Dialetto siceliota

Dorico siceliota
Parlato inItalia
Parlato inSiciliaSicilia
PeriodoVIII secolo a.C.-
Locutori
Classificaestinta
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
Codici di classificazione
Linguist Listgrc-sdo (EN)
Sicily cultures 431bc.jpg

Civiltà nella Sicilia antica (431 a.C.)

Il dialetto siceliota, o dorico siciliano, fu una variante del dialetto dorico del greco antico parlato nelle colonie greche di Sicilia.

Parlavano questo dialetto i cosiddetti sicelioti (Σικελιῶται).[1]

Storia della
lingua greca

(vedi anche: Lineare B, alfabeto greco)
Substrato preellenico
Proto-greco
Miceneo (1600–1100 a.C. circa)
Greco antico (800–330 a.C. circa)
dialetti:
eolico, arcado-cipriota, attico-ionico,
dorico, nord-occidentale (eleo), lingua omerica, locrese, panfilio, siceliota

Koinè greca (330 a.C.–330 circa)
varianti:
greco giudaico

Greco medievale (330–1453)
Greco moderno (dal 1453)
questione della lingua greca
dialetti:
cappadocico, cretese, cipriota,
demotico, dialetto di Cargese, ievanico, italiota (greco-calabro, griko), katharevousa, pontico, zaconico

  • Date tratte da D. B. Wallace, Greek Grammar Beyond the Basics: An Exegetical Syntax of the New Testament, Grand Rapids, 1997, pag. 12.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Sicilia greca.

NoteModifica

  1. ^ Sicelioti nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 17 agosto 2021.

BibliografiaModifica

  • Johannes Arens, De dialecto Sicula, Monasterii, Copenrath, 1868.