   D Pablo Aguilar
24   D Juan Escobar
27   D Luis Abram
28   C Guillermo Fernández
29   A Santiago Giménez
33   P Sebastián Jurado
  C Carlos Salcedo

Rose delle stagioni passate

modifica
  1. ^ Ficha Informativa Archiviato il 15 gennaio 2015 in Internet Archive.
  2. ^ (ES) 56 AÑOS EN PRIMERA DIVISIÓN, su Cruzazulfc.com.mx. URL consultato il 1º luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2021).

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio