Apri il menu principale
Storia della
lingua greca

(vedi anche: Lineare B, alfabeto greco)
Proto-greco
Miceneo (1600–1100 a.C. circa)
Greco antico (800–330 a.C. circa)
dialetti:
eolico, arcado-cipriota, attico-ionico,
dorico, nord-occidentale, locrese, panfilio;
dialetto siceliota, lingua omerica.

Koinè greca (330 a.C.–330 circa)*
Greco medievale (330–1453)
Greco moderno (dal 1453)
questione della lingua greca
dialetti:
cappadocico, cretese, cipriota,
demotico, italiota (greco-calabro, griko), katharevousa, pontico, dialetto zaconico,
ievanico

  • Date tratte da D. B. Wallace, Greek Grammar Beyond the Basics: An Exegetical Syntax of the New Testament (Grand Rapids 1997), 12.

Il dialetto panfilio è una variante estremamente atipica di lingua greca parlata nella regione micro-asiatica della Panfilia.

Indice

Influssi arcaici sul panfilio da parte di altri dialettiModifica

I coloni greci della Panfilia provenivano da regioni diverse della Grecia e dell'Asia Minore greca. Gli abitanti di Aspendo, il centro principale dell'area, erano coloni dorici di origine argiva; i coloni di Side provenivano invece da Cuma Eolica. Ciò determinò la presenza di apporti sia dorici sia eolici nella parlata della regione.

Caratteristiche grammaticali del panfilioModifica

Il panfilio, nella sua struttura grammaticale, risente a tutti i livelli di due fattori:

  • il precoce distacco dei coloni Panfilii rispetto alla madrepatria greca, prima che nel mondo egeo ellenizzato si verificassero fondamentali innovazioni;
  • la molteplicità di apporti
    • di stirpi greche che colonizzarono la regione (in particolare Eoli e Dori)
    • l'influsso di adstrato di lingue epicoriche non greche (quest'ultimo fattore determinò il fatto che, all'orecchio degli altri Greci, i Panfilii sembrassero semibarbari).

FoneticaModifica

Le caratteristiche fonetiche del panfilio si possono così riassumere:

vocalismo
  • Fenomeni precoci di trasformazioni di η in ι lungo, prima del digamma, che il panfilio non perde (es. βασιλῖϝος al posto di βασιλῆος (dialetto ionico) e βασιλέως (attico).
  • Evoluzioni dorizzanti per la ο prima del gruppo νσ- (allungamento di compenso in ω). Oscuramento di ε in ι, come in dorico ed eolico; apertura di ε in α prima di ρ come nei dialetti nord-occidentali. Infine, per influsso dell'arcado-cipriota, chiusura in υ della o finale.
  • Frequente soppressione delle vocali brevi iniziali (per influsso delle lingue indoeuropee di adstrato: queste non possedevano le vocali prostetiche del greco e inducevano la semplificazione fonetica dei vocaboli che avessero vocali brevi iniziali, fossero o meno dovute a prostesi).
Consonantismo
fenomeni ancora più curiosi. Fra i più notevoli:
  • Conservazione del digamma, e trasformazione del digamma iniziale in φ;
  • Perdita del ν prima di consonante e in fine di parola (fenomeno che sembra prefigurare l'evoluzione del neogreco);
  • Il gruppo ντ si trasforma in δ (altro fenomeno che sembra precorrere certi sviluppi fonetici del greco moderno).

MorfologiaModifica

Caratteristiche morfologiche notevoli del panfilio sono:

  • La mancanza dell'articolo, dato che il panfilio si è distaccato dal resto dei dialetti greci prima che il pronome cataforico ὁ ἡ τὸ assumesse la funzione di articolo determinativo (una caratteristica, questa, che si conserva, per convenzione tradizionale e non per meccanica deriva linguistica, solo nell'artificiale e letterario dialetto omerico);
  • nell'ambito della flessione nominale: le desinenze del dativo simili a quelle dell'eolico, εσσι, οισι, αισι;
  • nell'ambito della flessione verbale:
    1. le desinenze del medio alle terze persone ται δαι (da νται), distinte da quelle dell'arcado-cipriota, e caratterizzate dal tipico consonantismo panfilio;
    2. una coniugazione di εἰμὶ simile a quella dell'attico dal punto di vista del vocalismo, ma con un imperativo di terza persona plurale con la caratteristica desinenza -δυ: ὄδυ, per ὄντων (allo stesso modo, per analogia, l'imperativo medio, nelle terze persone, è caratterizzato da desinenze come -σδυ).

GlossarioModifica

  • ἀβελιακόν/abêliakon - solare (attico: ἡλιακόν, heliakon)
  • Ἀβώβας/Abôbas - Adone (attico: ὁ Ἄδωνις)
  • ἄγεθλα/agethla - vittime sacrificali (attico: "quelli condotti")
  • ἀγός/agos - sacerdote (attico: hiereus, cfr. agô comando)
  • ἀδρί/adri (attico: ἀνδρί, andri, dativo di aner che significa "a (per) l'uomo")
  • Ἀηδών/Aêdôn o Ἀβηδών/Abêdôn - Atena
  • αἰβετός/aibetos - aquila (attico: ἀετός, aetos)
  • ἀμείνασις/ameinasis - menta (attico: ἡδύοσμον, hêdyosmon)
  • Ἀπέλο̄ν/Apelon (attico: Ἀπόλλων)
  • ἄρκυμα/arkuma - locusta (attico: ἀκρίς, akris)
  • ἀτρώποισι/atrôpoisi o ἀτρο̄́ποισι dativo, plurale (attico: τοῖς ἀνθρώποις, tois anthropois, "a/per la gente")[1]
  • βαβέλιος/babelios - sole (cretese e dorico: ἀβέλιος, abelios; laconico: βέλα, bela; eolico: ἀέλιος, aelios; ionico: ἠέλιος, ēelios; attico: helios)
  • βόϝα/bowa[2] - buoi, bestiame? (attico: bota boes)
  • βο̄λε̄μενυς/bolemenus - volenteroso (attico: boulomenos) (ἐβο̄λᾱσετυ/ebolasetu - essi avevano bisogno di (attico: eboulêthêsan)[3]
  • βουρικυπάρισσος/bourikuparissos - vigna (attico: ampelos)
  • Εστϝεδιιυς/Estwediius - Aspendios o di aspendios
  • ϝέτιια/wetiia - anni (attico: etê; omerico: etea; locrese, elidico, e arcado-cipriota: Wetos; latino: vetus)
  • ϝίλσις/wilsis - angoscia (genitivo di wilsiios).[4]
  • ἰκτίς/iktis - donnola, moffetta, gatto o facente parte dei felidi (attico: αἴλουρος, aílouros; attico: iktis)
  • ἴοδυ/iodu - imp. essi andrebbero (attico: iontôn)[5]
  • κασσύας/kassuas - tonno (attico: ὄρκυνος, orkunos, orcynus)
  • κατεϝέρξοδυ/katewerxodu (katarxontôn?)[6]
  • κόρκορας/korkoras - uccello o gallo (greco moderno: kókoras)
  • κόρταφος/kortaphos - tempia (attico κρόταφος, krotaphos)
  • λάφνη/laphnê - Dafne (attico: δάφνη)
  • λάψα/lapsa - rapa (attico: γογγυλίς, gongulis)
  • νι/ni - in o uno (attico: en o hen)[7]
  • ὀρούβω/oroubô[8] - rush avanti (omerico: orouô, ornumi)
  • πέδε/pede - cinque (attico: πέντε, pente; greco moderno: pende, informale pede)[9]
  • περτέδο̄κε/pertedoke - egli dà (attico: prosedôke; eolico: pres per attico pros)[10]
  • πηρία/pêria - campo o fattoria
  • σαράπιοι/sarapiοi - pesciolino, spicara, o maenidae (attico: μαινίδες, mainides)
  • σισίλαρος/sisilaros - pernice (attico: πέρδιξ, perdix)
  • σκυδρὺ/skudru[11]
  • τριμίσκον/trimiskon - vestiario (attico: himation, tribon; Koinè: trimitos o trimiton che significa "vestiario di cotone o tela")
  • ὕλογος/hulogos - esercito (attico: stratos; attico: σύλλογος, syllogos che significa "riunione" o "assembramento")
  • Vανάϡα Πρειία/Vanassa Preiia - signora-dea (omerico: ϝάνασσα vedi wanax; ΚλεVύτας ΛϝαραVυ Vασιρϝο̄τας dedicatolo a lei)[12]
  • Vοῖκυ/voiku - casa (attico: oikos; cretese e locrese: ϝοικία, Woikia)[13]
  • Vρυμάλια/Vrumalia[14]
  • φάβος/phabos[8] - luce (omerico: phaos; attico: phôs)
  • φεννίον/phennion (attico: μηδικὴ ὁδός, "strada dei medi ")
  • φίκατι/phikati[15] - venti (attico: eikosi; laconico: beikati; eolico, dorico: weikati).

OnomasticaModifica

(FR) Source: Brixhe, Dialetto greco della Panfilia

  • Ἀθιμῖϝυς Athimiwus e ἈθιμεVς
  • ἈπελάVρυVις Apelavruvis
  • Ἀρτιμίνα Artimina Ἀρτιμίδωρυς Artimidôrus (attico: Artemidôros)
  • Ἁφαστυς Aphastus (attico: Hephaistos)
  • Ἀφορδίσιιυς Aphordisiius (attico: Aphrodisios)
  • Βαλυς Balus
  • Βοβᾶς Bobas, Βοβᾶτυς
  • Γουκαλις Goukalis
  • Δέξιϝυς Dexiwus (attico: Dexios)
  • Διβῶτυς Dibôtus
  • Διϝίδωρυς Diwidôrus (attico: Diodôros) Διϝ- anche nei nomi ciprioti
  • Διϝονούσιυς Diwonousius (attico: Dionysios)
  • Ἑλλόθεμις Ellothemis (Cfr. cipriota: Ἑλλόϝοικος, Ellowoikos dall'omerico esthlos che significa "buono", "prode")
  • Εστλεγιιυς Estlegiius
  • Εχϝαλια Echwalia
  • Ζοϝαμυς Zowamus
  • Ζώϝειτους Zôweitous
  • Ϝανάξαδρυς Wanaxadrus - wanax + anêr
  • Ϝαρνόπα Warnopa Ϝάρνιτους Warnitous
  • Ϝεχιδάμυς Wechidamus (attico: Echedamos)
  • Ϝέχιτους Wechitous (attico: Echetos)
  • Ϝουκω Woukô
  • Θανάδωρυς Thanadorus (attico: Athenodôros)
  • Κέδαιϝις Kedaiwis
  • Κεσκεὺς Keskeus Κεσκῖϝους Keskiwous
  • Κοπερίνα Koperina
  • Κορϝαλίνα Korwalina - ragazzina (arcado-cipriota: korwa)
  • Κόρραγυς Korragus Ἀσπέδιιυς Aspediius di aspendo
  • Κουρασιὼ Kourasiô
  • Κυδρομολις Kudromolis
  • Λαυδίκα Laudika (attico: Laodikê)
  • Μιαλίνα Mialina o Meialina (attico: Megalina, Μιακλις Miaklis; attico: Megaklês)
  • Μουριξους Mourixous
  • Μουρμακω Mourmakô
  • Νεϝοχάρις Newocharis (attico: Neocharês e Νεϝόπολις Newopolis)
  • Ὀρυμνιϝυς Orumniwus
  • Πεδδᾶτος Peddatos
  • Πελλαυρύις Pellauruis
  • Περίϝεργυς Periwergus (attico: periergos)
  • Ποναμελδῶς Ponameldôs
  • Πορσόπα Porsopa
  • Πρεῖϝυς Preiwus
  • Σϝαρδιας Swardias e Ισϝαρδιας
  • Vαναξίωνυς Vanaxiônus
  • Φορδισία Phordisia (attico: Aphrodisia)
  • Χορείνα Choreina

NoteModifica

  1. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.7
  2. ^ Pamph. — Sillyon 400-350 a.C. Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.24.
  3. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.14, 3.8.
  4. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.2.
  5. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.19.
  6. ^ Brixhe, Dial. gr. Pamph. 3.12.
  7. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.
  8. ^ a b Eustazio Od.1654; Richard Valpy e Charles Anthon. Gli elementi di grammatica greca (12a edizione). New York: W.E. Dean, tipografo ed editore, 1831, p. 297.
  9. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.5.
  10. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 17.
  11. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.12.
  12. ^ Pamph. — Perge ~400 a.C. Epigr.Anat. 11:97,1
  13. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.14,17.
  14. ^ Brixhe, Dial.gr.Pamph. 3.15, Cf. rhum-.
  15. ^ Pamph. — Aspendo 250-200 a.C. Brixhe, Dial.gr.Pamph. 17

FontiModifica

  • (EN) Panayotou, A. "Pamphylian" (Maria Chritē e Maria Arapopoulou. Una storia del greco antico: dagli inizi alla tarda antichità. Cambridge University Press, 2007 ISBN 0521833078, pp. 427–432). Articolo in greco: Παμφυλιακή.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia