DJ Khaled

disc jockey, produttore discografico, personaggio televisivo e conduttore radiofonico statunitense
DJ Khaled
DJ Khaled 2012.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereHip hop
Periodo di attività musicale1993 – in attività
Strumentogiradischi, campionatore, tastiera, voce
EtichettaRoc Nation, Terror Squad, E1 Music, Def Jam South, Cash Money
Gruppi attualiTerror Squad
Album pubblicati11
Studio11
Sito ufficiale

DJ Khaled, pseudonimo di Khaled Mohamed Khaled (New Orleans, 26 novembre 1975[1][2]), è un disc jockey, produttore discografico, personaggio televisivo e radiofonico statunitense. Arrivando al successo nel decennio 2010, ha debuttato due volte alla prima posizione della Billboard 200 e cinque nella US Top Rap Albums Chart, vendendo in tutto il mondo oltre 4 milioni di album e 40 milioni di singoli.[3] Nel 2020 ha ottenuto il Grammy Award come Best Rap/Sung Performance, oltre ad aver vinto nel corso della sua carriera 13 BET Hip-Hop Awards, 2 American Music Awards, un MTV Video Music Awards e un Soul Train Music Award.[4]

Inizia come conduttore radiofonico negli anni duemila, proseguendo con la produzione di brani per Pitbull, Rick Ross, Ace Hood, e successivamente per Future, French Montana e Jennifer Lopez. Contemporaneamente intraprende la carriera da disc jockey e cantautore rilasciando undici album in studio, tra cui Major Key (2016), Grateful (2017) e Father of Asahd (2019), supportati da numerosi singoli e collaborazioni di successo, compresi I'm the One, Wild Thoughts, Dinero, For Free, Shining e Top Off.

Dal 2016 ha stipulato un contratto come artista e produttore con la Roc Nation, arrivando così a lavorare in studio con numerosi rapper di successo, tra cui il fondatore Jay-Z, Future, Kanye West, Drake, Chris Brown, Lil Wayne, Nicki Minaj, Missy Elliott e Travis Scott. Ha poi collaborato con artisti provenienti da altri generi musicali come Rihanna, Beyoncé, Alicia Keys, Meghan Trainor, John Legend, Mary J. Blige, J Balvin, Calvin Harris e Justin Bieber.[5]

BiografiaModifica

Khaled è nato a New Orleans, in Louisiana[1][6], il 26 novembre del 1975, figlio di immigrati palestinesi[7]. Attualmente risiede a Pembroke Pines (in Florida)[8]. Dal 2003 DJ Khaled lavora per la stazione radio WEDR di musica urban situata a Miami, in Florida, dove conduce la trasmissione TakeOver insieme a host K. Foxx.[1], In precedenza aveva lavorato come spalla per la trasmissione The Luke Show condotta da Luther Campbell, sempre su WEDR.[9]

DJ Khaled è inoltre il DJ per il gruppo musicale hip hop Terror Squad. Ha inoltre prodotto dal 2004 al 2006 anche gli album di Fat Joe e di Fabolous.[10] Nel 2006, Khaled ha pubblicato il suo album di debutto Listennn... the Album, che ha debuttato nella Billboard 200 alla dodicesima posizione.[11]. Hanno fatto seguito We the Best (2007), We Global (2008) e Victory (2010). Nel 2009, Khaled è diventato il presidente dell'etichetta discografica Def Jam South. Nel 2008 ha vinto il BET Hip Hop Awards come DJ dell'anno.[12]

2016-2017: Major Key e GratefulModifica

Il 29 febbraio 2016, Khaled ha firmato un accordo di sola amministrazione con la società di Jay-Z, Roc Nation, e ha annunciato il suo nono album in studio, Major Key. Ha anche annunciato che il suo album conterrà Jay Z, Future, Kanye West, Big Sean, Lil Wayne, Nicki Minaj, Meghan Trainor e Rick Ross.[13] L'album raggiunge la prima posizione della Billboard 200, vendendo in totale 1 milione di copie negli Stati Uniti, ed entra nelle top10 di Canada, Regno Unito ed Australia.[14][15] Il 3 giugno 2016, Khaled ha pubblicato il primo singolo tratto dall'album, "For Free", con Drake che vende oltre 2,2 milioni di copie e diviene il quarto debutto più alto nella Billboard Hot 100.[16][17] Successivamente rilascia le collaborazioni "I Got the Keys" con Future e Jay-Z, "Holy Key" con Kendrick Lamar e Betty Wright e "Do You Mind" con Nicki Minaj, Chris Brown e Rick Ross.[18][19] L'album riceve una nomina ai Grammy Award come Best Rap Album e ai Billboard Music Award come Top Rap Album.[20][21] Nel 2016 è tra i produttori dell'album di French Montana MC4.

Il 24 dicembre 2016, Khaled ha annunciato su Twitter che sta lavorando al suo decimo album in studio, Grateful, con potenziali collaboratori, come Chance the Rapper, Justin Bieber, Migos, Alicia Keys e Mariah Carey.[22] L'album diventa il secondo numero uno nella Billboard 200, e debutta nella top10 nel Regno Unito, Australia, Francia e Canada, arrivando a vendere oltre 1,2 milioni di copie in tutto il mondo.[23] Il 12 febbraio, il DJ Khaled ha pubblicato "Shining", singolo di apertura del nuovo progetto con i coniugi Beyoncé e Jay-Z, vendendo oltre 1 milioni di copie negli Stati Uniti.[24][25] Nell'aprile successivo rilascia "I'm the One" con Justin Bieber, Lil Wayne, Quavo e Chance the Rapper, entrando nelle top10 di oltre trenta classifiche, ottenendo la prima posizione nella Billboard Hot 100 e in Canada, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda, vendendo oltre 10 milioni di copie in tutto il mondo, di cui 7 negli Stati Uniti.[26][27] Sempre nel 2017 produce quattro tracce per l'album Tours del rapper statunitense Kent Jones e una traccia nell'album omonimo del rapper Future. Il 16 giugno 2018 rilascia "Wild Thoughts" con Rihanna e Bryson Tiller, debuttando nelle top10 di oltre 40 classifiche, tra cui la seconda posizione della Billboard Hot 100 e la prima posizione in Australia e Regno Unito. La canzone ottiene inoltre numerosi riconoscimenti e nomine, tra cui un Soul Train Music Award, un BET Awards,un BET Hip Hop Awards e quattro nomine agli MTV Video Music Awards.[28][29]

2018-presente: Father of Asahd e collaborazioniModifica

Il 1º marzo 2018, Khaled ha annunciato il suo undicesimo album in studio,Father of Asahd, e il suo singolo principale "Top Off", con Beyoncé, Jay-Z e Future.[30][31] L'album, oltre a debuttare alla seconda posizione della Billboard 200 e prima della classifica canadese, vede numerose collaborazioni, tra cui J Balvin, SZA, Travis Scott, Post Malone e Big Sean.[32][33] Il 23 luglio Khaled ha annunciato il prossimo singolo, intitolato "No Brainer", con Justin Bieber, Chance the Rapper e Quavo, debuttando alla posizione 5 della Billboard Hot 100, 3 della classifica britannica, vendendo oltre 2 milioni di copie in tutto il mondo.[34][35] Contemporaneamente collabora con Jennifer Lopez nel brano "Dinero" che raggiunge la prima posizione della US Latin Airplay, e fa ottenere al DJ il primo MTV Video Music Awards come Best Collaboration.[36] Il 17 maggio 2019 rilascia il singolo "Just Us" con SZA e la collaborazione "Wish Wish" con Cardi B e 21 Savage, vendendo complessivamente 2 milioni di copie. Nel 2019 è inoltre tra i produttori dell'album dei brani presenti nel film Walt Disney Aladdin interpretati da Will Smith.[37] Il brano "Higher", presente in Father of Asahd, con John Legend e Nipsey Hussle ottiene nel 2020 il Grammy Awards come Best Rap/Sung Performance.[38]

Nel 2020 appare in un cameo nel film Bad Boys for Life con Will Smith e Martin Lawrence.

DiscografiaModifica

FilmografiaModifica

AttoreModifica

DoppiatoreModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Jamz Jocks – DJ Khaled, WEDR. URL consultato il 12 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2008).
  2. ^ John Tanasychuk, DJ Khaled at Cafe Martorano, in SUP, 2 dicembre 2008. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  3. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  4. ^ (EN) 62nd Annual GRAMMY Awards, su GRAMMY.com, 19 novembre 2019. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  5. ^ (EN) Lizzie Plaugic, DJ Khaled signs management deal with Roc Nation, su The Verge, 29 febbraio 2016. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  6. ^ Jasmine Lewis, DJ Khaled: Taking Over Miami, in Rap Pages, 22 agosto 2007 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2008).
  7. ^ Andy Kellman, DJ Khaled > Biography, allmusic, 2008. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  8. ^ Gus Garcia-Roberts, These granite countertops is THE BEST!: DJ Khaled lists his house, in Riptide 2.0, 20 novembre 2008. URL consultato il 13 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2009).
  9. ^ Tristram Korten, Faithful As I Wanna Be, in Miami New Times, 5 novembre 1998. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  10. ^ DJ Khaled > Credits, allmusic. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  11. ^ Chris Harris, AFI Score First Billboard #1; Ice Cube And Yung Joc Open Big, MTV News, 14 giugno 2006. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  12. ^ DJ of the Year Archiviato il 29 aprile 2009 in Internet Archive.. BET Hip Hop Awards, 2008.
  13. ^ DJ Khaled Says "Major Key" Will Feature Drake, Kanye West, Lil Wayne, Jay Z & Many More, su HotNewHipHop. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  14. ^ DJ Khaled Earns His First No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Major Key', su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  15. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  16. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  17. ^ DJ Khaled Chart History, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  18. ^ DJ Khaled - Do You Mind Feat. Nicki Minaj, Chris Brown, Future, August Alsina, Jeremih & Rick Ross, su HotNewHipHop. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  19. ^ (EN) New Music: DJ Khaled feat. Jay Z & Future – 'I Got the Keys', su Rap-Up. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  20. ^ Here Is the Complete List of Nominees for the 2017 Grammys, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  21. ^ (EN) 2017 BBMAs Announce Non-Televised Award Recipients, su Billboard Music Awards, 21 maggio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2017).
  22. ^ DJ Khaled Hits the Studio with Travis Scott, Mariah Carey, Migos & Chance The Rapper, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  23. ^ DJ Khaled's 'Grateful' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  24. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  25. ^ (EN) DJ Khaled Shares His "Shining" Moment With Beyonce And JAY Z, su Vibe, 13 febbraio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  26. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  27. ^ (EN) Chance the Rapper Just Got His First Number One Single, su Highsnobiety, 9 maggio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  28. ^ (EN) Kendrick Lamar, DJ Khaled, & Cardi B Lead BET Hip-Hop Awards 2017 Nominees, su Rap-Up. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  29. ^ Solange, Bruno Mars Lead 2017 Soul Train Awards Nominations, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  30. ^ DJ Khaled Announces New Album Title & "Top Off" Single Feat. Jay Z, Beyonce & Future, su HotNewHipHop. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  31. ^ Father of Asahd, su Tidal.
  32. ^ (EN) Ben Sisario, Tyler, the Creator Beats DJ Khaled to Hit No. 1 With ‘Igor’, in The New York Times, 27 maggio 2019. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  33. ^ DJ Khaled Announces 'Father of Asahd' Album Release Date, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  34. ^ (EN) Drake takes out third week at Number 1, DJ Khaled scores Top 5 new entry, su www.officialcharts.com. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  35. ^ Drake Dominates Hot 100 for Fourth Week With 'In My Feelings,' DJ Khaled's All-Star 'No Brainer' Debuts at No. 5, su Billboard. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  36. ^ (EN) Video of the Year - VMAs: Camila Cabello Wins Video of the Year for "Havana"; Complete List of Winners, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  37. ^ (EN) Disney's Aladdin: DJ Khaled to Join Will Smith for "Friend Like Me", su Movies. URL consultato il 15 febbraio 2020.
  38. ^ (EN) DJ Khaled, su GRAMMY.com, 5 febbraio 2020. URL consultato il 15 febbraio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN78535253 · ISNI (EN0000 0001 1878 3398 · Europeana agent/base/99372 · LCCN (ENno2006070256 · GND (DE13644962X · WorldCat Identities (ENlccn-no2006070256