David Crane (programmatore)

autore di videogiochi statunitense

David Crane (Nappanee, 1955) è un autore di videogiochi e imprenditore statunitense. È una delle menti più geniali nella storia del settore videoludico, tra l'altro cofondatore della Activision e ideatore del classico Pitfall!.[1]

David Crane (2013)

BiografiaModifica

Crane nacque nella cittadina di Nappanee (Indiana) e si laureò in ingegneria elettronica al DeVry Institute of Technology di Phoenix, per poi trasferirsi nella Silicon Valley per lavoro.[2] Dal 1975 fu assunto alla National Semiconductor.[3]

Iniziò l'attività videoludica nel 1977 all'Atari, realizzando titoli per la neonata console Atari 2600.[1] Già dal 1978 completò come programmatore il primo titolo, il ben riuscito Outlaw, seguito da Canyon Bomber nel 1979.[4] Con il passaggio della gestione dell'Atari alla Warner Communications e a Ray Kassar, l'ambiente dell'azienda si fece più inquadrato e meno artistico e alcuni sviluppatori si sentivano poco valorizzati. Durante una partita di tennis tra Crane e il collega Alan Miller, i due decisero di creare una nuova azienda: nel 1979 lasciarono l'Atari e fondarono, insieme ai colleghi Bob Whitehead e Larry Kaplan, al discografico Jim Levy e finanziati dall'imprenditore Richard Muchmore, l'Activision.[1]

A differenza di Atari, che basava gran parte della produzione del software su conversioni spesso poco riuscite di videogiochi arcade o legati ad altri media (uno dei fattori che porterà alla crisi dei videogiochi del 1983), Crane cercava di creare titoli originali, in grado di vendere per la loro effettiva sostanza, e non solo per il nome.[5] Inoltre Activision cercava di promuovere designer e programmatori, con tanto di ritratti sui manuali: in Atari i nomi dei creatori non venivano neppure menzionati all'interno dei crediti.[5]

La produzione personale di Crane in Activision si fece più prolifica; già nel 1980 uscirono i primi due giochi accreditati a lui, ora come game designer, seguiti da altri tre nel 1981, più uno, Kaboom!, del quale realizzò solo la grafica.[4] Crane diventò celebre creando Pitfall! (1982), uno dei primi videogiochi a piattaforme e uno dei titoli più venduti in assoluto per Atari 2600.[6] Grazie al pluripremiato Pitfall! Crane fu nominato designer dell'anno dalle riviste Video Game Update e Video Review.[2] Inizialmente Activision sviluppava ancora giochi per Atari 2600, incluso Pitfall!, diventando un concorrente della stessa Atari, ma presto si affermarono altri sistemi e la produzione si poté diversificare.[1]

Nel 1983 Crane lavorò ad Activision Decathlon e nel 1984 al seguito di Pitfall! e alla conversione dell'originale per la nuova Atari 5200. Dopo la crisi del 1983, che colpì in particolare le console, Crane passò alla realizzazione di giochi per computer: il geniale Little Computer People, Ghostbusters, e il più ordinario Transformers. L'ultimo gioco di Crane a marchio Activision fu Skate Boardin' (1987).[4]

Nel 1987 Crane lasciò l'Activision,[3] secondo lui perché il nuovo presidente Bruce Davis tagliò immotivatamente il suo stipendio, promettendo bonus non ben definiti.[7] Nel 1987-1988 lavorò alla Hasbro Electronics, dove collaborò al progetto di un innovativo lettore video interattivo chiamato inizialmente NEMO,[3] che non arrivò mai alla pubblicazione, ma alcuni giochi furono in seguito riadattati per altri sistemi.[8]

Nel 1986 Garry Kitchen e altri colleghi avevano lasciato l'Activision per fondare la società di sviluppo Imagineering e poco dopo l'editrice Absolute Entertainment, usata quando si volevano pubblicare in proprio i giochi sviluppati.[9] Alla fine del 1988 Crane entrò alla Absolute come vice presidente e sviluppatore.[3] Nel 1989 sviluppò il primo titolo per la Absolute, l'avventura A Boy and His Blob, passando per la prima volta alla console NES. Fu uno dei più grandi successi di Crane, che ne realizzò anche un seguito per Game Boy nel 1990.[4]

Nel 1991 sviluppò ben tre videogiochi sulla serie animata dei Simpson. Nel 1992 realizzò per la prima volta un gioco che porta il suo nome nel titolo: David Crane's Amazing Tennis. Seguirono Toys (1993) sul film Toys, Home Improvement: Power Tool Pursuit! (1994) sulla serie TV Quell'uragano di papà, il film interattivo Night Trap (1994) e infine lo strategico SPQR: The Empire's Darkest Hour (1996). In seguito Crane rimase attivo nel settore, ma soprattutto nella direzione di compagnie e nello sviluppo di casual game.[10]

Nel 1995 la Absolute Entertainment venne chiusa; nello stesso anno Crane fondò, sempre insieme a Kitchen, la Skyworks Technologies, compagnia che si occupava di casual game e di titoli per console portatili o telefoni cellulari.[11] Crane assunse il ruolo di direttore tecnico.[3]

Nel 2009 lasciò il direttivo della Skyworks,[3] che rimase qualche anno in attività senza di lui,[12] e insieme a Garry Kitchen fondò la AppStar Games, specializzata in giochi per dispositivi mobili, con Crane come direttore tecnico.[13] AppStar ebbe vita breve e nel 2011 Crane entrò alla Viacom (fino al 2012) e alla SGK Service,[3] società di consulenza per l'industria videoludica guidata da Garry Kitchen.[14]

Nel 2010 Crane fu la prima persona a ricevere il "premio pioniere" (Pioneer Award) per l'industria dei videogiochi agli Annual Interactive Achievement Awards.[15]

Nel 2021 Crane insieme a Garry e Dan Kitchen fondò la Audacity Games, specializzata in nuovi giochi originali per Atari 2600 per il mercato del retrogaming.[16] A marzo 2021 viene annunciato il primo di questi nuovi giochi, Circus Convoy.[17]

Videogiochi realizzatiModifica

Anno Titolo Ruolo Pubblicazione Piattaforma
1978 Boggle (non pubblicato) Programmatore Atari, Inc. Atari 2600
Outlaw
1979 Canyon Bomber
Slot Machine
1980 Dragster Designer Activision
Fishing Derby
1981 Laser Blast
Freeway
Grand Prix
Kaboom! Grafico
1982 Pitfall! Designer, programmatore
1983 The Activision Decathlon
The Activision Decathlon Designer Atari 5200
1984 Pitfall II: Lost Caverns Designer, programmatore, audio Atari 2600
Pitfall! Designer Atari 5200
Pitfall II: Lost Caverns
Ghostbusters Designer, programmatore Commodore 64
1985 Little Computer People
1986 Transformers: The Battle to Save the Earth Designer Commodore 64
1987 Skate Boardin' Designer, programmatore Atari 2600
1988 Super Skate Boardin' Atari 7800
1989 A Boy and His Blob: Trouble on Blobolonia Absolute Entertainment NES
1990 The Rescue of Princess Blobette Game Boy
1991 The Simpsons: Bart vs. the Space Mutants Programmatore
The Simpsons: Bart vs. the World Designer
Bart Simpson's Escape from Camp Deadly Programmatore Game Boy
1992 David Crane's Amazing Tennis Designer, programmatore
1993 Toys Designer, produzione SNES
1994 Home Improvement: Power Tool Pursuit! Designer
Night Trap Programmatore Digital Pictures
1995? Chomp! (Gummi Savers) Designer, programmatore Morning Star Multimedia Windows, Mac OS
1996 SPQR: The Empire's Darkest Hour Consulenza GT Interactive Windows
1997 Klondike Designer Sega Sega Channel
2006 March of the Penguins Designer, character simulation Destination Software Game Boy Advance, Nintendo DS
2008 Arcade Bowling Designer, programmatore Skyworks Interactive iOS
2009 Boardwalk Games
2010 Stellar Blast!
2021 Circus Convoy Designer, programmatore Audacity Games Atari 2600

L'elenco è incompleto e non comprende tutti i poco noti casual game ai quali Crane ha collaborato in tempi più recenti, tra cui molti advergame.[18][19] Nel 2009 Crane sosteneva di aver sviluppato il suo 68° videogioco commerciale.[7]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Retrogame Magazine 4, p. 44.
  2. ^ a b Videogiochi 12, p. 92.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Curriculum Vitae, su dcrane.com.
  4. ^ a b c d Retrogame Magazine 4, p. 46.
  5. ^ a b intellivisionworld.com.
  6. ^ (EN) Levi Buchanan, Top 10 Best-Selling Atari 2600 Games, su retro.ign.com, IGN Entertainment, Inc.. URL consultato il 24 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2011).
  7. ^ a b (EN) The Replay Interviews: David Crane, su gamedeveloper.com.
  8. ^ Alla ricerca di NEMO, su it.ign.com.
  9. ^ (EN) Activision celebrates a memorable decade (JPG), in Commodore Magazine, vol. 10, n. 7, West Chester, Commodore Magazine Inc., luglio 1989, p. 71, ISSN 0744-8724 (WC · ACNP).
  10. ^ Retrogame Magazine 4, p. 47.
  11. ^ (EN) About Skyworks, su skyworks.com. URL consultato il 20 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2005).
  12. ^ (EN) Principals, su skyworks.com (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2010).
  13. ^ (EN) Activision co-founder sets up new handheld business, su gamesindustry.biz.
  14. ^ (EN) Garry Kitchen, su garrykitchen.com.
  15. ^ (EN) Uncharted 2 victorious at 13th AIAS Awards, su gamesindustry.biz.
  16. ^ (EN) Ex-Activision Pioneers Form Audacity Games, Will Develop New Atari 2600 Titles, su gamespot.com.
  17. ^ Circus Convoy for the Atari 2600 - Trailer, su youtube.com. URL consultato il 22 agosto 2022.
  18. ^ (EN) List of Video Game Products, su dcrane.com.
  19. ^ (EN) Product Portfolio (PDF), su ataricompendium.com.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica