Demofoonte (Metastasio)

libretto d'opera seria
Demofoonte
AutorePietro Metastasio (testo online in: Progetto Mestastasio- Università Padova)[1]
1ª ed. originale1731 o 1733
GenereLibretto d'opera
SottogenereDramma per musica (opera seria)
Lingua originaleitaliano
PersonaggiDemofoonte, re di Tracia;
Dircea, segreta moglie di Timante;
Creusa, principessa di Frigia, destinata sposa di Timante;
Timante creduto principe ereditario, figlio di Demofoonte;
Cherinto, figlio di Demofoonte, amante di Creusa;
Matusio, creduto padre di Dircea, grande del regno;
Adrasto, capitano delle guardie reali e confidente del re;
Olinto, fanciullo, figlio di Timante[2]

Demofoonte (anche: Il Demofoonte, Demofoonte, ré di Tracia, Démophon, Demophontes, Dirce, L'usurpatore innocente)[3] è un libretto d'opera seria di Pietro Metastasio (1698-1782).

Informazioni generaliModifica

  • Titolo e abbreviazione del titolo: Demofoonte (Demof.) dramma per musica - dm
  • Volume e numero di pagine nell'edizione di Brunelli dei lavorari di Mestastasio: 1.635
  • Incipit del testo del primo verso del lavoro: [Dircea:] Credimi, o padre: ol tuo soverchio affetto
  • Compositore della prima messa in musica: Antonio Caldara
  • Luogo e data della prima rappresentazione: Vienna, Hoftheater, 4 novembre 1733
  • Occasione per la prima rappresentazione: onomastico dell'imperatore Carlo VI

Altre messe in musicaModifica

Altre messe in musicaModifica

Il libretto scritto nel 1731 (o 1733) divenne immensamente popolare. Sino al 1800 esso ha ispirato oltre 60 intonazioni (senza contare le successive versioni delloi uno stesso autore)[4]. Tra queste, oltre alla prima assoluta di Caldara nel 1733, si ricordano in particolare:

TramaModifica

Il re dei Traci Demofonte chiede all'oracolo di Apollo per quanto tempo la pratica del sacrificio annuale di una vergine dovrà continuare. La risposta è sconcertante: "finché l'innocente usurpatore siederà sul trono". Il nobile Matusio tenta di proteggere la figlia Dircea dall'essere sacrificata. Sia egli che Demofonte sono ignari che Dircea è segretamente sposata con Timante, il figlio di Demofonte ed erede al trono. Demofonte vuole che Timante sposi Creusa, una principessa di Frigia. Nel frattempo Cherinto, il giovane fratello di Timante, sta accompagnando la promessa sposa nel regno di Tracia, cui rivela, all'arrivo, di essersi innamorato di lei, ricevendo una risposta severa e turbata dietro cui si celano i sentimenti di Creusa, che a sua volta ama Cherinto. Nel successivo incontro con Creusa, Timante ammette che non la può sposare, ma che non le può spiegare il perché.

Dircea, mentre tenta di fuggire dal regno, viene catturata e imprigionata e Demofonte ne ordina subito l'immediato sacrificio. Timante prova a liberarla, ma senza ottenere successo e venendo anch'egli imprigionato. Creusa chiede la grazia a Demofonte, il quale rilascia sia il figlio che Dircea; Timante decide di rinunciare al trono in favore di Cherinto.

Improvvisamente essi trovano una lettera che rivela che Dircea è in realtà figlia di Demofoonte, la quale farebbe Timante e Dirca fratello e sorella. Timante è disperato e tenta di evitare Dircea. Però un'altra lettera rivela che in realtà Timante è figlio di Matusio. Tutti dunque sono felice. Il matrimonio di Timante e Dircea diventa quindi legale e Cherinto, il vero erede al trono, può sposare Creusa. Dunque non ci saranno più vergini sacrificate fino a che Timante non sarà l'innocente usurpatore al trono.

NoteModifica

  1. ^ Si tratta della versione del libretto edita a Vienna da van Ghelen nel 1733. La riproduzione della versione pubblicata da Bettinelli a Venezia nello stesso anno, sotto il titolo Il Demofoonte è pure disponibile sullo stesso sito Archiviato il 22 ottobre 2014 in Internet Archive. (come del resto quella di successive edizioni). Si veda pure il sito Libretti d'opera.
  2. ^ Personaggio non elencato tra gli "attori" nella riproduzione del libretto edito da van Ghelen a Vienna nel 1733 (Progetto Mestastasio Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.), ed invece previsto in quelli successivi.
  3. ^ Don Neville, Demofoonte, in The New Grove Dictionary of Opera, I, p. 1120.
  4. ^ Don Neville, Metastasio, Pietro, in The New Grove Dictionary of Opera, III, pp. 355-356.
  5. ^ Questa versione, che risulterebbe andata in scena ben undici anni dopo la morte del musicista, è annoverata tra le intonazioni del Demofoonte da Don Neville nella citata voce su Metastasio del New Grove Dictionary of Opera (III, p. 356), mentre non è invece citata da Kurt Markstrom nella sua voce su Leonardo Vinci (IV, pp. 1013-1016). La Library of Congress peraltro ha digitalizzato il libretto di una produzione a Lucca, appunto nel 1741, nel quale la musica è espressamente attribuita a Vinci.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN204623182 · GND (DE7575351-0 · WorldCat Identities (EN204623182