Découvertes Gallimard

Collezione enciclopedica di libri tascabili illustrati
Universale Electa/Gallimard
Titolo originale Découvertes Gallimard
Bernardo Bellotto - Colosseum and Arch of Constantine (detail).jpg
Dipinto di Bernardo Bellotto presente sulla copertina di Roma Antica, tra mito e scoperta,[1] volume 9 della collezione, scritto da Claude Moatti. Un'immagine diversa è stata utilizzata per la versione francese.[2]
Autore AA.VV.
1ª ed. originale 1986
Genere Discipline umanistiche
Lingua originale francese

Découvertes Gallimard (letteralmente in italiano «Scoperte Gallimard»; in Italia: Universale Electa/Gallimard) è una collezione enciclopedica di libri tascabili che fu pubblicata nel novembre del 1986 da Éditions Gallimard con il primo volume L'antico Egitto, archeologia di una civiltà[3] (titolo originale: À la recherche de l'Égypte oubliée) scritto dall'egittologo francese Jean Vercoutter,[4] e contiene attualmente 732 libri.

Indice

Vista generaleModifica

Ogni libro della collezione è composto da una monografia e si concentra su un particolare argomento, tutta la serie copre tutte le aree di conoscenza e esperienza umana. Ci sono 502 autori esperti che hanno scritto per la collezione,[5] solitamente usano linea di tempo e prospettiva storica a descrivere un soggetto. Per esempio, il volume 239[6] Modes & vêtements di Nathalie Bailleux e Bruno Remaury (nº 87 della versione italiana – La Moda: usi e costumi del vestire), il quale è stato presentato in ordine cronologico per raccontare la storia della moda dai tempi di Adamo ed Eva ad oggi.[7][8] Il formato A6 (125 × 178 mm) viene utilizzato per questi mini-libri, i quali sono accompagnati da ricche illustrazioni a colori estratte dalle risorse del patrimonio,[5] e stampate su carta patinata. Ogni volume ha circa 200 pagine con circa 200 illustrazioni, e contiene la sezione «Testimonianze e Documenti», che fornisce informazioni documentarie più dettagliate, le fonti di tutte le illustrazioni e i crediti fotografici. L'editore ha detto che essi volevano creare «la più bella collezione tascabile del mondo» (« la plus belle collection de poche du monde »).[9]

RecensioniModifica

La rivista culturale francese Télérama ha elogiato la collezione: «I volumi di Découvertes Gallimard prendono in prestito la suspense dal cinema, hanno l'efficienza del giornalismo, il temperamento letterario è il loro fascino, e l'arte è la loro bellezza».[5]

Edizione italianaModifica

I libri della collezione sono stati parzialmente tradotti in italiano, pubblicati dal 1992 al 1999 da Electa/Gallimard sotto il titolo Universale Electa/Gallimard.[10][11]

Elenco dei volumi tradotti in italianoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Volumi di Universale Electa/Gallimard.

NoteModifica

  1. ^ La copertina di Roma Antica, tra mito e scoperta (JPG), su amazon.it. URL consultato il 21 aprile 2017.
  2. ^ (FR) À la recherche de la Rome antique, Collection Découvertes Gallimard (n° 56), su gallimard.fr. URL consultato il 21 aprile 2017.
  3. ^ L'antico Egitto, archeologia di una civiltà, su libroco.it. URL consultato il 21 aprile 2017.
  4. ^ (FR) À la recherche de l'Égypte oubliée, collection Découvertes Gallimard (n° 1), su gallimard.fr. URL consultato il 21 aprile 2017.
  5. ^ a b c (FR) Collection Découvertes Gallimard, su gallimard.fr. URL consultato il 21 aprile 2017.
  6. ^ (FR) Modes et vêtements, collection Découvertes Gallimard (n° 239), su gallimard.fr. URL consultato il 26 aprile 2017.
  7. ^ Modes et vêtements, su books.google.it. URL consultato il 26 aprile 2017.
  8. ^ La Moda: usi e costumi del vestire, su goodreads.com. URL consultato il 26 aprile 2017.
  9. ^   Découvertes Gallimard fête son n° 200 (1994), su YouTube.
  10. ^ Universale Electa/Gallimard, su arborsapientiae.com. URL consultato il 21 aprile 2017.
  11. ^ Elenco dei volumi dell'editore "UNIVERSALE ELECTA/GALLIMARD" (Mondadori Electa Spa - ), su campedel.it. URL consultato il 22 aprile 2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autorità VIAF: (EN175832835 · LCCN: (ENn86713776 · BNF: (FRcb39217529z (data)
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura