Delegazione apostolica di Rieti

suddivisione amministrativa dello Stato Pontificio (1816-1860)

La delegazione apostolica di Rieti fu una suddivisione amministrativa dello Stato della Chiesa, istituita nel 1816 da papa Pio VII nel territorio del reatino e della provincia apostolica di Sabina[1]. Nella sua conformazione definitiva confinava a nord con la delegazione di Spoleto, a est con il Regno delle Due Sicilie, a sud con la comarca di Roma, a ovest con la comarca di Roma e la delegazione di Viterbo.

Delegazione di Rieti
ex delegazione apostolica
Delegazione apostolica di Rieti
Localizzazione
StatoBandiera dello Stato Pontificio Stato Pontificio
Amministrazione
CapoluogoRieti
Data di istituzione6 luglio 1816 (Riforma amministrativa di Pio VII) da Dipartimento di Roma
Data di soppressione13 dicembre 1860 (Decreto Pepoli) in Provincia dell'Umbria
Territorio
Coordinate
del capoluogo
42°24′09″N 12°51′39″E
Abitanti
Governi2 distretti
6 governi
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Delegazione di Rieti – Localizzazione
Delegazione di Rieti – Localizzazione
Delegazione di Rieti – Mappa
Delegazione di Rieti – Mappa

Era una delegazione di 3ª classe.

Dal 1824 al 1827 l'unità provinciale apostolica Sabina fu sciolta e il Reatino, insieme con i governi di Rieti, Roccasinibalda, Orvinio e il distretto di Poggio Mirteto, venne unito a Spoleto, divenuto capoluogo, mentre la Sabina, con i governi di Poggio Mirteto e Fara, fu aggregata alla Comarca di Roma. Le riforme attuate nel 1831 da Gregorio XVI ripristinarono la situazione precedente, restituendo alla delegazione di Rieti l'autonomia e il distretto di Poggio Mirteto. Nel 1850, infine, quando le delegazioni furono raggruppate in circoscrizioni di livello "regionale", Rieti fu sottoposta al circondario di Perugia.[1]

Nel 1825 il successore immediato di Pio VII, papa Leone XII, ridusse il numero delle delegazioni a 13 accorpando Spoleto e Rieti (oltre che Fermo e Ascoli, Macerata e Camerino, Viterbo e Civitavecchia)[2], ma nel 1831 Gregorio XVI ripristinò tutte le delegazioni soppresse. In seguito alla riforma amministrativa di Pio IX il 22 novembre 1850 confluì nella Legazione dell'Umbria (III Legazione).

Dopo l'Unità d'Italia, per effetto del decreto Pepoli (13 dicembre 1860), fu annessa alla provincia dell'Umbria sotto forma di Circondario di Rieti.

  1. ^ a b SIAS. Archivio di Stato di Rieti, su sias.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 2 luglio 2023 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2023).
  2. ^ Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 13 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).

Bibliografia

modifica
  • Moto proprio della Santità di Nostro Signore papa Pio VII sulla organizzazione dell'amministrazione pubblica. 1816.
  • Raccolta delle leggi e disposizioni di pubblica amministrazione nello Stato Pontificio. Roma 1833.