Apri il menu principale
DWF. donnawomenfemme
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàtrimestrale
Genereperiodico politico
FondatoreAnnarita Buttafuoco, Tilde Capomazza
Fondazione1975
EditoreCooperativa UTOPIA
ISSN0393-9014 (WC · ACNP)
Sito web
 

DWF donnawomenfemme è una rivista femminista fondata nel 1977 da Annarita Buttafuoco e Tilde Capomazza che si propone come punto di riferimento della cultura femminile in Italia e nel mondo.

StrutturaModifica

I singoli fascicoli prevedono una prima sezione centrata sul tema impostato nell'editoriale; una seconda sezione Sequenze contenente alcuni saggi originali o traduzioni; la rubrica legami magistrali in cui sono presenti saggi di giovani ricercatrici; ed infine recensioni e segnalazioni di libri e riviste.

La rivista compare nel web il 3 marzo 1999[1]. La lista dei fascicoli dal 1976 al 2000 e consultabile in Internearchive[2], mentre i fascicoli dal 2006 al 2011 sono visibili nel sito della rivista.

StoriaModifica

La rivista ha avuto 3 serie:

  • la prima dal 1975 al 1976 con il sottotitolo Rivista internazionale di studi antropologici storici e sociali sulla donna
  • la seconda dal 1976 al 1985 con il nome Nuova DWF. Donna Woman Femme. Quaderni di studi internazionali sulla donna
  • la terza dal 1986 -. Con il titolo DFW.donnawomenfemme

Il fascicolo n. 48 del 2000 è stato dedicato ad Annarita Buttafuoco e ha in allegato un supplemento che contiene gli indici e gli abstracts 1975-200, ed è disponibile sia in forma cartacea[3] che online[4]

Direttrici responsabiliModifica

  • Tilde Capomazza - 1975-76
  • Annarita Buttafuoco - 1976-1986
  • -
  • Patrizia Cacioli - ? - ?
  • Teresa Di Martino - 2012

Gruppi redazionaliModifica

  • 1982: Annarita Buttafuoco, Silvia Costantini, Rosanna De Longis, Donata Lodi, Maricla Tagliaferri, Gabriella Turnaturi
  • 1998: Annalisa Biondi, Paola Bono, Patrizia Cacioli, Laura Fortini, Federica Giardini, Paola Masi.
  • attuale: Patrizia Cacioli, Federica Castelli, Teresa Di Martino, Paola Masi, Roberta Paoletti

NoteModifica

  1. ^ Home page DWF, su storiadelledonne.it (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2001). Home page DWF nel 1999 da InternetArchive
  2. ^ dwf. fascicoli, su storiadelledonne.it. URL consultato il 17 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2001).
  3. ^ Francesca Perrone e Vania Chiurlotto (a cura di), DWF donnawomenfemme, 1975-2000, indici e abstracts, Roma, Utopia, 2000.
  4. ^ DWF, Archivio, su dwf.it. URL consultato il 16 gennaio 2014.

Collegamenti esterniModifica