Dialetto catanese

dialetto parlato nella città di Catania
Catanese
Catanisi
Parlato inItalia Italia
RegioniFlag of Sicily.svg Sicilia
(Provincia di Catania)
Locutori
Totalequasi 1'000'000 in provincia di Catania
ClassificaNon nei primi 100
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Siciliano
    Siciliano Orientale non metafonetico
     Catanese
Statuto ufficiale
Regolato danessuna regolazione ufficiale
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Tutti i cristiani nàsciunu lìbbiri e na stissa manera ri l'autri pi dignità e diritti. Ognunu cci javi u so ciriveḍḍu p'araggiunari e ànu a campari l'unu cu l'autru comu su fùssunu frati râ stissa matri.
Dialetti italiani meridionali estremi.svg

Il catanese (u catanisi) è un dialetto orientale della lingua siciliana parlato nella città di Catania e nella quasi totalità delle aree della sua provincia.

LessicoModifica

  • abbissari mettere in ordine, sistemare, aggiustare
  • abbuzzàrisi pomiciare, fare petting
  • accattari comprare
  • acchianari salire
  • acchiapparisi litigare
  • accia sedano
  • accullari accollare, farsi carico
  • addubbàrisi riempirsi, saziarsi
  • aḍḍumari accendere
  • aḍḍumàrisi arrabbiarsi o eccitarsi
  • addummiscìrisi addormentarsi
  • affucàrisi strozzarsi
  • affruntàrisi vergognarsi
  • agghia aglio
  • aliva oliva
  • a leggiu piano (avv.)
  • allippàrisi attaccarsi o appendersi. Fig. pop. pomiciare
  • a màtula inutilmente
  • ammizziatu/a vezzeggiato/a. Anche viziato/a (soprattutto bambino/a)
  • ammuccari mangiare, inghiottire
  • ammucciàrisi nascondersi
  • ammugghiari avvolgere
  • ammuttari spingere
  • anciova acciuga
  • appizzari rovinare, guastare. Anche perdere (soldi)
  • aricchia orecchio
  • arricugghìrisi rincasare
  • arrinèsciri riuscire
  • arripuḍḍutu parvenu
  • arrìrriri ridere
  • arrumazzàrisi cadere ruzzolando
  • arrusbigghiàrisi svegliarsi
  • arrusti e mancia cibo direttamente dal barbecue. Anche invito a mangiare cibo in tal modo
  • aspittari aspettare
  • astutari spegnere
  • attruppicari inciampare
  • uttàrisi (urtarsi) stufarsi
  • caccarazza gazza
  • cacòcciulu/a carciofo. Fig. persona vanagloriosa
  • cajordu/a persona particolarmente rozza e sporca (anche fig.)
  • calari calare, far scendere. Anche provenire da
  • calàrisi mangiare avidamente, inghiottire molto
  • calacausi arachidi tostate
  • calia ceci abbrustoliti
  • caliàrisi marinare (la scuola), bigiare
  • cammisa camicia
  • cani cane
  • canciari cambiare
  • cantriari assumere un atteggiamento di spocchisità
  • carusu/a ragazzo/a
  • casciilu cassetto
  • causi pantaloni
  • chiḍḍi quelli/e
  • chìḍḍu/a quello/a
  • chiancheri macellaio
  • chiànciri piangere
  • chicchimiḍḍu punto sulla testa da cui dipartono i capelli
  • chinu/a pieno/a
  • ciàmma fiamma
  • ciatu fiato. Fig. amore, tesoro
  • ciauru profumo
  • cìciri ceci
  • cirenga cernia
  • ciriveḍḍu cervello
  • citrolu cetriolo. Fig. citrullo
  • ciuri fiore
  • ci(u)ciulena sesamo
  • ciuciuliari parlare sottovoce.
  • cipuḍḍa cipolla
  • ciuscia gioco fatto con le figurine Panini, che consiste nel soffiare un mucchio di queste messe a terra per farne rivoltare il più alto numero possibile e così vincerle
  • cori cuore
  • crastuni lumache di terra grandi e verdi
  • craunchiu brufolo
  • cuccu gufo. Fig. iettatore
  • cucinu/a cugino/a
  • cummigghiari coprire, nascondere
  • cummogghiu coperchio. Fig. copertura
  • cunuttari confortare, consolare
  • cuttigghiari spettegolare
  • fastuca pistacchio
  • fava fava
  • fetu puzza
  • figghiu figlio
  • focu fuoco
  • fogghia foglia
  • frati fratello
  • fujiri fuggire
  • giummu nappa
  • giùvini garzone, commesso/a
  • iḍḍi loro
  • iḍḍu/a lui/lei
  • jìnchiri riempire
  • jirisinni andarsene
  • jittari gettare. Anche vomitare
  • jaḍḍina gallina
  • jaḍḍu gallo. Fig. farfallone
  • janga dente molare
  • jangata ceffone, schiaffo
  • jancu bianco
  • jattu gatto
  • jènniru genero
  • io
  • jucari giocare
  • jùnciri aggiungere o anche arrivare
  • laggiu/a vuoto/a
  • lisciu/a insipido. Fig. svogliato/a o che fa lo/a stupido/a
  • liccu/a goloso/a
  • malura penuria. Fig. crisi
  • mammurianu/a tamarro/a, bifolco/a
  • marutu marito
  • matri madre
  • mbare amico, compagno
  • mpajàrisi scontrarsi o trascinare in seguito a uno scontro
  • mènnula mandorla. Anche amigdala, ghiandola pituitaria
  • mpagghiazzari stropicciare
  • mpicari appiccicare, incollare
  • mugghieri moglie
  • mulinciana melanzana
  • muluni anguria
  • muschitti mosche, moscerini
  • ncagghiari prendere, colpire. Anche incontrare, riuscire a trovare
  • nicu/a piccolo/a (di età)
  • niputi nipote
  • nìuru nero
  • nora nuora
  • nzunnàrisi sognare
  • ntappari sbattere
  • ntuppari tappare. Anche essere stitico
  • ntuppateḍḍi lumache marroni di terra
  • nuautri noi(altri)
  • nuciḍḍi noccioline
  • 'n sichitanza in continuazione, senza sosta
  • nzittari indovinare
  • nzunziari sporcare di unto
  • nzuraḍḍi cernia
  • occhiu occhio
  • ogghiu olio
  • oria brezza
  • pacchiu, fica o vagina
  • pacchiuni, gran bella ragazza
  • pagghiazzu straccio, strofinaccio, canovaccio
  • pagghiolu/a persona solitamente adulta che ha atteggiamenti (soprattutto nel gioco) infantili
  • palumma piccione, colombo
  • papagnu pugno in testa che parte dall'alto
  • pareḍḍa padella
  • parrari parlare
  • parrinu prete, sacerdote
  • passuluni fico secco. Fig. persona impassibile
  • patati patate
  • patri padre
  • patrozzu padrino (di battesimo e cresima)
  • picciu malocchio
  • pigghiari prendere
  • pignata pentola, pignatta
  • pila lavandino o lavello in cui anticamente si lavavano i panni sporchi e i neonati
  • puḍḍicinu pulcino
  • puḍḍisinu prezzemolo
  • pulizziari pulire
  • pummaroru pomodoro
  • putìa bottega
  • puppu polpo. Fig. omosessuale maschile
  • puseḍḍa piselli
  • quariari riscaldare (detto di cibi)
  • rànnula grandine
  • rènti denti
  • ròmmiri dormire
  • ruloggiu orologio
  • sapiri sapere/aver sapore
  • sapuri sapore
  • scìnniri scendere
  • sanceli sanguinaccio (di maiale o di bue)
  • sbintari prendere in giro, rendere ridicolo/a. Anche avariare (detto di bevande)
  • scaffa buca o piccola voragine
  • scantàrisi spaventarsi
  • scapputtarisìlla evitare astutamente oneri o impegni ritenuti gravosi
  • sciḍḍicari scivolare (detto di persone su una superficie)
  • scummigghiari scoprire
  • scunchiurutu sconclusionato. Fig. stupido
  • sg(r)avitari evitare (detto di spese, fatiche, problemi)
  • sghicciu (sgricciu) schizzo, getto d'acqua
  • sghiḍḍari scivolare (detto di parti del corpo o cose su superfici unte)
  • schizzari scherzare
  • scrusciu rumore
  • siccia seppia
  • soru sorella
  • spacchiamentu (volg.) vanto, il vantarsi
  • spacchiarisìlla (volg.) vantarsi, mostrarsi tracotante o arrogante ma anche divertirsi facendone poi un vanto
  • spacchiu (volg.) secrezione genitale. Fig. vanto, arroganza, spocchia
  • spaddari (sfardari) consumare
  • spalummari, quando le colombe spiccano il volo, inteso come andarsene via subito ( es. mbari spalummanu , amico mio andiamo via da qui )
  • sparagnari risparmiare. Anche evitare fatica
  • spèddiri terminare (di quantità), esaurirsi
  • spicari staccare
  • squarari cuocere in acqua bollente
  • squararisìlla intuire qualcosa
  • stujari asciugare
  • stuppari stappare. Anche non essere più stitico
  • suggi topo
  • suli sole
  • susìrisi alzarsi
  • suttamussu cazzotto, montante
  • tabbutu cassa da morto
  • taḍḍarita farfallino, papillon
  • taliari guardare
  • tappiari sporcare con impronte o ditate
  • tintu/a cattivo/a, di cattiva sorte
  • trasiri entrare
  • travagghiu lavoro
  • triaca fagioli
  • tri canceḍḍi Fig. il Cimitero monumentale comunale di Catania
  • tu tu
  • tuccu/a turco/a. Fig. uomo/donna di colore
  • tumpuluni sberla, schiaffo forte
  • tunnu/a rotondo/a
  • tunnina tonno
  • turruni torrone
  • tuvagghia tovaglia. Anche telo o asciugamani
  • (v)ucca bocca
  • (v)ùgghiri bollire
  • (v)unchiari gonfiare
  • (v)ureḍḍa budella
  • (v)uzza borsa
  • vaccareḍḍi lumache di terra di grande o media dimensione
  • vaddàrisi guardarsi
  • vàḍḍira ernia
  • vaḍḍuni torrente
  • varagghiu sbadiglio
  • vastasu/a maleducato/a
  • vastuni bastone
  • vavva barba
  • vavveri barbiere
  • vili pigro/a, svogliato/a
  • vìnniri vendere
  • vuautri voi
  • zammù anice
  • zampaleu zanzara
  • zampirru persona dai modi rozzi
  • zauddu/a (zaurdu) cafone/a, rozzo/a, tamarro/a
  • zazzamita geco
  • zineffa riloga
  • zitu/a fidanzato/a
  • zuzzu gelatina di maiale

Espressioni e modi di direModifica

  • CITTATINI! SEMU TUTTI DIVOTI TUTTI!!

(Cittadini! Siamo tutti devoti tutti!. Espressione usata durante la festa di Sant'Agata per esprimere la propria devozione alla Santa patrona).

  • ABBISSATI SEMU!

(Siamo messi bene! Iron. significa esattamente il contrario).

  • OGNI LASSATA È PIDDUTA o OGNI LASSATA È PESSSA

(Ogni lasciata è persa. Infatti le occasioni bisogna saperle cogliere al volo, quando si presentano. Ciò che si rifiuta oggi, forse non sarà più possibile averlo domani).

  • ATTÀCCHITI I LANNI o ARRICÒGGHITI I PUPI

(Váttene e non ti far vedere più)

  • AVIRI U CULU CHINU

(Possedere/avere molto e non saperlo apprezzare ed utilizzare o snobbarlo).

  • JANCU È U SALI

(Bianco è il sale. Non c'è via d'uscita).

  • MUZZICÀRISI A LINGUA

(Mordersi la lingua o struggersi l'anima per aver rinunciato ad intraprendere un'azione che avrebbe potuto avere successo. Equivale anche, a pentirsi per aver detto qualcosa che sarebbe stato meglio non dire)

  • UNNI MI CHIOVI, MI SCÌḌḌICA

(Dove mi succedono sfortune, me ne frego, ma anche se gli altri o qualcuno parla male di me, me ne frego).

  • CHISTA È A ZITA E CU' A VOLI SÂ MARITA.

(Questa è la fidanzata e chi la vuole se la sposa. La situazione purtroppo è questa e dobbiamo fare buon viso a cattivo gioco).

  • TÎ 'MMUCCHI QUATTRU

(Ti vanti o sei soddisfatto/a inutilmente di aver ragione, ma anche ti vanti di qualcosa ma a ragion veduta non ne hai motivo).

  • NN'À' FATTU FIMMI!?/ CHI FIMMI T'À' FATTU!?

(Hai fatto film, Ma chi ti credi di essere!?).

  • UNN'HÂ JIRI JENNU!?

(Ma dove vai/devi andare!? Lascia perdere/stare).

  • UORA I PÒTTUNU! o RUMANI Â STISSA!

(Li stanno portando! o Domani alla stessa ora! Iron. significa Campa cavallo)

  • MENZA PAROLA.

(mezza parola, sta a intendere ho capito benissimo non occorre aggiungere altro)

  • IDDU CA NON GUAGGHIA, A JATTA CA SA 'LLICCA !

( Esso che non si concretizza, la gatta che si lecca, Esprime disagio ad un suggerimento per risolvere una situazione che è già compromessa )

  • PANE DURU E CUTEDDU CA NON NTAGGHIA

(Pane duro e coltello che non taglia, si dice quando si opera in condizioni critiche)

  • MARIO TAGGHIA E LORENZU VANNIA

( Mario taglia e Lorenzo urla, si dice di due persone soci o amici ma anche truffatori che sono ben coordinati operando insieme. )

  • SEMU RICCHI E NO SAPI NUDDU

( Siamo ricchi e non lo sa nessuno, descrive una situazione ideale ma ironicamente significa il contrario )

  • TUTTI SANTI E BINIDITTI

( tutti santi e benedetti, si dice in genere di soldi spesi molto bene )

  • MI CALAI NA CONA

( sta ad indicare, ho mangiato tantissimo )

  • LEVICI MANU

( Togli le mani, lascia perdere )

  • PASSUNU VASCI

( Passano bassi, probabilmente dovuto alle persone che si rannicchiano per il freddo sta ad indicare che c'è freddo fuori )

Esempi di lingua scrittaModifica

U Patri nostruModifica

(Il Padre Nostro)

Patri nostru ca sì nnô celu,
si santificassi u to nomu,
vinissi u to rignu,
si facissi a to vuluntà
comu nnô celu, accussì nnâ terra.
rùnini uoggi u nostru pani cutitianu,
e pidduna i nostri piccati
comu nuautri piddunamu ê nostri piccatura.
e nun ni lassari cascari nnê tintazzioni
ma allibbirini rô mali.

Voci correlateModifica