Apri il menu principale

GeneralitàModifica

Le Ciperacee sono piante acquatiche o adattate a vivere su substrati umidi, perciò si rinvengono facilmente negli stagni e nei terreni acquitrinosi. Sono spesso piante infestanti dei tappeti erbosi abbondantemente irrigati e si possono distinguere facilmente per il colore più chiaro, il portamento più compatto e le foglie coriacee.

La specie più conosciuta è il papiro (Cyperus papyrus). Il genere Carex è particolarmente ricco di specie, molto simili tra loro, comunemente chiamate carici, piuttosto comuni negli stagni e nelle zone paludose.

DescrizioneModifica

Le ciperacee sono piante graminoidi erbacee annuali o perenni, con portamento cespitoso e fusti spesso a sezione triangolare. Le foglie sono alterne, lineari o lineari lanceolate, inserite sul fusto per mezzo di una guaina avvolgente. La lamina è in genere coriacea.

I fiori sono unisessuali o ermafroditi, in genere riuniti in spighe. Il perigonio è assente e sostituito da brattee erbacee, dette glume. Apparentemente simili a quelli delle Graminacee, in realtà i fiori delle Ciperacee sono unisessuali oppure sembrano derivati dalla fusione di un fiore femminile con più fiori maschili. Il numero di stami varia da 1 a 6, l'ovario è uniloculare e monovulare, sormontato da uno stilo che si divide in 2-3 stimmi.

Il frutto è un achenio indeiscente di consistenza coriacea.

Formula fiorale: *,-0-6-,1-3(-6),③, achenio

SistematicaModifica

NoteModifica

  1. ^ The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG II [collegamento interrotto], in Botanical Journal of the Linnean Society 2003; 141: 399–436.
  2. ^ Botanica sistematica, un approccio filogenetico, Piccin, p. 308.
  3. ^ :(EN) Cyperaceae, su The Plant list.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4049960-1 · NDL (ENJA00575988
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica