Dia do Fico

Con l'espressione portoghese Dia do Fico, ci si riferisce nella storia del Brasile, al 9 gennaio 1822 e proviene dal verbo eu fico, "io resto". In questo giorno, l'allora principe reggente Pietro I dichiarò che non avrebbe obbedito agli ordini del Parlamento portoghese, che esigevano il suo ritorno a Lisbona, rimanendo in Brasile.[1]

Il principe reggente Pietro I.

AntefattoModifica

 
L'imbarco della Famiglia Reale portoghese, opera di anonimo

Con il trasferimento della corte portoghese in Brasile di fronte a una possibile invasione francese, nel 1808, il Brasile cessò di essere una semplice colonia portoghese e divenne il centro dell'impero, soprattutto dopo che il Brasile fu associato nel Regno Unito di Portogallo, Brasile e Algarve (1815).[2] Nel 1821 esplode la Rivoluzione di Porto, le élite politiche liberali del Portogallo istituirono un parlamento per redigere una costituzione e il re Giovanni VI tornò in Portogallo, lasciando in Brasile suo figlio, Pietro di Alcântara, con il titolo di principe reggente.[2]

Nel 1821, le discussioni parlamentari si incamminavano verso la direzione di retrocedere il Brasile alla condizione di colonia, ma i liberali radicali si unirono al Partido Brasileiro e riuscirono a sventare la minaccia.[3]

Richieste del parlamentoModifica

Il parlamento diede ordini al principe reggente Pietro di Alcântara, richiedendo fra il resto che il principe facesse immediato ritorno in Portogallo e che nominasse una giunta governativa per il Brasile.[2]

I liberali radicali, in risposta, organizzarono una petizione a favore della permanenza del principe e raccolsero 8 000 firme. Così Pietro, disobbedendo agli ordini del parlamento portoghese, dichiarò pubblicamente:

«Se è per il bene di tutti e per la felicità generale della Nazione, sono pronto! Dicano al popolo che resto.[3]»

.

ConseguenzeModifica

In seguito a questo episodio, Pietro I entrò apertamente in conflitto con gli interessi portoghesi e decise di rompere il vincolo che esisteva tra il Portogallo e il Brasile, nell'ambito del Regno Unito (portoghese).

Quest'episodio culminò, mesi dopo, con la dichiarazione di indipendenza del Brasile, proclamata il 7 settembre dello stesso anno.[3]

NoteModifica

  1. ^ (PT) Renata William Santos do Vale, Presidência da República, Ministério da Justiça, Arquivo Nacional, História Luso-Brasileira, Independência do Brasil, Do reino unido a Estado emancipado: comentário acerca do processo de independência do Brasil Archiviato il 19 ottobre 2017 in Internet Archive.
  2. ^ a b c (PT) Dia do Fico, su sohistoria.com.br, Só História. URL consultato il 29 novembre 2018.
  3. ^ a b c (PT) 9 de janeiro de 1822 - Dia do Fico, su educacao.uol.com.br, UOL - Educação. URL consultato il 9 de janeiro de 2013 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2013).

Altri progettiModifica