Apri il menu principale

David Mateos

calciatore spagnolo
David Mateos Ramajo
David Mateos.png
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 190 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Hapoel Ra'anana
Carriera
Giovanili
1999-2001 Real Madrid
2001-2002 Santa Ana
2002-2007 Real Madrid
Squadre di club1
2005-2006 Real Madrid C 0 (0)
2006-2011 Real M. Castilla 97 (2)
2010-2011 Real Madrid 0 (0)
2011 AEK Atene 7 (0)[1]
2011-2012 Real Saragozza 14 (0)
2012-2013 Real M. Castilla 31 (1)
2013-2015 Ferencváros 40 (7)
2015-2017 Orlando City 27 (0)
2017-2018 Real Murcia23 (1)
2018-2019 Hapoel Hadera26 (1)
2019-Hapoel Ra'anana0 (0)
Nazionale
2005 Spagna Spagna U-17 4 (1)
2007-2008 Spagna Spagna U-19 4 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 luglio 2019

David Mateos Ramajo (Madrid, 22 aprile 1987) è un calciatore spagnolo, difensore dell'Hapoel Ra'anana.

Caratteristiche tecnicheModifica

È un difensore centrale che si distingue per la sua forza fisica e per la sua classe.[2] Può essere schierato anche a centrocampo.[2]

È stato associato come caratteristiche a Fernando Hierro.[2]

CarrieraModifica

ClubModifica

EsordiModifica

David Maetos entra nelle giovanili del Real Madrid il 1º agosto 1999. In precedenza aveva giocato nel Villarrosa, una squadra del distretto madrileno di Hortaleza.[2] Gli allenatori che lo videro durante gli allenamenti lo promossero subito nella categoria Infantil B.[2] e dopo una stagione passò alla Infantil A. Nella stagione 2001-2002 fu ceduto in prestito al Santa Ana e una volta tornato al Real Madrid giocò con la Juvenil C e la Juvenil A, prima di passare al Real Madrid C nel 2006.

In questa stagione riceve la sua prima convocazione in prima squadra, in occasione di un incontro di Coppa del Re giocato contro l'Écija.[2] Nel 2007, sotto la guida di Juan Carlos Mandiá, gioca la sua prima stagione con il Real Madrid Castilla, in Segunda División B. Colleziona 11 ammonizioni, un'espulsione e un gol in 34 partite. Nella stagione successiva Julen Lopetegui prende il posto di Mandiá e Mateos continua a giocare con regolarità, scendendo in campo 30 volte e ricevendo nove ammonizioni e tre espulsioni. Nella stagione 2009-2010, in cui viene schierato da titolare per 32 volte e in un'occasione subentra dalla panchina. In 33 presenze colleziona nove ammonizioni, un'espulsioni e un gol.

L'arrivo in prima squadraModifica

Essendo stato impressionato positivamente da Mateos nel precampionato della prima squadra, l'allenatore José Mourinho, decide di promuoverlo definitivamente in prima squadra.[2] Così, grazie al portoghese, Mateos firma il suo contratto da professionista con i Blancos negli ultimi giorni del calciomercato.[2] Tuttavia nella stagione 2010-2011 non viene utilizzato spesso. Il 23 novembre 2010 esordisce nella partita del girone G di Champions League giocata all'Amsterdam ArenA contro l'Ajax, entrando in campo all'82' al posto di Lassana Diarra. Il 6 gennaio 2011, contro il Levante in Coppa del Re (Competizione poi vinta dal Real Madrid), colleziona la sua seconda e ultima presenza, venendo schierato da titolare come terzino destro.[2] Al 69' sostituito dal centrocampista Juan Francisco Moreno Fuertes, poco dopo il gol del vantaggio segnato dal Levante.

AEKModifica

Nella sessione invernale di calciomercato viene ceduto in prestito fino a giugno all'AEK Atene, squadra della Super League greca. Nella capitale greca trova in squadra alcuni connazionali: l'allenatore Manuel Jiménez Jiménez e il centrocampista Miguel Marcos Madera.[3] Debutta con la nuova maglia il 5 febbraio, in occasione della 21ª giornata di campionato. L'AEK perde in casa per 2-1 contro l'Aris Salonicco e Mateos gioca da titolare. In totale in campionato colleziona 7 presenze e non segna nessun gol. In Coppa di Grecia esordisce il 2 marzo contro il PAOK in occasione della semifinale d'andata terminata a reti inviolate.

Scende in campo anche il 16 marzo, nella partita di ritorno giocata a Salonicco e grazie a una vittoria per 1-0 l'AEK raggiunge la finale. La finale si gioca allo Stadio Olimpico di Atene, il 30 aprile contro l'Atromitos. Mateos non scende in campo e l'AEK Atene vincendo per 3-0 si aggiudica il trofeo.[3] Il difensore spagnolo gioca anche tre partite nei Play-off per conquistare la qualificazione al terzo turno dei preliminari di UEFA Champions League 2011-2012. Entra nel finale contro PAOK e Olympiakos Volos e gioca da titolare contro il Panathīnaïkos. Tuttavia l'AEK non riesce a qualificarsi. A fine stagione Mateos torna al Real Madrid. Ha dichiarato che l'esperienza in Grecia gli è servita per migliorare come calciatore e come persona.[4]

Real SaragozzaModifica

L'11 luglio 2011 passa in prestito al Real Saragozza, in Primera División, insieme al compagno di squadra del Real Madrid Juan Carlos Pérez López.[5] Il prestito dura un anno e con il club aragonese viene fissato un diritto di riscatto[6] di 2.5 milioni di euro.[7]. Il Real Madrid potrà esercitare un'opzione di riacquisto del giocatore.[2] Il contratto inoltre proibisce a Mateos di giocare le due partite stagionali contro il Real Madrid.[8] Esordisce l'11 settembre, giocando da titolare la partita di Madrid contro il Rayo Vallecano, terminata a reti inviolate.

Il ritorno al Castiglia e il passaggio al FerencvárosModifica

La stagione seguente, dopo la fine del prestito al Real Saragozza, rientra al RM Castilla divenendo uno dei punti fermi della squadra e collezionando 31 presenze segnando anche un gol. Nell'estate del 2013 firma un contratto con gli ungheresi del Ferencváros, andando a giocare nella massima serie ungherese.

Orlando CityModifica

Il 30 luglio 2015 viene ceduto all'Orlando City.

NazionaleModifica

Nel 2005 gioca 4 incontri segnando un gol con l'Under-17 spagnola, dal 2007 al 2008 è nel giro della nazionale Under-19, dove viene impiegato 4 volte.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni NazionaliModifica

AEK Atene: 2010-2011

NoteModifica

  1. ^ 10 (0) se si considerano i Play-off.
  2. ^ a b c d e f g h i j (ES) David Mateos, un central nato, in Aragonsport.com, 14 luglio 2011. URL consultato il 20 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  3. ^ a b (ES) El AEK de Jiménez, Míchel y Mateos gana la Copa, in As.com, 30 aprile 2011. URL consultato il 20 luglio 2011.
  4. ^ (ES) Abraham, Oriol, Mateos y Juan Carlos, ilusionados con su llegada al Zaragoza, in Mundodeportivo.com, 12 luglio 2011. URL consultato il 20 luglio 2011.
  5. ^ (ES) Juan Carlos Pérez y David Mateos, nuevos jugadores del Real Zaragoza, in Realzaragoza.com, 11 luglio 2011. URL consultato il 20 luglio 2011.
  6. ^ (ES) Presentados Abraham, Edu Oriol, Juan Carlos y Mateos, in Realzaragoza.com, 12 luglio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  7. ^ (ES) Sonia Gaudioso, Juan Carlos y Mateos hacen las maletas para Zaragoza, in Marca.com, 7 luglio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  8. ^ (ES) Sonia Gaudioso, Mateos no jugará ante el Madrid, in Marca.com, 19 luglio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica