Danny Aiello

attore statunitense
Danny Aiello a New York nel 2011

Daniel Louis "Danny" Aiello Jr. (New York, 20 giugno 1933New Jersey, 12 dicembre 2019) è stato un attore statunitense.

BiografiaModifica

Aiello nacque il 20 giugno 1933 a Manhattan, New York, in una famiglia povera insieme a sei fratelli. Il padre, Daniel Louis Aiello Sr., era un operaio statunitense figlio di immigrati italiani mentre la madre, Francesca Pietrocova, era una sarta italiana originaria di Napoli[1].

Debuttò nel 1976 con Il prestanome, diretto da Martin Ritt. Ebbe un ruolo minore ne Il padrino - Parte II nella scena del tentato omicidio a Frankie Pentangeli (interpretato da Michael V. Gazzo) con una corda in un bar. Nel 1986 apparve nel videoclip di Madonna Papa Don't Preach[2], dove interpretava il padre della cantante: gli anni ottanta sono quelli in cui diede il meglio in ruoli di attore caratterista.

La sua interpretazione più celebre è quella del pizzaiolo italoamericano Sal nel film di Spike Lee, Fa' la cosa giusta, per il quale fu nominato ai Premi Oscar 1990 come miglior attore non protagonista[3]: ma lo si ricorda anche per l'interpretazione del capitano di polizia Vincent Aiello nel capolavoro di Sergio Leone C'era una volta in America (1984) e per il ruolo di Monk ne La rosa purpurea del Cairo[4] di Woody Allen, del 1985.

Vita privataModifica

Dal 1955 fino alla morte fu sposato con la produttrice Sandy Cohen. Ebbe da lei quattro figli[3], due dei quali lavorano anch'essi nel mondo del cinema: Rick[3], Danny Aiello III[5] (1957-2010, morto a 53 anni per un cancro al pancreas), Jamie e Stacy.

Filmografia parzialeModifica

 
Danny Aiello a Manhattan nel 2010

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Danny Aiello è stato doppiato da:

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Rocky Pesini. "Danny Aiello". In Italian Americans of the Twentieth Century, ed. George Carpetto and Diane M. Evanac (Tampa, FL: Loggia Press, 1999), pp.2-3

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100241812 · ISNI (EN0000 0001 2283 459X · LCCN (ENno91008680 · GND (DE137751761 · BNF (FRcb14006028j (data) · NLA (EN40034467 · WorldCat Identities (ENno91-008680