Apri il menu principale

In informatica il desktop remoto è un'implementazione del servizio di accesso remoto tramite interfaccia grafica anziché shell testuale, ovvero indica la capacità di un certo sistema di elaborazione di aprire una sessione utente di tipo grafico o comunque interattivo su un computer remoto, collegato in Rete, attraverso una connessione remota, utilizzando le risorse di input/output del computer locale.

La sessione remota è assolutamente indistinguibile da una sessione locale: l'utente ha il pieno controllo dell'interfaccia grafica e dell'ambiente operativo (relativamente ai suoi privilegi di utente come definiti sulla macchina remota) e gli strumenti di input/output locali (schermo, tastiera, dispositivi di puntamento, stampanti) funzionano come se fossero collegati direttamente al computer remoto.

CaratteristicheModifica

La gestione di una sessione di desktop remoto richiede una serie di risorse a disposizione:

  • un collegamento in rete di banda sufficientemente elevata per consentire la fluidità delle operazioni e delle interazioni con l'interfaccia utente;
  • un protocollo di comunicazione tra computer che consenta il trasferimento anche delle informazioni relative alle operazioni sull'interfaccia utente (come per esempio RDP);
  • la disponibilità di programma di controllo apposito su entrambi i computer (secondo il principio del Virtual Network Computing).

La connessione tramite desktop remoto, una volta che il protocollo di comunicazione tra computer e i programmi server e client sono compatibili, è possibile anche tra computer operanti su sistemi operativi differenti (per esempio, tra una macchina Unix o Unix-like (Linux) e una macchina con sistema operativo Windows). In questo caso, l'operatore utilizzerà l'ambiente del computer remoto nell'ambito delle operazioni eseguite tramite desktop remoto e il proprio sistema operativo per tutte le altre operazioni locali.[1]

NoteModifica

  1. ^ SHAREit for PC, su shareitforpcz.com. URL consultato il 3 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2019).

Voci correlateModifica