Apri il menu principale

SistematicaModifica

Le Cupressaceae comprendono in tutto circa 30 generi, tra i quali, oltre al cipresso, sono molto noti i ginepri (Juniperus), le tuia (Thuja). le specie sono circa 130. Le Cupressaceae vengono classificate tra le Pinophyta e nell'ordine delle Pinales. Molti studi hanno portato a includere i generi della famiglia delle Taxodiaceae (ora cancellata) in questa famiglia con l'eccezione del genere Sciadopitys per cui è stata definita una nuova famiglia le Sciadopityaceae.

Le Cupressaceae vengono suddivise, sulla base di caratteri genetici e morfologici in sette sottofamiglie (Gadek et al. 2000, Farjon 2005):

  • Cunninghamioideae (Zucc. ex Endl.) Quinn: Cunninghamia
  • Taiwanioideae L.C.Li: Taiwania
  • Athrotaxidoideae L.C.Li: Athrotaxis
  • Sequoioideae Saxton: Sequoia, Sequoiadendron, Metasequoia
  • Taxodioideae Endl. ex K.Koch: Taxodium, Glyptostrobus, Cryptomeria
  • Callitroideae Saxton: Callitris, Actinostrobus, Neocallitropsis, Widdringtonia, Diselma, Fitzroya, Austrocedrus, Libocedrus, Pilgerodendron, Papuacedrus
  • Cupressoideae Rich. ex Sweet: Thuja, Thujopsis, Chamaecyparis, Fokienia, Calocedrus, Tetraclinis, Microbiota, Platycladus, Callitropsis, Cupressus, Juniperus

MorfologiaModifica

 
coni maschili

Le Cupressaceae comprendono piante a portamento arboreo ed arbustivo, con chioma riccamente ramificata. Sono specie per lo più monoiche con eccezione del genere Juniperus.

Le foglie sono persistenti, squamiformi o aghiformi in Juniperus.

La corteccia è generalmente fibrosa.

I coni maschili sono piccoli, colorati, su porzioni terminali dei rami.

I coni femminili sono formati da pochi macrosporofilli portanti ciascuno 2-9 ovuli.

Dopo la fecondazione le squame ovulifere tendono a saldarsi assumendo consistenza legnosa o carnosa (galbuli) e forme diverse a seconda delle specie.

I semi sono forniti di 2 o 3 ali laterali.

ArealeModifica

Le Cupressaceae hanno una vastissima diffusione in tutti e cinque i continenti, tra le Conifere sono la famiglia con l'areale più vasto. Oltrepassano il Circolo Polare Artico in Norvegia e si avvicinano al Circolo Polare Antartico in Cile. Un membro delle Cupressaceae, Juniperus indica, raggiunge nel Tibet l'altezza di 5200 m sul livello del mare, ed è la specie vegetale legnosa che raggiunge la massima altitudine al mondo.

UsiModifica

Il legname viene utilizzato a diversi scopi. Molte specie hanno legno odoroso che viene impiegato nell'industria profumiera e come antitarme. I galbuli di Juniperus sono note come "bacche di ginepro" e vengono utilizzati come aromatizzanti in cucine e liquoreria

BibliografiaModifica

  • Farjon, A. (2005). Monograph of Cupressaceae and Sciadopitys. Royal Botanic Gardens, Kew. ISBN 1-84246-068-4.
  • Gadek, P. A., Alpers, D. L., Heslewood, M. M., & Quinn, C. J. (2000). Relationships within Cupressaceae sensu lato: a combined morphological and molecular approach. American Journal of Botany 87: 1044–1057. Available online.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4540249-8
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica