Departures

film del 2008 diretto da Yōjirō Takita
Departures
Departures (film).JPG
Un fotogramma del film
Titolo originaleおくりびと, Okuribito
Lingua originaleGiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2008
Durata131 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico
RegiaYōjirō Takita
SoggettoYōjirō Takita
SceneggiaturaKundo Koyama
ProduttoreToshiaki Nakazawa, Ichirô Nobukuni, Toshihisa Watai
Produttore esecutivoYasuhiro Mase, Hideharu Yamashita
Casa di produzioneShochiku, Tokyo Broadcasting System, TBS Radio & Communications, Mainichi Broadcasting System
Distribuzione in italianoCG Entertainment, Tucker Film, Far East Film Festival
FotografiaTakeshi Hamada
MontaggioAkimasa Kawashima
Effetti specialiIsao Tsuge
MusicheJoe Hisaishi
ScenografiaSatoshi Ozaki
CostumiKatsuhiko Kitamura
TruccoEtsuko Egawa
StoryboardYoshiko Fumoto
Art directorHitoshi Takaya
Character designFumio Ogawa
Interpreti e personaggi
  • Masahiro Motoki (本木雅弘): Daigo Kobayashi (小林 大悟)
  • Tsutomu Yamazaki (山崎努): Ikuei Sasaki (佐々木 生栄), l'impresario funebre
  • Ryōko Hirosue (広末涼子): Mika Kobayashi (小林 美香), moglie di Daigo
  • Kazuko Yoshiyuki (吉行和子): Tsuyako Yamashita (山下 ツヤ子), proprietaria dei bagni pubblici
  • Kimiko Yo (余貴美子): Yuriko Uemura (上村 百合子), segretaria di Sasaki
  • Takashi Sasano (笹野高史): Shokichi Hirata (平田 正吉), cliente dei bagni pubblici e addetto alla cremazione
  • Tetta Sugimoto (杉本哲太): Yamashita (山下), ex compagno di scuola di Daigo e figlio di Tsuyako
  • Yukari Tachibana (橘ゆかり): Rie Yamashita (山下 理恵), moglie di Yamashita
  • Iizuka Momoka (飯塚百花): Shiori Yamashita (山下 詩織), figlia di Yamashita
  • Toru Mineghishi (峰岸徹): Yoshiki Kobayashi (小林 淑希), il padre di Daigo
  • Sanae Miyata (宮田早苗): Naomi Togashi (富樫 直美), una delle salme
  • Tatsuo Yamada (山田辰夫): Togashi (富樫), marito di Naomi
  • Taro Ishida (石田太郎): Sonezaki (曽根崎), proprietario dell'orchestra in cui suonava Daigo
  • Norichika Iimori (飯森範親): direttore d'orchestra
  • Mitsuyo Hoshino (星野光代): Kazuko Kobayashi (小林 和子), la madre di Daigo
  • Sayuri Shirai (白井小百合): Tomeo (留男), una delle salme
  • Tomomi Koyanagi (小柳友貴美): madre di Tomeo
  • Ryosuke Otani (大谷亮介): padre di Tomeo
  • Rin Uchida (内田琳): Daigo da bambino
Doppiatori italiani

Departures (おくりびと Okuribito?, lett. "Persona che accompagna alla partenza") è un film del 2008 diretto da Yōjirō Takita.

Il film è stato premiato con l'Oscar al miglior film in lingua straniera nel 2009 a Los Angeles.

TramaModifica

Il giovane violoncellista Daigo Kobayashi si trova improvvisamente disoccupato in seguito allo scioglimento dell'orchestra nella quale suonava da anni. Per motivi economici decide allora di lasciare Tokyo e tornare, con la moglie Mika, nel suo paese natale, nella prefettura di Yamagata. In cerca di un lavoro, Daigo si imbatte in un annuncio che cattura la sua attenzione: "Assistiamo coloro che partono per dei viaggi"; e si reca così per un colloquio all'agenzia NK. Solo durante il colloquio Daigo scopre con grande stupore che l'agenzia non si occupa di viaggi, bensì delle tradizionali cerimonie giapponesi di preparazione e vestizione dei defunti di fronte al resto della famiglia. Daigo viene immediatamente assunto come tanatoesteta e riceve dal titolare un consistente anticipo.

Tornato a casa festeggia con la moglie la sua assunzione, senza dire effettivamente che tipo di lavoro dovrà svolgere. Come suo primo incarico Daigo deve fare la parte del defunto in un filmato didattico dove il suo capo illustra lo svolgimento della cerimonia. Il primo cadavere da preparare è un'esperienza traumatica trattandosi di un'anziana morta da due settimane. Così, prima di tornare a casa si ferma in un bagno pubblico per lavarsi a fondo, e lì vi ritrova un suo vecchio amico d'infanzia, Yamashita, figlio della proprietaria di quel locale rimasto inalterato negli anni.

Vinti i timori iniziali, Daigo diviene via via più esperto e, colpito dall'amorevolezza che vi mette il suo capo, inizia ad apprezzare realmente il suo nuovo lavoro. Tutto sembra procedere per il meglio, finché un giorno la moglie Mika scopre la vera occupazione del marito. Provando una grande vergogna per questo lavoro malvisto, gli chiede di abbandonarlo. Quando Daigo rifiuta, Mika lo lascia e torna dalla madre. Anche il suo amico d'infanzia Yamashita, una volta scoperto il lavoro di Daigo, lo tratta con disprezzo, ma lui procede per la sua strada acquisendo sempre più esperienza.

Passato l'inverno Mika ritorna dicendo di essere incinta, e mentre poco dopo si riaccende la discussione sul lavoro di Daigo arriva improvvisa la notizia che Tsuyako, la padrona del bagno pubblico, è morta cadendo accidentalmente sul posto di lavoro. Daigo si occupa della preparazione del corpo alla quale assistono Yamashita con moglie e figlia e Mika: la competenza e l'affetto con cui Daigo si prende cura del corpo di Tsuyako colpiscono Mika e la convincono ad accettare la professione del marito.

Dopo la funzione Daigo porta la moglie al fiume, raccontandole di come da piccolo assieme al padre si erano scambiati dei sassi che dovevano esprimere il loro stato d'animo; padre e figlio si erano promessi di regalarsene uno ogni anno ma dopo quella volta il padre abbandonò la famiglia scomparendo per sempre dalla sua vita.

Poco tempo dopo giunge la notizia della morte del padre di Daigo. Dopo un'iniziale riluttanza, Daigo si convince a dare un ultimo saluto al padre. Scopre così che suo padre dopo averli lasciati aveva vissuto da solo, in grande povertà. Alla vista del cadavere, Daigo non lo riconosce, ma decide di prepararlo personalmente per la sepoltura. Durante la cerimonia, trova stretto nel pugno di suo padre il sasso che gli aveva regalato tanti anni prima. Fissando nuovamente il volto del padre finalmente riesce a metterlo a fuoco nei suoi ricordi e riconoscerlo. Mika gli porge nuovamente il sasso, ma Daigo lo pone sulla pancia incinta della donna.

ProduzioneModifica

Basato sull'autobiografia di Aoki Shinmon Coffinman: The Journal of a Buddhist Mortician (納棺夫日記 Nōkanfu Nikki?), i lavori per il film sono durati 10 anni. Masahiro Motoki ha studiato personalmente l'arte della preparazione dei defunti da un tanatoesteta e come suonare il violoncello per le prime parti del film[1].

Il regista ha partecipato a diverse cerimonie funebri con lo scopo di comprendere i sentimenti dei familiari del defunto[1]. Nonostante la morte sia al centro di un'importante cerimonia, come viene mostrato nel film, essa è anche considerata un argomento tabù in Giappone; per tale motivo il regista era preoccupato per la ricezione del film e non ne aveva previsto il successo commerciale[1].

Colonna sonoraModifica

Tutte le musiche sono state composte da Joe Hisaishi.

  1. Shine of Snow I 1:12
  2. Nohkan 3:10
  3. Kaisan 0:53
  4. Good-Bye Cello 2:16
  5. New Road 1:15
  6. Model 0:47
  7. First Contact 1:51
  8. Washing 0:34
  9. Kizuna I 1:57
  10. Beautiful Dead I 3:12
  11. Okuribito (On Record) 1:51
  12. Gui-Dance 2:26
  13. Shine of Snow II 2:25
  14. Ave Maria (Okuribito) 5:29
  15. Kizuna II 2:04
  16. Beautiful Dead II 2:36
  17. Father 1:40
  18. Okuribito (Memory) 4:10
  19. Okuribito (Ending) 4:59

RiconoscimentiModifica

CuriositàModifica

Toru Minegishi (峰岸徹), l'attore che interpretava Yoshiki Kobayashi (il padre di Daigo), è morto realmente meno di un mese dopo l'uscita del film nelle sale giapponesi.

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Bob Tourtellotte e Isabel Reynolds, Mortician tale "Departures" surprises with Oscar, in Reuters, 23-02-2009. URL consultato il 14-07-2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema