Apri il menu principale

Denis Godeas

calciatore e allenatore di calcio italiano
Denis Godeas
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 94 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra A.S.D. Trieste calcio
Carriera
Giovanili
Bianco e Nero.svg Medea Calcio (Gorizia)
Squadre di club1
1992-1994 Triestina 9 (1)
1994-1995 Udinese 1 (0)
1995-1996 Sora 31 (2)
1996-1997 Prato 32 (7)
1997-1998 Cremonese 24 (5)
1998 Udinese 0 (0)
1998-1999 Livorno 11 (1)
1999 Triestina 10 (7)[1]
1999-2000 De Graafschap 0 (0)
2000 Treviso 9 (0)
2000-2002 Messina 65 (25)[2]
2002-2003 Como 12 (1)
2003 Bari 12 (1)
2003-2006 Triestina 107 (33)[3]
2006 Palermo 15 (3)
2006-2007 Chievo 5 (0)
2007-2009 Mantova 100 (43)
2009-2012 Triestina 100 (27)[4]
2012-2013 Unione Venezia 30 (17)[5]
2013-2014 Triestina 34 (17)
2014-2016 Monfalcone 63 (46)
2016-2017Rosso e blu (strisce) 2.svg Lumignacco 30 (16)[3]
2017-2018Monfalcone 29 (26)
2018-2019600px Rosso con alabarda bianca.svg Triestina Victory 23 (27) [1]
2019 Trieste Calcio 6 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 marzo 2017

Denis Godeas (Cormons, 25 luglio 1975) è un allenatore di calcio e calciatore italiano, attaccante del Trieste calcio.

Bandiera della Triestina, è stato uno dei calciatori più rappresentativi della squadra giuliana.[6]

Nella stagione 2013-2014 diventa il migliore marcatore nella storia della Triestina con 88 reti complessive (85 in campionato). Ha segnato in tutte le categorie del calcio italiano eccetto (fino ad ora) la Prima Categoria.[7]

Caratteristiche tecnicheModifica

È un centravanti molto forte fisicamente.[8]

CarrieraModifica

ClubModifica

Dopo un anno nel settore giovanile del Medea e 2 anni nell’Itala San Marco, la sua carriera professionistica inizia nella Triestina, società che lo ha cresciuto nel settore giovanile e che lo fa debuttare in Serie C1 ancora diciassettenne, nella stagione 1991-1992. Nell'annata di debutto gioca 5 partite in campionato segnando una rete. Seguono altre due stagioni in Serie C1 con la Triestina, nelle quali colleziona 4 presenze complessive. Nell'estate del 1994 il fallimento della società giuliana sancisce la prima separazione dalla maglia alabardata.[senza fonte] Passa all'Udinese, che nell'annata 1994-1995 è in Serie B: con i friulani (che conquisteranno la promozione) disputa una sola partita. In maglia bianconera però non riuscirà mai a giocare, così va a lungo in prestito. La stagione 1995-1996 può scendere in campo con continuità nelle file del Sora: gioca 31 partite e segna 2 reti in Serie C1.

Disputa con il Prato il campionato successivo, sempre nella terza serie nazionale, con 7 gol in 32 partite. Nell'estate 1997, sempre in prestito dall'Udinese, gioca con la Cremonese segnando 5 reti in 24 presenze in Serie C1. Nella stagione 1998-1999 l'Udinese ad ottobre lo manda nuovamente in prestito ad un'altra squadra. In questo lasso di tempo Godeas non ha la possibilità di debuttare in Serie A. Dall'ottobre 1998 al giugno 1999 cambia due squadre: è al Livorno, in Serie C1 (11 presenze ed un gol) fino a febbraio, poi ritorna alla Triestina in Serie C2, segnando 7 gol in 10 gare tra cui una doppietta in trasferta a Sassuolo ed una tripletta durante un posticipo serale contro la Vis Pesaro.

L'annata 1999-2000 è negativa: l'Udinese nel settembre del 1999 lo cede in prestito agli olandesi del De Graafschap, nella Eredivisie olandese, dove non scende in campo nemmeno una volta. Nel febbraio 2000 passa al Treviso. Con i veneti gioca 9 partite di Serie B, senza mai andare a segno. Alla fine di questa stagione finisce il rapporto con l'Udinese. Si trasferisce al Messina a titolo definitivo a inizio stagione 2000-2001, con la quale ottiene la promozione dei messinesi dalla Serie C1 alla Serie B, con 10 marcature in 28 partite. L'anno successivo, nella Serie cadetta, segna 15 reti nelle 37 partite di campionato disputate.

Il Como lo acquista e va nella massima serie. Esordisce in Serie A il 14 settembre 2002 in Como-Empoli (0-2). Con i lombardi gioca 12 gare segnando una rete (la sua prima in Serie A). Nel gennaio 2003 il Como lo gira al Bari, in Serie B: la sua esperienza in Puglia si conclude con 12 presenze e una rete all'attivo. Per la stagione 2003-2004 ritorna alla Triestina, dove vivrà due stagioni e mezza. Nella prima stagione in alabardato segna 10 reti in 44 partite e i giuliani finiscono al decimo posto; l'anno successivo diventa capitano della squadra[senza fonte], che vive una stagione negativa, e con 14 centri in 42 gare e gioca i play-out contro il Vicenza segnando una doppietta allo Stadio Romeo Menti nel ritorno dello spareggio salvezza.

Nell'annata 2005-2006 viene messo fuori rosa per alcuni dissidi con il nuovo proprietario della Triestina, l'architetto Flaviano Tonellotto; il pubblico triestino alla presentazione ufficiale della squadra insulta e contesta il proprietario per questa scelta.[senza fonte] Torna in squadra e segna 9 reti in 21 gare. L'11 gennaio 2006 viene acquistato dal Palermo per 1,1 milioni di euro. Con i rosanero fatica a trovare spazio in campionato e viene impiegato specialmente in Coppa UEFA, ma gli infortuni e la scarsa vena realizzativa di Makinwa e Caracciolo fanno sì che concluda la stagione partendo sovente da titolare al fianco di David Di Michele.[senza fonte] Chiude la stagione con 15 apparizioni e 3 gol (più uno in Coppa UEFA), tra cui uno realizzato a Torino contro la Juventus. In particolare decide l'incontro sullo Slavia Praga (1-0), segnando la rete decisiva che consente ai siciliani di passare agli ottavi di finale di Coppa UEFA grazie alla regola dei gol fuori casa (2-2 complessivo).[9]

In campionato utilizza il n° 99 come alla Triestina, mentre in Coppa UEFA quel numero era già stato vestito da Matteo Guardalben (ceduto nella stessa sessione di mercato) e dunque ha optato per il n° 90.[10][11] In estate Godeas viene ceduto al Chievo nell'ambito della trattativa che porta il brasiliano Amauri in Sicilia[8]: nella società gialloblù, con l'arrivo di Luigi Delneri, colleziona solo 5 presenze. Nel gennaio 2007 passa quindi al Mantova dove, dopo aver esordito contro la Juventus nella storica "prima sconfitta in B" dei bianconeri,[senza fonte] mette a segno 28 gol, che gli permettono di ottenere il titolo di capocannoniere di cadetteria. Sempre nella stagione 2007-2008 viene eletto dai tifosi del Mantova il Cuore del Martelli 2008, premio organizzato dal sito internet Storiadelmantova.it. Il 2 settembre 2008 rinnova il contratto con la Società virgiliana, ponendo la scadenza al 30 giugno 2011.[senza fonte] Il 14 luglio 2009 torna a titolo definitivo alla Triestina.[12]

Il 2 ottobre 2010, nel corso della vittoria interna della Triestina sul Crotone per 3-0, realizza la sua centesima rete nella serie cadetta.[13] Il 2 ottobre 2011, in occasione della partita tra Triestina e Carrarese valida per la Lega Pro Prima Divisione 2011-2012, viene premiato con una targa celebrativa dal Centro Coordinamento Triestina Club per aver raggiunto le 200 presenze in maglia alabardata.[14] A fine stagione rimane svincolato per il fallimento della società, dopo aver vinto il premio Alabardato dell'anno, assegnato anch'esso dal Centro Coordinamento, per la terza volta (in precedenza l'aveva ricevuto nel 2003-2004 e nel 2004-2005) nell'arco della sua carriera alla Triestina.[senza fonte]

Il 23 agosto 2012 si accorda con il Venezia,[15] neopromosso in Lega Pro Seconda Divisione.[16]. Il 27 agosto, si accorda con l'Unione Triestina per la stagione 2013-2014;[17] si tratta del quarto ritorno alla società alabardata, a un anno dall'ultima occasione,diventando miglior marcatore della storia alabardata con 88 goal ( 85 in campionato e 3 tra coppa Italia e playout di seri b).

Il 18 agosto 2014 diventa un giocatore del Unione Fincantieri Monfalcone, con cui si allenava già da inizio mese completando le stagioni 2014-2016.[18]

Il 26 luglio 2016 diventa un giocatore del Lumignacco.[19]

Il 20 agosto 2017 comunica sulla sua pagina Facebook ufficiale il suo ritorno al Monfalcone, decidendo di partecipare attivamente all'obbiettivo scalata della squadra.

Il 21 settembre 2018 diventa un giocatore/allenatore e responsabile dell'area tecnica della neo fondata Triestina Victory, società satellite della Triestina, della quale è capitano.

Il 28 agosto 2019 passa in prestito al Trieste Calcio in promozione.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 20 marzo 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1991-1992   Triestina C1 5 1 - - - - - - - - - 5 1
1992-1993 C1 3 0 - - - - - - - - - 3 0
1993-1994 C1 1 0 CI-C 0 0 - - - - - - 1 0
1994-1995   Udinese B 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
1995-1996   Sora C1 31 2 CI-C 0 0 - - - - - - 31 2
1996-1997   Prato C1 32 7 CI-C 0 0 - - - - - - 32 7
1997-1998   Cremonese C1 24 5 CI+CI-C 1+0 0 - - - - - - 25 5
set.-ott. 1998   Udinese A 0 0 CI 1 0 CU 0 0 - - - 1 0
Totale Udinese 1 0 1 0 0 0 - - 2 0
ott. 1998-gen. 1999   Livorno C1 11 1 CI+CI-C 0+4 1 - - - - - - 15 1
gen.-giu. 1999   Triestina C2 10+3[20] 7 CI-C - - - - - - - - 14 7
1999-feb. 2000   De Graafschap E 0 0 CO 0 0 - - - - - - 0 0
feb.-giu. 2000   Treviso B 9 0 CI - - - - - - - - 9 0
2000-2001   Messina C1 28+4[20] 10+1[20] CI-C - - - - - - - - 32 11
2001-2002 B 37 15 CI 6 3 - - - - - - 43 18
Totale Messina 65+4 25+1 6 3 - - - - 75 29
2002-gen. 2003   Como A 12 1 CI 1 0 - - - - - - 13 1
gen.-giu. 2003   Bari B 12 1 CI - - - - - - - - 12 1
2003-2004   Triestina B 44 10 CI 0 0 - - - - - - 44 10
2004-2005 B 42+2[21] 14+2[21] CI 3 0 - - - - - - 47 16
2005-gen. 2006 B 21 9 CI 1 0 - - - - - - 22 9
gen.-giu. 2006   Palermo A 15 3 CI 4 0 CU 3 1 - - - 22 4
2006-gen. 2007   Chievo A 5 0 CI 2 0 UCL+CU 0+2 1 - - - 9 1
gen.-giu. 2007   Mantova B 19 6 CI - - - - - - - - 19 6
2007-2008 B 41 28 CI 1 0 - - - - - - 42 28
2008-2009 B 40 9 CI 1 1 - - - - - - 41 10
Totale Mantova 100 43 2 1 - - - - 102 44
2009-2010   Triestina B 34+2[21] 6 CI 3 1 - - - - - - 39 7
2010-2011 B 33 7 CI 1 0 - - - - - - 34 7
2011-2012 1D 33+1[21] 15 CI+CI-LP 3+0 2 - - - - - - 37 16
2012-2013   Venezia 2D 30+4[20] 17+1[20] CI-LP 1 0 - - - - - - 35 18
2013-2014   Triestina D 34 17 CI-D 0 0 - - - - - - 34 17
Totale Triestina 260+8 86+2 11 3 - - - - 279 90
2014-2015   Monfalcone Ecc 30 27 - - - - - - - - - 30 27
2015-2016 D 37 19 CI-D 1 1 - - - - - - 38 20
2016-2017   Lumignacco Ecc 30 16 CI-Dil 4 3 - - - - - - 34 19
2017-2018   Monfalcone 2C 29 26 - - - - - - - - - 29 26
Totale Monfalcone 126 72 1 1 - - - - 131 92
2018-2019   Triestina V. 3C 23 27 - - - - - - - - . 25 28
Totale carriera 756+14 306+4 34+4 11+1 5 2 - - 818 323

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Triestina: 1993-1994

Competizioni regionaliModifica

Monfalcone: 2014-2015

IndividualeModifica

2007-2008 (28 gol)

NoteModifica

  1. ^ 13 (7) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 69 (26) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 109 (35) se si comprendono i play-out.
  4. ^ 103 (27) se si comprendono i play-out.
  5. ^ 34 (18) se si comprendono i play-out.
  6. ^ L'informazione - «Veniamo al Braglia per vincere»[collegamento interrotto] Tuttomercatoweb.com
  7. ^ Godeas infinito, dall'Europa alla Terza categoria: ancora un gol in Prima e avrà segnato ovunque
  8. ^ a b Alessandro Bocci, Metà del sogno Palermo costa quanto Ibrahimovic, in Il Corriere della Sera, 27 ottobre 2006. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2015).
  9. ^ Uefa, tutte le italiane agli ottavi, in Il Corriere della Sera, 23 febbraio 2006. URL consultato il 15 settembre 2014.
  10. ^ Palermo 2005-2006 Archiviato il 10 ottobre 2012 in Internet Archive. Gazzetta.it
  11. ^ Palermo-Slavia Praga 1-0 it.uefa.com
  12. ^ Comunicato Triestina Calcio Archiviato il 27 settembre 2011 in Archive.is.
  13. ^ Il Siena sempre più solo Bene Toro e Atalanta. Godeas, 100 di questi gol Ilgiornale.it
  14. ^ Gli abbonamenti a quota 2.900 Targa a Godeas per il match 200 il Piccolo, 2 ottobre 2011
  15. ^ Il bomber Godeas da oggi a Venezia! Archiviato il 27 febbraio 2014 in Internet Archive. fbcunionevenezia.com
  16. ^ Bomber Godeas sceglie Venezia. «Una piazza nobile del calcio» La Nuova Venezia, 23 agosto 2012
  17. ^ Denis Godeas è dell'Unione! Unionetriestina2012.com
  18. ^ Denis Godeas è un giocatore dell'UFM! Con il ritorno di Acampora è festa doppia! Archiviato il 21 agosto 2014 in Internet Archive. Calcioufm.it
  19. ^ [1]
  20. ^ a b c d e Play-off.
  21. ^ a b c d Play-out.

Collegamenti esterniModifica