Apri il menu principale

Dalia (nome italiano)

prenome femminile

VariantiModifica

Varianti in altre lingueModifica

Origine e diffusioneModifica

 
Un fiore di dalia

Si tratta di un nome augurale che richiama il fiore della dalia, il cui nome (originariamente dahlia, adattato in dalia in italiano) deriva dal cognome del botanico svedese Anders Dahl che la scoprì nel 1788 in Messico (di cui è quindi considerata "fiore nazionale"[8]) e la introdusse in Europa[1][2][3][5][6][7][9]; etimologicamente, il cognome di Dahl risale al vocabolo svedese dahl, che significa "valle"[5] (imparentato con l'inglese dale, dal medesimo significato[7]).

Dalia fa parte di quell'ampia schiera di nomi augurali di ispirazione floreale[1][3], insieme con Margherita, Viola, Giacinta, Poppy, Narciso, Aoi, Azucena e molti altri. Il suo uso in inglese è moderno[6], attestato a partire dal tardo XIX secolo[7].

Va notato che questo nome è omografo con altri due, il lituano Dalia e l'ebraico Dalia.

OnomasticoModifica

Non ci sono sante con questo nome, che è quindi adespota. L'onomastico si può festeggiare il 1º novembre, giorno di Ognissanti.

PersoneModifica

Variante DahliaModifica

Il nome nelle artiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d Galgani, p. 215.
  2. ^ a b c La Stella T., pp. 102, 103.
  3. ^ a b c d e De Felice, p. 129.
  4. ^ a b Ahmed, p. 250.
  5. ^ a b c d e f Albaigès i Olivart, p. 85.
  6. ^ a b c d (EN) Dahlia, su Behind the Name. URL consultato il 17 marzo 2019.
  7. ^ a b c d Sheard, p. 159.
  8. ^ (EN) Dalia (1), su Behind the Name. URL consultato il 17 marzo 2019.
  9. ^ (EN) dahlia, su Online Etymology Dictionary. URL consultato il 16 dicembre 2011.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi