Apri il menu principale
Stemma della famiglia de Sabran
Blason famille fr Sabran.svg
Blasonatura
Di rosso, al leone d'argento.

I (de) Sabran furono un'importante famiglia dell'aristocrazia provenzale, originaria della Linguadoca-Rossiglione

StoriaModifica

La famiglia de Sabran prese il suo nome da Sabran in Linguadoca-Rossiglione che si trovava nel siniscalcato di Beaucaire vicino a Uzès. Conosciuta dal 945 con Rostaing I di Sabran, diciottesimo vescovo d'Uzès. Fu presente in terra santa con Guglielmo di Sabran (circa 1055-1105) e con Gibelin de Sabran (Gibelino di Arles) Patriarca latino di Gerusalemme. Nel luglio del 1193 Garsenda de Sabran figlia di Raniero I di Sabran, sposando Alfonso II di Provenza, divenne nonna di quattro regine: Margherita di Provenza moglie di san Luigi IX di Francia, Eleonora di Provenza moglie di Enrico III d'Inghilterra, Sancha di Provenza moglie di Riccardo di Cornovaglia Re dei Romani del Sacro Romano Impero, Beatrice di Provenza moglie di Carlo I d'Angiò. La discendenza maschile dei de Sabran s'interruppe con Elzéar Zozime de Sabran (1764-1847) marito di Victorine de Pontevès 1790-1862 che, autorizzata da Carlo X di Francia, tramise titolo e nome ai nipoti Marc Edouard de Sabran Pontevès (1811-1878) e Joseph Léonide de Sabran Pontevès (1811-1883)[1].

Esponenti della casa de SabranModifica

NoteModifica

  1. ^ Almanach de Gotha, Justus Perthes, 1913
  2. ^ Il primo stemma attribuito ai de Sabran nel 1221 è "D'azur au lion d'or" come quello dei Granet di Grignan [1]. Probabilmente questo stemma, ritrovato a Villedieu nel 1221 non apparteneva a Giraud-Amic de Sabran che doveva avere come tutti i Sabran "De gueules à un lion d'or" ma a sua madre Azalaïs. Il castello di Villedieu è citato anche nel cartolario della Commanderie de Richerenches nel 1137 per una donazione di terre per la costruzione di una "commanderie des Templiers" da parte di Adélaicia-Azalaïs de Sabran a Pons, vescovo di Saint-Paul-Trois-Châteaux

BibliografiaModifica

  • César de Nostredame, "L'histoire et chronique de Provence", 1614
  • Denis Diderot, Jean Le Rond d'Alembert, "Encyclopédie ou dictionnaire raisonné des sciences des arts et des métiers", Pellet, 1778
  • Hilaire Enjoubert, "Les amours de François Pétrarque et de Laure de Sabran", Boivin, 1948
  • Du Roure, Auguste, "Notice historique sur une branche de la famille de Sabran : d'après les documents originaux Moullot fils aîné", Marseille, 2002
  • Livres Groupe, "Maison de Sabran: Delphine de Sabran, Elzéar de Sabran, Gibelin de Sabran, Garsende de Forcalquier, Guillaume Ier de Sabran", General Books LLC, 2010
  • Françoise Éléonore Sabran, "Correspondence Inédite de la Comtesse de Sabran Et de Chevalier de Boufflers", BiblioBazaar, 2010
  • Girard Pierre, "Saint Elzear de Sabran Et La Bienheureuse Delphine de Signe", Nabu Press, 2011
  • (LA) Obituaire du chapitre de Saint-Mary de Forcalquier.

Collegamenti esterniModifica