Apri il menu principale

Darryl F. Zanuck

produttore cinematografico statunitense
(Reindirizzamento da Darryl Zanuck)

Darryl Francis Zanuck (Wahoo, 5 settembre 1902Palm Springs, 22 dicembre 1979) è stato un produttore cinematografico statunitense.

BiografiaModifica

Inizia la sua carriera nel cinema come soggettista e sceneggiatore usando anche lo pseudonimo di Melville Crossman; dal 1928 al 1932 è alla Warner Bros., per la quale produce Piccolo Cesare (1930) di Mervyn LeRoy, Nemico pubblico (1931) di William A. Wellman, Quarantaduesima strada (1933) di Lloyd Bacon.

La Twentieth Century PicturesModifica

Nel 1933 fonda con Joseph Schenck la Twentieth Century Pictures e inizia a produrre vari film.

20th Century FoxModifica

Nel 1935 la sua compagnia si fuse con la Fox Film Corporation divenendo la 20th Century Fox. Il trattino tra "Century" e "Fox" fu eliminato dal nome della società solo nel 1985.

La produzioneModifica

 
Darryl F. Zanuck alla cerimonia degli Oscar

Diventa produttore indipendente dal 1956 e nel 1962 è l'unico non accreditato dei registi del film Il giorno più lungo. Dal 1962 al 1971 diventa presidente della Fox e tenta di risollevarla dalla difficile situazione finanziaria dovuta al flop di Cleopatra (1963) di Joseph L. Mankiewicz.

Suo figlio Richard D. Zanuck è anch'egli produttore cinematografico, che ha prodotto, tra gli altri, molti film del regista Tim Burton: Il pianeta delle scimmie, Big Fish - Le storie di una vita incredibile, La fabbrica di cioccolato, Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street, Alice in Wonderland, Dark Shadows e Frankenweenie.

MorteModifica

 
La tomba di Darryl Zanuck al Westwood Village Memorial Park Cemetery.

Grande fumatore di sigari, morì per un cancro alla mascella all'età di 77 anni, e fu sepolto al Westwood Village Memorial Park Cemetery.

Filmografia parzialeModifica

ProduttoreModifica

Produttore esecutivoModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

Film o documentari dove appare ZanuckModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41858225 · ISNI (EN0000 0001 1025 5064 · LCCN (ENn80082423 · GND (DE120859998 · BNF (FRcb12043173g (data) · NLA (EN35233964 · NDL (ENJA00621681 · WorldCat Identities (ENn80-082423