Delta III

Delta III
Delta III.svg
Disegno del Delta III.
Informazioni
ProduttoreBoeing
Nazione di origineStati Uniti Stati Uniti
Dimensioni
Altezza35 m (114 ft)
Diametrom (13,1 ft)
Massa301,450 t (664.580 lb)
Stadi2
Capacità
Carico utile verso orbita terrestre bassa8.290 kg (18.280 lb)
Carico utile verso
orbita di trasferimento geostazionaria
3.810 kg (8.390 lb)
Cronologia dei lanci
StatoRitirato
Basi di lancioSLC-17, Cape Canaveral
Lanci totali3
Successi1
Fallimenti2
Volo inaugurale26 agosto 1998
Volo conclusivo23 agosto 2000
Razzi ausiliari (stadio 0)
Nº razzi ausiliari9
PropulsoriGEM 46
Spinta628,3 kN
Impulso specifico273 s
Tempo di accensione75 s
PropellenteSolido
1º stadio
Propulsori1 Rocketdyne RS-27
Spinta1085,79 kN (244094 lbf)
Impulso specifico254 s
Tempo di accensione260 s
PropellenteLOX/RP-1
2º stadio
Propulsori1 Pratt & Whitney RL 10B-2
Spinta110,03 kN (24.736 lbf)
Impulso specifico462 s
Tempo di accensione700 s
PropellenteLOX/LH2

Il Delta III era un razzo vettore statunitense costruito dalla Boeing e appartenente alla famiglia di razzi Delta. La sua capacità di carico utile verso l'orbita di trasferimento geostazionaria era il doppio di quella del suo predecessore Delta II.

Il primo lancio del Delta III fu effettuato il 26 agosto 1998. Il vettore fu ritirato nel 2000 per essere sostituito dal Delta IV.

Descrizione del lanciatoreModifica

Il Delta III era un razzo a due stadi non riutilizzabile, che poteva essere usato una volta sola.

Il primo stadio, come nel Delta II, era costituito da un motore RS-27 di Rocketdyne, alimentato a kerosene e ossigeno liquido. Attorno alla base del primo stadio c'erano nove razzi impulsori a propellente solido, che servivano ad aumentare la spinta; sei razzi venivano accesi al momento del lancio, i rimanenti tre erano accesi durante il volo, poco prima del distacco del primo stadio.

Il secondo stadio era spinto da un motore RL 10B-2 della Pratt & Whitney, alimentato a idrogeno liquido e ossigeno liquido.

LanciModifica

Il lancio inaugurale fu effettuato il 26 agosto 1998 da Cape Canaveral Air Force Station e si risolse in un fallimento. Anche il secondo lancio, effettuato il 4 maggio 1999, fu un fallimento. Il terzo tentativo, effettuato il 23 agosto 2000, ebbe finalmente successo. Il terzo lancio fu anche l'ultimo, perché il vettore venne ritirato.

RiferimentiModifica

Altri progettiModifica

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica