Apri il menu principale

Cyanistes caeruleus

specie di uccello

DescrizioneModifica

 
Adulto di cinciarella

È lungo circa 10,5–12 cm e pesa intorno ai 12 g [senza fonte] Il piumaggio è molto vivace, presentando per entrambi i sessi una colorazione blu cobalto sulla nuca, sulle ali e sulla coda, verdastra sul dorso, una mascherina bianca, attraversata da una linea nera all'altezza degli occhi, e petto giallo zolfo. Ha il becco nero a punta e zampe corte e robuste grigio-blu. I giovani sono molto più gialli degli esemplari adulti, ed hanno un carattere particolarmente giocoso (spesso si possono osservare individui assieme ad esemplari di codibugnolo).

BiologiaModifica

 
Cinciarella, su un noce.

AlimentazioneModifica

La cinciarella è un insettivoro.
Il suo cibo preferito consiste in coccidi, afidi, larve, ragni e piccoli invertebrati che trova sugli alberi.
Nel periodo invernale non disdegna comunque semi, bacche e frutta.

RiproduzioneModifica

 
Uova di cinciarella

Il periodo dell'accoppiamento inizia a febbraio.
La cinciarella nidifica in qualsiasi cavità degli alberi, ceppi, muri o nei nidi artificiali. Lo stesso nido è utilizzato anno dopo anno e costantemente protetto durante la cova. Viene realizzato utilizzando muschio, lana, peli e piume e le uova (normalmente 7-10 con guscio bianco screziato da punti scuri) vengono deposte tra aprile e maggio e covate per circa 15 giorni.
I piccoli vengono accuditi da tutti e due i genitori per 15-20 giorni.

CantoModifica

Il canto è molto articolato e può essere udito tutto l'anno ma maggiormente nel periodo da febbraio a giugno. Varia tra un vivace teerrrr, tee, tee, tee ad un rimbrottante churr.

Se disturbate mentre sono nel nido, le cinciarelle emettono un sibilo simile a quello dei serpenti, e possono cercare di saltare nel tentativo di intimorire l'aggressore.

Distribuzione e habitatModifica

È diffuso dall'Europa occidentale fino all'Asia occidentale e settentrionale.

Vive prevalentemente nei boschi collinari e pianeggianti, ma è anche un assiduo frequentatore di frutteti e giardini dove è possibile ammirarlo nelle sue acrobazie tra i rami, alla ricerca di cibo.

TassonomiaModifica

Sono note le seguenti sottospecie:[2]

  • Cyanistes caeruleus obscurus (Pražák, 1894)
  • Cyanistes caeruleus caeruleus (Linnaeus, 1758)
  • Cyanistes caeruleus balearicus (von Jordans, 1913)
  • Cyanistes caeruleus ogliastrae (Hartert, 1905)
  • Cyanistes caeruleus calamensis (Parrot, 1908)
  • Cyanistes caeruleus orientalis Zarudny & Loudon, 1905
  • Cyanistes caeruleus satunini Zarudny, 1908
  • Cyanistes caeruleus raddei Zarudny, 1908
  • Cyanistes caeruleus persicus (Blanford, 1873)

La sottospecie Cyanistes caeruleus teneriffae è oggi inquadrata come specie a sé stante (Cyanistes teneriffae)

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International, 2016, Parus caeruleus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.1, IUCN, 2017. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Paridae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 4 febbraio 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4145868-0