Denny Hamlin

Denny Hamlin
Denny hamlin (48069992123).jpg
Denny Hamlin nel 2019
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria NASCAR
 

James Dennis Alan "Denny" Hamlin (Tampa, 18 novembre 1980) è un pilota automobilistico statunitense[1], che gareggia nei campionati Monster Energy NASCAR Cup Series e NASCAR Xfinity Series.

Attualmente compete a tempo pieno nella NASCAR Cup Series guidando la Toyota Camry n. 11 e part-time nella NASCAR Xfinity Series guidando la Toyota Supra n. 18, entrambi del team Joe Gibbs Racing. Ha vinto oltre 30 gare nella NASCAR Cup Series, tra cui la Daytona 500 nel 2016, nel 2019 e nel 2020.

BiografiaModifica

 
Hamlin su Toyota Camry nel 2019

Hamlin è nato a Tampa in Florida, ma ha vissuto a Chesterfield in Virginia per gran parte della sua infanzia. Dopo aver corso brevemente nella Craftsman Truck Series, ha gareggiato un'intera stagione nella Busch Series nel 2005, correndo alcune gare nella NASCAR Nextel Cup. Nel 2006 esordisce nella Nascar.

La sua stagione migliore è stata nel 2010, dove ha guidato il campionato arrivando con 15 punti di distacco dal secondo all'ultima gara di Homestead. Nonostante aveva vinto il maggior numero di gare di qualsiasi pilota in quell'anno (8), perse il campionato di 39 punti a favore di Jimmie Johnson. Ad eccezione della stagione 2013, in cui a causa di un incidente occorso con Joey Loganoin cui ha riportato lesioni nella parte bassa della schiena che lo hanno tenuto fuori gioco per gran parte della prima stagione, Hamlin ha partecipato ai playoff della NASCAR Cup Series in ogni stagione in cui vi ha gareggiato, compresa la sua stagione da rookie nel 2006, quando è arrivato terzo nella classifica NASCAR Nextel Cup, chiudendo una delle migliori stagioni da rookie nella moderna storia della NASCAR. Fin dalla sua partecipazione nella serie Nascar Cup, Hamlin è stato uno dei piloti più costanti, vincendo almeno una gara dalle stagioni 2006-2017 nella Cup Series e di nuovo nel 2019. Nella stagione 2019 è si è piazzato quarto assoluto, riuscendo a raggiungere i playoff.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN46206079 · LCCN (ENn2007002917 · WorldCat Identities (ENlccn-n2007002917