Diana Muldaur

attrice e doppiatrice statunitense
Diana Muldaur nella serie televisiva Nata libera (1974)

Diana Muldaur (New York, 19 agosto 1938) è un'attrice e doppiatrice statunitense.

BiografiaModifica

Nata a New York ma cresciuta a Martha's Vineyard, isola del Massachusetts, iniziò a recitare alle scuole superiori ed in seguito al Sweet Briar College, laureandosi nel 1960. Tra i suoi insegnanti, l'attrice teatrale Stella Adler. Apparve in film di vario genere, senza mai giungere a ruoli da protagonista, tra cui Un uomo a nudo (1968) di Frank Perry, Al di là di ogni ragionevole dubbio (1970) di Sidney J. Furie, Chi è l'altro? (1972) di Robert Mulligan e È una sporca faccenda, tenente Parker! (1974) di John Sturges.

Sin dagli inizi della carriera ha privilegiato la recitazione in produzioni televisive. È conosciuta soprattutto dagli spettatori di Star Trek per avervi partecipato in due distinti periodi: negli anni sessanta come guest star, in due episodi della serie classica; negli anni ottanta, con il ruolo ricorrente della dottoressa Katherine Pulaski nella seconda stagione di Star Trek: The Next Generation. Nel 1974 si rese celebre anche per il ruolo della naturalista e scrittrice britannica Joy Adamson nella serie Nata libera, ispirata all'omonimo film di di James Hill del 1966.

Diana è la sorella maggiore del cantante Geoff Muldaur; ha vissuto a Los Angeles dal 1970 al 1991. Era sposata con l'attore James Vickery fino alla sua morte nel 1979. Nel 1981 si è sposata con lo scrittore-produttore Robert Dozier, vivendo tra Los Angeles e Bear Valley, sempre in California nell'Alta Sierra. Nel 1991 l'attrice ha deciso di ritirarsi dalle scene dopo che a Dozier è stato diagnosticato un tumore. In seguito ha dichiarato: "Smettendo di recitare ho cominciato a vivere": Da allora la coppia ha cambiato stile di vita, andando spesso a sciare e giocare a golf. Dozier è scomparso nel 2012. La Muldaur non ha figli.

Filmografia parzialeModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN128096049 · ISNI (EN0000 0001 1498 4491 · LCCN (ENno2003027079 · GND (DE1082764949 · BNF (FRcb14209480t (data) · BNE (ESXX5593082 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003027079