Apri il menu principale
Beata Diana degli Andalò

Vergine

 
Nascita1201
Morte9 gennaio 1236
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione1888, da papa Leone XIII
Ricorrenza9 giugno[1]

Diana degli Andalò (o di Andalò) (Bologna, 1201[1][2]Bologna, 9 gennaio 1236[1][2]) è stata una religiosa italiana. È venerata come beata dalla Chiesa cattolica.

Indice

BiografiaModifica

Nacque a Bologna in seno ad una famiglia nobile e politicamente attiva; il padre Andrea Lovello (da cui il soprannome Andalò) apparteneva alla consorteria dei Carbonesi; suoi fratelli erano Castellano, Loderingo e Brancaleone degli Andalò. Non vi sono informazioni sulla sua infanzia, se non che era bella, allegra e intelligente[1]. Ammiratrice del beato Reginaldo d'Orléans, lo aiutò nel marzo 1219 nell'acquisto della località di Vigne (dove sorgeva il convento di San Nicolò, e dove sorge l'attuale Basilica di San Domenico)[2]. Nell'agosto dello stesso anno si unì ai domenicani, accolta da Domenico di Guzmán in persona[1][2], ma la famiglia era contraria e la costrinse a restare a casa[1]. Il 22 luglio 1221 si unì allora alle monache agostiniane dell'Eremo di Ronzano: anche stavolta i familiari cercarono di impedirglielo, arrivando perfino a rapirla (evento durante il quale si ruppe una costola)[2]; Domenico le inviò delle lettere per consolarla, oggi perdute[2]. La giovane, comunque, poi fuggì e fece ritorno a Ronzano[1], dove rimase fino al giugno 1223[2].

Il beato Giordano di Sassonia incontrò dunque la famiglia di Diana, e li convinse che l'unico modo per averla vicino era quello di fondare un convento: nel 1222 così, Diana, aiutata dalla famiglia e da Giordano, fondò il monastero di sant'Agnese di Bologna, su un appezzamento di terra di proprietà del padre[1][2]. Diana passò il resto della sua vita nel monastero, di cui divenne superiora, assieme ad altre monache oggi venerate come beate come Cecilia e Amata di Bologna[1][2].

Diana mantenne per anni corrispondenza con Giordano di Sassonia, e molte delle loro lettere sono tuttora esistenti[1].

CultoModifica

Venne beatificata da papa Leone XIII, l'8 agosto 1888[1]. Nelle icone è raffigurata come suora domenicana, che tiene in mano dei gigli, simbolo di purezza, e una rappresentazione del suo monastero[1]. La ricorrenza è il 9 giugno[1] (anche se vengono occasionalmente indicati anche l'8 e il 10 dello stesso mese[2]).

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Blessed Diana d’Andalo, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  2. ^ a b c d e f g h i j Beata Diana degli Andalò, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN86305361 · ISNI (EN0000 0000 7819 5849 · LCCN (ENnb2009010098 · GND (DE144047098 · BNF (FRcb15594854p (data) · NLA (EN35628779 · BAV ADV10232302 · CERL cnp01285385