Apri il menu principale
Dialetto savonese
savoneise, zeneise
Parlato inItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
Locutori
Totale90'000
ClassificaNon in top 100
Tassonomia
FilogenesiIndoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Occidentali
     Galloiberiche
      Galloromanze
       Galloitaliche
        Lingua ligure
         Ligure centrale (o genovese)
          Dialetto savonese
Statuto ufficiale
Ufficiale in-
Regolato danessuna regolazione ufficiale
Codici di classificazione
ISO 639-2roa

Con dialetto savonese (savoneise, ma generalmente zeneise[1]) si fa riferimento alla varietà ligure parlata nel centro urbano Savona. La classificazione scientifica la identifica come subvarietà all'interno delle parlate centrali della regione, ed è (soprattutto oggi) del tutto affine a quella parlata nel capoluogo regionale.

CultoriModifica

Cultori della varietà di Savona sono stati, fra gli altri, Giuseppe Cava (Beppin da Cà), Edoardo Travi, Mario Scaglia (Claodin do Giabbe) e Giovanni Battista Niccolò Besio. Esistono inoltre musicisti e gruppi musicali locali con pezzi in repertorio in lingua locale, come la Corale Alpina Savonese, la Corale Femminile della Ginestra, la Corale Polifonica di Valleggia o Ivano Nicolini; fra gli autori, Mario Asiani, Benvenuto Icardi e Don Lello Paltrinieri. Né va dimenticato il tipico canto ligure polivocalico trallallero, dove il savonese è stato utilizzato da gruppi quali "l'Aurora" di Valleggia, "O Brandale", "I portuali", "La Foce" e la più longeva e famosa squadra di canterini della città, la "Secondo Grosso", nata alla fine degli anni '30 e rimasta in attività fino alla fine degli anni ottanta.

Aree linguistiche in Provincia di SavonaModifica

Al di là del mero dialetto del centro urbano di Savona, nell'omonima provincia possono essere identificate tre aree linguistiche distinte:

  • da Varazze a Noli sulla costa (compresa quindi Savona) si parlano varietà di tipo genovese;
  • da Varigotti fino a Taggia si parla un dialetto di tipo ligure centro-occidentale;
  • nel sassellese ed in Val Bormida si parla un dialetto del cosiddetto tipo Oltregiogo occidentale, con alcune caratteristiche di transizione verso il tipo piemontese.
  • La Val Bormida in cui si parla un dialetto di transizione tra il piemontese orientale ed il genovese.

NoteModifica

  1. ^ La dizione "genovese" (zeneise) è quella maggioritaria in ambito regionale per la denominazione delle varietà linguistiche locali, ove altre più precise identificano generalmente varietà specifiche di una data area (cfr. lingua ligure).

BibliografiaModifica

  • F. Toso, Liguria, in M. Cortelazzo, C. Marcato, N. De Blasi, e G.P. Clivio
  • I dialetti italiani. Storia struttura uso, Torino, UTET 2002, pp. 196–225
  • G.B. Nicolò Besio : "Dizionario del dialetto savonese. Calepìn de batuièza ciciolla" - Ed. Liguria, 1996 - ISBN 88-8055-154-X

Voci correlateModifica