Apri il menu principale
Cilentano Meridionale
Cilindanu
Parlato inItalia Italia
RegioniCampania Campania
Locutori
Totale~25.000
ClassificaNon nei primi 100
Tassonomia
FilogenesiIndoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Siciliano
    Cilentano meridionale
Statuto ufficiale
Ufficiale in-
Regolato danessuna regolazione ufficiale

Il cilentano meridionale (cilindanu, cioè quello parlato in alcune zone della parte meridionale del Cilento) è un dialetto[1] diffuso in alcuni centri del Cilento meridionale come Roccagloriosa e Rofrano. Anche se l'area geografica del Cilento è attualmente situata all'interno della regione Campania (Provincia di Salerno), ed è in precedenza storicamente appartenuta alla Lucania, esso presenta fenomeni linguistici del tutto peculiari rispetto ad entrambe le regioni, caratterizzate da dialetti di tipo meridionale, perché oltre a caratteristiche assimilabili a quelle delle due regioni citate, presenta influssi di tipo insulare-siciliano, tipici dei dialetti siciliano, salentino e del sud della Calabria.

Le parlate sufficientemente assimilabili al "tipo insulare-siciliano" sono riscontrabili soltanto in alcune aree interne del Cilento interno e della vicina Basilicata, mentre sulla costa (per es. a Sapri, Camerota, Palinuro ecc.) la parlata, come per il resto del Cilento, è senza dubbio riconducibile alla famiglia del meridionale, con affinità talvolta al napoletano-calabrese.

Caratteristiche delle parlate cilentane meridionaliModifica

Dialetto di RoccagloriosaModifica

Roccagloriosa è situata su un colle a metà tra l'interno montuoso e il Golfo di Policastro. Le caratteristiche peculiari del suo dialetto sono:

  • il vocalismo di tipo siciliano (sistema pentavocalico)
  • la pronuncia chiara e distinta delle vocali finali (come nei dialetti dell'estremo sud) a differenza degli altri dialetti campani che le indeboliscono.
  • il passaggio da ll latino a dd, come nel siciliano, ad esempio nel pronome dimostrativo cilentano (e siciliano) chiddu ("quello" in italiano). Ma questo non succede sempre (ad es. bellu). Questo fenomeno consonantico (tipico dei dialetti dell'estremo Meridione come i dialetti calabresi e siciliani) isola il Cilento dalla restante Campania.
  • l'articolo determinativo u (ha perduto la consonante iniziale l)
  • il pronome personale iddu (tipico del Cilento meridionale, della Sicilia e del Salento)
  • l'uso della forma del doppio congiuntivo (es. si vinissi, u dicissi), come in siciliano, espressione che in italiano è tradotta con un congiuntivo e un condizionale "se venisse, gli direi").

Dialetto di RofranoModifica

Rofrano è situata nella zona del retroterra montano del Cilento. Le caratteristiche peculiari del suo dialetto sono:

  • il vocalismo di tipo siciliano (sistema pentavocalico)
  • la pronuncia chiara e distinta delle vocali finali (come nei dialetti dell'estremo sud) a differenza degli altri dialetti campani che le indeboliscono.
  • il passaggio da ll latino a dd, come nel siciliano, ad esempio nel pronome dimostrativo cilentano (e siciliano) chiddu ("quello" in italiano). Ma questo non succede sempre (ad es. bellu). Questo fenomeno consonantico (tipico dei dialetti dell'estremo Meridione come i dialetti calabresi e siciliani) isola il Cilento dalla restante Campania.
  • l'articolo determinativo lu (forma più arcaica dell'articolo u).
  • il pronome personale iddu (tipico del Cilento meridionale e della Sicilia)
  • l'uso della forma del doppio congiuntivo (es. si vinissi, u dicissi), come in siciliano, espressione che in italiano è tradotta con un congiuntivo e un condizionale "se venisse, gli direi").

Dialetto di AlfanoModifica

Alfano è situata nel retroterra montano del Cilento.

Mini dizionario alfanese-siciliano-brindisino-basso salentino-italianoModifica

Questo mini dizionario è stato creato per poter fare dei paragoni:

Alfanese Siciliano Brindisino-alto Salento Leccese-basso Salento Italiano
abballa abballa balla/abballa balla balla
a la a la, â alla alla alla
a lu a lu, ô allu allu al, allo
ammuccia ammuccia sconni/'mmuccia scunne/nascunne nasconde
amuri amuri amori amore amore
ariu aria, ariu aria aria aria
aspietti aspetti 'spetti- spietti 'spetti aspetti
attu jattu, attu jattu/musciu jattu/musciu/musci gatto
àuza àusa, jisa ozza/aza/oza auza/azza/ausa alza
biri viri, vidi, biri, bidi veti/viti vete/vide/vite vede
cìnniri cìnniri cènniri cìnnere/cìnere cenere
ca ca ca ca che
ca ca (picchì) pircè/ca/pirceni percé/ca perché
chi cùi, cu ci ci/cine chi
curca curca corca/curca curca corica
curri curri fuci/curri fusce corre
faci fà, faci, fapi faci face fa
feti feti puzza puzza puzza
fiesti festi fiesti feste feste
fìmmina fìmmina femmana fimmana/fimmina donna
frivarìa frivarìa faci friddu face friddu fa freddo
frivaru frivaru fibbraru/fibbraju fibbraru/febbraju/febbraru febbraio
furnu furnu furnu furnu forno
genti cristiani cristiani cristiani gente
giugnu giugnu giugnu giugnu giugno
granaru granaru cranaru cranaru/ranaru granaio
gruosso grossu cruessu/crossu grossu/rossu grosso
ietta jetta 'mmena/jatica 'mmina getta
inchi jinchi enchji inchje riempie
inta nta 'ntra intra/'ntra/inta in
jnnaru jinnaru, jnnaru ginnaiu, scinnaru ginnaiu/scinnaru gennaio
jurnata jurnata sciurnata sciurnata giornata (giorno)
lardu lardu lardu lardu lardo
li li, 'i li le le
liettu lettu liettu lettu letto
lu lu lu lu il, lo
mali mali mali male male
mali tiempu malu tempu mali tiempu male tiempu maltempo
manna manna manda/manna ’mmanna manda
manu manu manu manu mano
marzu marzu marzu marzu marzo
matina, matinu matina matina ’mmane/matina mattina
misi misi mesi mise mese
nci ci ci, nci ci/nci ci
nu, nun nun no nu/‘nno/nun non
parlatu parratu, parlatu cuntatu/ parlatu cuntatu parlato
Pasca Pasqua, Pasca Pasca Pasca Pasqua
pinni pinni penni pinne penne
ppi pi pi ’ppe per
priestu prestu prestu/amprima prestu/‘mprima presto
può poi, pò puè pote puoi
purtaru purtaru purtarunu/'nnussira purtara/'nnussera portarono
quanna quannu quannu/quandu quannu quando
ri ri, di, 'i ti/di de/te/de/ti di
sàbatu sàbatu sabbutu sàbbatu/sabbitu sabato
si si, siddu ci ci se
sordi sordi sordi sordi soldi
suli suli soli sule sole
sùrici sùrgi sorgi sorciu topo (sorcio)
suu sò, sou sua sou suo
tabaccu tabbaccu tabbaccu tabbaccu tabacco
tanta tantu tantu/motu tantu/mutu tanto
tri tri treti trete/tre tre
ugna ugna ogna ugne unghie
uòmmini òmini uèmmini òmini uomini
veni veni veni vene/‘bbene viene
vicinu vicinu, ammeri vicinu/'mmeru vicinu vicino
voli voli, vò voli ole/‘bbole vuole
zappulìa zappulìa zzappa zzappa zappa (verbo)
zicu nicu (picciriddu) piccinnu piccinnu/piccinneddu bambino (piccolo)

NoteModifica

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica