Apri il menu principale

Dema Harshbarger

imprenditrice, promotrice di concerti e talent manager statunitense
Dema Harshbarger, in una pubblicazione del 1921

Dema Harshbarger, pseudonimo di Zelma Stuchenholz (8 settembre 188420 febbraio 1964), è stata un'imprenditrice, promotrice di concerti e talent manager statunitense.

Indice

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Dema E. Harshbarger è nata a Knox, nell'Illinois, una dei sette figli di Richard Henry Harshbarger e Sarah Belle Lewis Harshbarger[1] Sopravvisse alla polio e alla febbre reumatica in gioventù[2]. Ha frequentato il Knox College[3]. Poco dopo il college, andò in viaggio con la sua insegnante di musica, la signora Parry; le due erano tra i passeggeri salvati nel relitto della RMS Slavonia al largo delle coste del Portogallo[4].

CarrieraModifica

Harshbarger ha iniziato la sua carriera al Century Lyceum Bureau di Chicago, ingaggiando docenti e intrattenitori in piccole città dell'Illinois e dell'Indiana[5].

Dal 1919 al 1921 lei e Jessie B. Hall gestiscono l'ufficio di Belle Arti a Chicago[6][7]. Nel 1921 lasciò Hall per diventare comproprietario di Harrison e Harshbarger, un'agenzia di prenotazioni di concerti a Chicago[8]. Con il loro primo cliente esclusivo, il tenore Charles Marshall[9], contribuirono a sviluppare il Piano per l'audience organizzata, un modello di abbonamento per le prenotazioni di intrattenimento nelle città più piccole[10]. Negli anni '20, Harshbarger fu co-fondatrice (con Ward French) e presidente della National Civic Music Association.[11][12] "Attraverso il suo servizio", ha spiegato un quotidiano californiano nel 1932, "a più di un milione e mezzo di persone nei quarantotto stati vengono offerte attrazioni musicali"[13].

Harshbarger vendette la sua agenzia alla NBC[14], si trasferì in California e divenne capo dell'Ufficio degli artisti della rete nel 1936. Diventò manager e addetto stampa di Hedda Hopper[15] e fu spesso citata nella colonna di gossip di Hopper[16][17].

Vita privataModifica

Dema Harshbarger, dichiaratamente lesbica[18][19], era nota per aver indossato abiti, cravatte e cappelli su misura[20]. Visse a La Habra Heights, in California, dove coltivava avocado[21]. Morì nel 1964, all'età di 79 anni, a Los Angeles, in California.

FilmografiaModifica

Dema Harshbarger è stata interpretata da Joyce Van Patten nel film per la televisione del 1985 su Hedda Hopper e Louella Parsons, Malice in Wonderland.

NoteModifica

  1. ^ Dema E. Harshbarger, "My Own Story" Green Book Magazine (October 1919): 20-22
  2. ^ Hedda Hopper, "There'll Never Be Another" Los Angeles Times (February 24, 1964): 62. via Newspapers.com
  3. ^ The Arrow of Pi Beta Phi (1908): 399
  4. ^ "Our Young People: Shipwrecked but Saved" The Herald of Gospel Liberty (February 8, 1910): 146
  5. ^ "She Made $75 Her First Week in Booking Field" Lyceum Magazine (November 1919): 26
  6. ^ "Fine Arts Bureau Expands" Lyceum Magazine (September 1919): 43
  7. ^ "Bureau of Fine Arts" Music News (January 28, 1921): 8
  8. ^ "New Chicago Firm Books Fifty Concerts for Marshall" Musical America (April 2, 1921): 30
  9. ^ "Harrison and Harshbarger" Music News (March 4, 1921): 12
  10. ^ James M. Doering, The Great Orchestrator: Arthur Judson and American Arts Management (University of Illinois Press 2013): 78. ISBN 9780252094590
  11. ^ Christopher Sampson, "Applauding a Movement: Eighty Years of Civic Music" Brown County Civic Music Association
  12. ^ "Association Brings Noted Artists Here" Battle Creek Enquirer (January 1, 1925): 98, Newspapers.com
  13. ^ "Founder of Civic Music Service is to Visit Modesto" Modesto News Herald (March 2, 1932): 5, Newspapers.com
  14. ^ "Stars are Not Self-Made; Credit Goes to the Audience" Nevada State Journal (March 15, 1938): 7, Newspapers.com
  15. ^ "How Hedda Hopper Became a Columnist" Chicago Tribune (September 26, 1952): 22, Newspapers.com
  16. ^ Hedda Hopper, From Under My Hat (Graymalkin Media 2017) ISBN 9781631681189
  17. ^ "Cinema: The Gossipist" Time (July 28, 1947)
  18. ^ William J. Mann, Behind the Screen: How Gays and Lesbians Shaped Hollywood, 1910-1969 (Viking 2001): 153-154 ISBN 9780670030170
  19. ^ Gregory Woods, Homintern: How Gay Culture Liberated the Modern World (Yale University Press 2017) ISBN 9780300234992
  20. ^ William J. Mann, How to Be a Movie Star: Elizabeth Taylor in Hollywood (Houghton Mifflin Harcourt 2009): 55. ISBN 9780547417745
  21. ^ Diana Wedner, "Realm of Creatures, Comforts" Los Angeles Times (November 25, 2007)

BibliografiaModifica

  • William J. Mann, Behind the Screen: How Gays and Lesbians Shaped Hollywood, 1910-1969, 15 ottobre 2001
  • Dema E. Harshbarger, "My Own Story" Green Book Magazine, Ottobre 1919

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica