David Tennant Cowan

generale britannico
David Tennant Cowan
The War in the Far East- the Burma Campaign 1941-1945 IND4689.jpg
Maggiore Generale D. T. Cowan, al centro con gli occhiali
Soprannome"Punch"
NascitaMalaga, Spagna, 9 ottobre 1896
MorteWinchester, Hampshire, Inghilterra, 15 aprile 1983
Dati militari
Paese servitoRegno Unito Regno Unito
Forza armataBritish Army
UnitàArgyll and Sutherland Highlanders
6th Queen Elizabeth's Own Gurkha Rifles
Anni di servizio1915 - 1947
GradoMaggior Generale
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Comandante di17th Indian Infantry Division
DecorazioniCompagno dell'ordine del Bagno
Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
Distinguished Service Order & Bar
Military Cross
Mentioned in Despatches
voci di militari presenti su Wikipedia

David Tennant Cowan (Malaga, 9 ottobre 1896Winchester, 15 aprile 1983) è stato un generale britannico. È ricordato soprattutto per il ruolo svolto a capo della 17ª Divisione di fanteria indiana durante la campagna della Birmania, parte della seconda guerra mondiale.

Inizi e primo dopoguerraModifica

Figlio del vice-console in Spagna, Cowan frequentò la Reading School e la Glasgow University.[1] Nel 1915 diventò ufficiale all’interno dei Argyll and Sutherland Highlanders. Dopo aver ricevuto la Military Cross[2] ed esser stato menzionato nei dispacci, nel 1917 fu assegnato all'Indian Army e la nomina divenne ufficiale nel marzo dell'anno successivo, mentre stava servendo nel 4º battaglione del 3º Gurkha Rifles.[3] In seguito passò al 6º Gurkha Rifles. Tra le due guerre servì sul confine nord-occidentale, dove venne menzionato nei dispacci nuovamente per il servizio reso in Waziristan.[4] Tra 1932 e 1934 ricoprì il ruolo di Capo istruttore presso l'Accademia Militare Indiana e nel 1937, per la terza volta, fu menzionato nei dispacci per un altro lavoro svolto nel Waziristan. Allo scoppio della seconda guerra mondiale era al comando del 1º Battaglione del 6º Gurkha Rifles.

Seconda guerra mondialeModifica

Fu ufficiale di Stato Maggiore di primo grado dal 18 settembre 1940 fino al 17 febbraio del '42.[5]. Dopo esser stato nominato facente funzioni di Generale di brigata. Fu Direttore della Scuola Militare in India dal 18 febbraio 1941 al 30 settembre dello stesso anno, poi Vicedirettore fino al 14 dicembre quando tornò a ricoprire il ruolo di Direttore fino al marzo del '42.[5]

Quando l'esercito imperiale giapponese invase la Birmania, fu inviato a Rangoon, dapprima come ufficiale di campo poi, dopo la battaglia del ponte sul Sittang venne promosso facente funzioni di Generale di Divisione della 17ª Divisione di fanteria indiana. A questa assegnò inoltre l'emblema che le dà il soprannome con cui viene ancora oggi ricordata: il gatto nero.[6]

Rimase a capo della divisione fino alla fine della campagna della Birmania: durante la ritirata varso l'India, nella battaglia nei pressi di Tiddim del 1943, durante la battaglia di Imphal e, infine, durante l'avanzata nel 1945. Proprio all'inizio di quell'anno suo figlio, che combatteva nel 1º Battaglione del 6º Gurkha Rifles, venne ucciso.[7] Nonostante la recente perdita, coordinò la decisiva Battaglia di Meiktila e Mandalay in maniera "impressionante", come disse William Slim.[8] Per l'abilità dimostrata durante tutta la campagna gli vennero assegnati il Distinguished Service Order[9] e la medal bar[10] allo stesso.

Venne promosso al rango di Generale di Divisione il 12 febbraio 1945.[5] Avrebbe dovuto guidare il contigente, proveniente dall'Armata Indiana, dei Commonwealth Corps, creati per l'invasione del Giappone; tuttavia la resa di quest'ultimo rese inapplicabile il piano. Venne quindi messo a capo dell divisione BRINDIV, composta da britannici e indiani, parte della forza di occupazione del Commonwealth britannico in Giappone. Nel 1947 andò in pensione.

OnorificenzeModifica

  Croce Militare
«Per la cavalleria dimostrata in azione. Condusse il proprio plotone con coraggio contro le linee nemiche e, quando il fuoco di circa cinque mitragliatrici piovve su di loro, cedette poco terreno e si trincerò. Successivamente tornò, fece rapporto al proprio Comandante e guidò un altro plotone per rinforzare il proprio.»
— 25 agosto 1916[2]
  Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 28 giugno 1945[11]
  Compagno dell'Ordine del Bagno
— 5 luglio 1945[12]

NoteModifica

  1. ^ (EN) University of Glasgow :: Story :: Biography of David Tennant Cowan, su universitystory.gla.ac.uk. URL consultato il 14 settembre 2019.
  2. ^ a b (EN) Supplement to The London Gazette, in The London Gazette, n. 29724, 25 agosto 1916. URL consultato il 14 settembre 2019.
  3. ^ (EN) Supplement to The London Gazette, in The London Gazette, n. 30599, 26 marzo 1918. URL consultato il 14 settembre 2019.
  4. ^ (EN) Supplement to The London Gazette, in The London Gazette, n. 32353, 10 giugno 1921. URL consultato il 14 settembre 2019.
  5. ^ a b c Half Yearly Army List January 1946
  6. ^ Lunt 1994, p. 141.
  7. ^ Lunt 1994, p. 142.
  8. ^ Slim 1956, p. 447.
  9. ^ (EN) Supplement to The London Gazette (PDF), in The London Gazette, vol. 35763, n. 4688, 28 ottobre 1942. URL consultato il 14 settembre 2019.
  10. ^ (EN) Supplement to The London Gazette (PDF), in The London Gazette, n. 36574, 22 giugno 1944. URL consultato il 14 settembre 2019.
  11. ^ (EN) Supplement to The London Gazette (PDF), in The London Gazette, 28 giugno 1945. URL consultato il 14 settembre 2019.
  12. ^ (EN) Supplement to The London Gazette, in The London Gazette, 5 luglio 1945. URL consultato il 14 settembre 2019.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica